Vittoria Zanetti Poke House

Spargi l'amore
Vittoria Zanetti Poke House
Vittoria Zanetti Poke House

Vittoria Zanetti Poke House – Ex cameriera con un debole per il poke, Vittoria Zanetti ora controlla un business internazionale da oltre 40 milioni di euro con 105 sedi. Quello che dice ad altri giovani motivati è esposto qui. Se ci aveste chiesto cosa fosse un Poke fino a poco tempo fa, forse non saremmo stati in grado di darvi una spiegazione chiara. Ora, però, le cose sono diverse;

questo piatto, che può essere cucinato con tonno, salmone, pollo e riso, è familiare praticamente a tutti. Un piatto semplice che in qualche modo riesce a stupire. Questo meraviglioso piatto, a base di avanzi di pesce,

era in origine lo spuntino dei pescatori hawaiani. Coloro che hanno avuto la lungimiranza di introdurre Poke in Italia nel 2017 possono ora vantare 105 sedi in sette nazioni grazie alla loro intuizione. Alla tenera età di 31 anni, Vittoria Zanetti, sotto l’etichetta Poke House, ha accumulato una fortuna di oltre 40 milioni di euro.

Il suo consiglio ai suoi coetanei e alla generazione più giovane che ha appena iniziato a lavorare è di “farsi strada”. Ho lavorato come cameriera, supervisore infermieristico e barista. I miei capi non erano flessibili, eppure abbiamo comunque impiegato molte ore. Spiega Vittoria: “So che il mio intuito, per quanto grande,

probabilmente sarebbe rimasto un sogno privato se non avessi acquisito esperienze lavorative di ogni tipo, capaci di plasmarlo e renderlo rivoluzionario. Con l’aiuto della sua amica esperta di cibo e il creatore di Foodinho Matteo Pichi, e la sua stessa serendipità, un’ex cameriera con una seria voglia di avventura culinaria si imbatte in un pasto che prima era praticamente sconosciuto in Italia .

Veronica ha avuto la lungimiranza di trovare l’ispirazione di cui aveva bisogno durante un volo tra California e Florida, quando si innamorò della semplicità fresca e genuina del piatto, così lei e il suo amico Di ilio Matteo Pichi si misero al lavoro, aprendo il primo negozio di una serie di loro nelle buie e anguste cucine di Milano. l’epidemia ha facilitato loro le cose,

perché il cibo non si rovina e non si raffredda durante la distribuzione, anzi, sembra essere stato pensato proprio per la consegna. Secondo Vittoria, “l’esperienza mi ha insegnato che si non avrei paura di andarmene”, poiché ha avuto il coraggio di lasciare il suo lavoro per perseguire il grande concetto in cui credeva.

Siamo arrivati così lontano come azienda e come marchio grazie a una salsa speciale di determinazione e ambizione. Con 105 punti vendita in 73 paesi, l’azienda prevede di guadagnare oltre 40 milioni di euro di vendite nel 2020. Il desiderio di perseguire qualsiasi cosa e una visita negli Stati Uniti sono serviti da impulso.Con oltre 40 milioni di euro di vendite nel solo 2021,

il marchio conta 105 punti vendita in tutto il mondo. Il desiderio di perseguire qualcosa e una visita negli Stati Uniti sono stati gli impulsi per l’intera faccenda. Zanetti, co-fondatore di Poke House con il suo amico Matteo Pichi, ha dichiarato: “Quattro anni fa, quasi tutti in Italia capivano il poke. Mi sono esercitato molto nei ristoranti, ho viaggiato, ho preso in prestito l’idea perfetta all’estero,

Vittoria Zanetti Poke House

e poi l’ L’ho portato qui”. Vittoria, classe 1991, ha sottolineato l’importanza dell’apprendistato. Nessun risultato è un prodotto del puro caso. È necessario sporcarsi le mani. Questo voglio dire ai miei contemporanei: non abbiate paura di sporcarvi le mani, di valorizzare le lezioni che imparate anche nelle occupazioni più umili e di tenere gli occhi puntati sulle stelle.

In parte è perché siamo giovani e abbiamo offerto una nuova prospettiva che siamo stati in grado di ottenere finanziamenti. Una dichiarazione commovente, soprattutto in questi tempi difficili per il settore della ristorazione, dove sembra esserci una carenza di candidati. Presumibilmente, una volta diplomata al liceo mantovano, Vittoria partì per Milano in cerca della sua ricchezza.

Hai fatto molto bene nel settore della ristorazione, e questo è in gran parte dovuto all’abbondanza di opzioni e formati di ristorazione nella City. L’industria alimentare in particolare le ha fatto venire i brividi, ma ha deciso di indagare sul problema da zero. Per mantenermi, ho prima trovato lavoro nel settore dell’ospitalità. In vari momenti della mia vita ho lavorato come barista,

caposala e cameriera. I miei capi non erano flessibili, eppure abbiamo comunque impiegato molte ore. Sono stati tempi difficili, ma sono contento di averli attraversati perché ho imparato così tanto, ha detto ad HuffPost. Per una donna d’affari, un apprendistato è stata un’opportunità per sporcarsi le mani nel mondo culinario in modo che alla fine potesse farlo suo.

Un viaggio tra la California e la Florida ha fornito l’ultima scintilla di creatività, dove si è reso conto che alla fine gli americani si uniscono sempre. Qui alle Hawaii, Vittoria non ne ha mai abbastanza dei poke, ciotole colorate di riso condite con una varietà di ingredienti freschi e deliziosi. Si allea con Matteo Pichi e partono per il loro viaggio. Tutto è iniziato con una minuscola cucina nera,

e da lì abbiamo raccolto i soldi per aprire il nostro primo negozio nel quartiere Isola di Milano, vicino alla base del Bosco Verticale. A tempo debito, siamo diventati l’etichetta più richiesta di tuttei principali servizi di spedizione. La nostra impressione era che avremmo potuto sfruttare la crescente popolarità del poke in Italia fornendo un prodotto eccellente,

una solida strategia aziendale e un’idea originale. Per una volta la pandemia non ha stravolto i piani. È vero il contrario, invece. Oltre ad essere pronto da mangiare all’arrivo, il poke è anche facilmente trasportabile grazie alla sua capacità di essere sia freddo che confezionato. Ragazzi, se pensate di avere una buona idea, dovreste provarla, crederci e mettervi al lavoro. Lasciare il lavoro e iniziare una nuova avventura è l’aspetto più terrificante e rischioso. Bisogna avere molta fiducia in esso”, ha detto Zanetti nell’intervista.

Vittoria Zanetti Poke House
Vittoria Zanetti Poke House

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!