Vittorio De scalzi Come Sta

Spargi l'amore
Vittorio De scalzi Come Sta
Vittorio De scalzi Come Sta

Vittorio De scalzi Come Sta -La famiglia ha pubblicato il seguente post su Facebook per far sapere a tutti: “Vittorio De Scalzi è partito per il suo Aldebaran, lasciandoci indietro. Voglio esprimere la mia gratitudine a tutti voi per il vostro sostegno in questi anni. Continuate a cantare a squarciagola” Quella carzza della sera “a squarciagola, scrivono Mara, Amanda e Alberto, citando i nomi della canzone e dell’album Aldebaran, uscito dal gruppo nel 1978, nonché il noto successo di quell’anno.

I funerali secolari si svolgeranno presso la sede del Club Tenco a Sanremo lunedì 25 luglio, alle ore 6. Sui social i fan e diversi interpreti esprimono il loro dolore per la scomparsa di Vittorio De Scalzi. La morte di Vittorio De Scalzi è pianto in tutta Genova e in tutta Italia. co-fondatore dell’ensemble musicale New Trolls e musicista e interprete di livello mondiale. Sono arrivato qui intorno alle 4:30 di oggi.

Renato Zero: Respirando per me una grande e insormontabile perdita, sento un vuoto assoluto. Farò del mio meglio per onorare Vittorio facendo in modo che le sue capacità musicali, la devozione agli altri che hanno condiviso la sua passione e i suoi profondi ammiratori come me non vengano mai dimenticati. “Purtroppo Vittorio De Scalzi ci ha lasciato, quindi dico una preghiera per lui. Abbiamo tutti seguito con entusiasmo e determinazione la direzione che la musica ci ha indicato in quegli anni, che #NewTrolls e la sua incredibile abilità hanno contribuito ad accendere. Buon viaggio, Vittorio .

“, come lo onora Dodi Battaglia dei Pooh. I New Troll, come Winnie the Pooh, sono nati negli anni ’60, ea loro siamo legati attraverso una varietà di ricordi, secondo Roby Facchinetti. Ne abbiamo sempre avuti moltissimo stima reciproca, sia musicalmente che personalmente.Dopo aver superato in modo sorprendente il Covid, ho telefonato a Vittorio, e abbiamo avuto una lunga conversazione in cui ha espresso quanto fosse ancora viva la sua passione per la musica.

Ciao, Vittorio, non ho dubbi che continuerai a creare musica con la stessa sensibilità, passione e brillantezza con cui hai mostrato tutta la tua vita da lassù. Buona fortuna per i tuoi viaggi, Vittorio. Goditi la tua serenità. Ciao amico. Rita Pavone ha twittato: “Possa la terra essere leggera per te. Parlando di “profondo dolore”, Shel Shapiro estende il suo abbraccio a “tutta la famiglia” e “tutti i New Troll, passati e presenti, per questa enorme perdita”.

Vittorio De scalzi Come Sta

Un altro talento eccezionale si sta allontanando da noi. “Ciao Vittorio, saluta il cielo”, è il messaggio d’addio di Nomad i. Vittorio De Scalzi, polistrumentista, compositore e cantante, è nato il 4 novembre 1949 a Genova. Lui e Pino Scarpettini fondarono i Trolls negli anni ’60, pubblicando il singolo “Behind the fog”. Sotto il soprannome di Napoleon, ha fatto il suo debutto da solista lo stesso anno con
Ha co-fondato i New Trolls nel 1967 con Nico Di Palo, Gianni Belleno, Giorgio D’Adamo e Mauro Chiarugi dopo il suo periodo con i Trolls. Scrive le canzoni dell’album d’esordio dei New Trolls, il concept album “Senza tempo senza Bandiera”, insieme a Fabrizio De André e al poeta Riccardo Mannerini. Quindi autografa alcune delle canzoni di successo della band, tra cui “Visions”, “Una mine” e “Quella carzza della sera”.

Oltre al suo amore per il rock progressivo, ha studiato anche la musica tradizionale genovese. Pubblica dodici album con i New Trolls, band che si scioglie nel 1997, e partecipa a sette Festival di Sanremo. Collabora inoltre con Sergio Bardotti, Mina, Ornella Vanoni e Anna Oxa. È stato nominato Artista dell’anno dal Tenco Award nel 2021 e un cofanetto intitolato C’era una volta che ho suonato nei New Trolls è stato rilasciato per celebrare la sua carriera.

Fa la sua apparizione nel documentario “La nuova scuola genovese”, scritto e diretto da Claudio Cabona nel 2022, che contrappone rapper genovesi, tra cui Izi, Tedua, Bresh, Nader, Disme, Guesan, Vaz Tè, e Ill Rave, che sono leader nel nuovo panorama musicale, con la precedente generazione di cantautori. C’è stato un tempo nella storia in cui la musica italiana ha raggiunto livelli elevatissimi di originalità e brillantezza.

I Genoese New Trolls furono senza dubbio la band italiana che meglio incarnava quel tempo. In verità, Concert for group and orchestra è stato il primo disco della band britannica Deep Purple. Due anni dopo, nel 1971, producono Concerto grosso. Il gruppo era ancora agli inizi e in precedenza aveva avuto un certo successo, ma intraprendere un’impresa così difficile e costosa era un azzardo. Fu una svolta nella musica italiana in cui nessuno si era avventurato. Risposto per realizzazione.

L’idea era di fondere il rock con la musica operistica. Ne fu responsabile Vittorio De Scalzi, uno dei membri fondatori di una delle numerose band beat incluse nell’epopea. Ha studiato pianoforte dall’età di 4 anni perché sua madre è una musicista che lavora. Dopo aver acquisito queste ispirazioni, ha dato vita al loro secondo disco, reso possibile dal compositore Luis Bacalov, che in seguito è diventato famoso per le sue numerose colonne sonore di film e di cui ha curato la direzione musicale.

Il concetto wa

s semplicemente un’esibizione su larga scala, simile a quelle dell’era barocca, con le parti solistiche della partitura eseguite dai New Trolls e dall’orchestra dell’autore utilizzando apparecchiature rock. Secondo l’organizzazione tripartita standard di un concerto barocco, l’intero lato A dell’album offre una suite in quattro capitoli, i primi tre dei quali costituiscono il concerto vero e proprio.

L’ultimo pezzo è servito come memoriale al chitarrista americano recentemente morto chiamato Shadows (per Jimi Hendrix). I New Trolls hanno registrato venti minuti ininterrotti di musica per il lato B dell’album dal vivo e senza orchestra, con l’assolo di batteria di quasi sette minuti di Gianni Belleno che chiude l’ultimo tratto. La band pionieristica del “progressive rock” degli anni ’70 era conosciuta come i New Trolls. Il mondo era dipinto di nero dalle case, dalle pietre e dal carbone.

Vittorio De scalzi Come Sta
Vittorio De scalzi Come Sta

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!