Vittoria Zanetti Figlia

Spargi l'amore
Vittoria Zanetti Figlia
Vittoria Zanetti Figlia

Vittoria Zanetti Figlia – Matteo Pichi, classe 1986, e Vittoria Zanetti, classe 1991, sognavano di portare un pezzo di California in città, e lo hanno fatto attraverso un format di ristorazione giovane e innovativo: sia nell’offerta gastronomica – poke bowl in chiave californiana – e nello stile, attraverso un interior design che colpisce per l’intensità dei colori,

la semplicità degli arredi e il fascino della piazza esotica. Poke House ha aperto i battenti a novembre 2018. Lui classe 1991, mantovano di nascita e milanese d’adozione per scelta. Mentre studiava Scienze Politiche all’Università Cattolica di Milano, decise di trascorrere un po’ di tempo in California, non solo per migliorare il suo inglese,

ma anche per concentrarsi su quello che doveva essere l’inizio di una carriera politica. Dopo essersi innamorata dello stile di vita rilassato della West Coast e delle sue numerose poke house, ha deciso di trasformare il suo amore per la cucina in un vero e proprio business e, insieme a Matteo Pichi, ha lanciato Poke House. Instagrammabile, un tripudio di colori,

nutrizionalmente sano e senza problemi grazie alla comodità della consegna. Le poke bowl hanno tutte le caratteristiche di un nuovo cibo alla moda, e infatti molti di noi ora mangiano poke regolarmente, specialmente nelle città più grandi. Alcuni potrebbero vederlo come una moda passeggera,

tracciando parallelismi con il successo del sushi o degli hamburger gourmet degli ultimi anni; tuttavia, solo il passare del tempo rivelerà la vera natura di questo fenomeno. È ovvio che dietro questo movimento si nascondono trionfi imprenditoriali come quello esemplificato da Poke House e dalla sua fondatrice Vittoria Zanetti.

È nata nel 1991 e ha trascorso la sua infanzia a Mantova, ma alla fine ha deciso di fare di Milano la sua residenza fissa perché si è innamorata della città. Impegno per una passione comune: dopo essermi trasferito, mi sono reso conto che questa era una città con un’ampia varietà di opzioni ristorative da esplorare. Essendo una persona che ha sempre apprezzato sia la cucina che i pasti fuori, ogni sera provavo spesso nuovi ristoranti.

Hai frequentato l’Università Cattolica e conseguito una laurea in scienze politiche prima di iniziare a lavorare nel settore della ristorazione con la speranza di dare vita un giorno a un formato lei. Ero un principiante assoluto. Queste erano situazioni difficili. Molto spesso i superiori erano molto severi. Quello che sto facendo ora, però,

è molto aiutato dalle esperienze che ho avuto in quel periodo, dice. Ti sei premiato con il tempo nella divisione marketing, eventi e pr di Calzedonia dopo il tuo periodo nel settore della ristorazione. Questa deviazione è servita solo a consolidare la sua determinazione a perseguire una carriera come imprenditore alimentare.

L’epifania gli è venuta durante un periodo trascorso negli Stati Uniti, tra la California e la Florida. Fu lì che incontrò per la prima volta il poke, un alimento base della cucina hawaiana composto da pesce crudo, riso, frutta, verdure e altri condimenti. A parte il cibo e le persone che visitavano i ristoranti che lo servivano, mi sono innamorata perdutamente della cultura che circondava i locali.

Vittoria Zanetti Figlia

Dovevo portarla in Italia”, spiega. In Matteo Pichi, il creatore di Foodinho, un’app per la consegna di pasti acquisito da Glovoto per poter espandere le sue operazioni in Italia, il progetto ha trovato un alleato e un partner eccellente.Nel novembre del 2018, Vittoria e il suo partner hanno iniziato a sviluppare il formato, con Vittoria concentrata sul prodotto e sul lato operativo delle cose ,

e il suo partner per l’espansione dell’attività. Dopo solo un mese, ci siamo alzati e siamo partiti. Inizialmente, abbiamo creato una minuscola cucina nera online, e poi abbiamo aperto la nostra prima sede a Milano; in breve tempo, siamo diventati i più in -demand brand sui servizi di consegna di cibo online”, spiega. Mi sono occupato di tutto ciò che riguardava il prodotto,

dall’approvvigionamento degli ingredienti al lavoro a stretto contatto con lo chef per perfezionare le ricette. Ho dedicato molto tempo e impegno all’obiettivo dell’uniformità del prodotto. Attualmente tutte le sedi di Milano sono servite da un unico laboratorio situato a Rozzano. Ora, la difficoltà sta nell’applicare questi stessi standard nelle nostre sedi di Roma, Torino e Madrid.

Dopo due anni, l’azienda si è espansa a venti ristoranti con un fatturato annuo combinato di dodici milioni di euro. Ha appena aperto il suo primo negozio a Madrid e molti a Lisbona, e ha esteso le sue operazioni ad altre città italiane come Roma e Torino. È una strategia di crescita che non ha intenzione di rallentare e si rivolge direttamente ai grandi centri urbani come Barcellona e Valencia.

A maggio, inoltre, Milano Investment Partners, il fondo di venture capital di Angelo Moratti, ha condotto un round di finanziamento di 5 milioni di euro a sostegno del progetto. Gli investitori sono stati probabilmente conquistati dalla resilienza del marchio durante le crisi sanitarie e le successive chiusure dei ristoranti: “Abbiamo subito grosse perdite,

ma ci siamo salvati grazie al forte. Abbiamo impiegato molto tempo ed energie per pubblicizzarlo online come un’opzione conveniente per raccolta delle consegne.In quel lasso di tempo, abbiamo anche sviluppato diverse identità digitali per sushi, insalate e pollo frittoit. Siamo stati in grado di aumentare le nostre vendite con il loro aiuto”, afferma. Instagrammabile,

un tripudio di colori, sano dal punto di vista nutrizionale e senza problemi grazie alla comodità della consegna. Le poke bowl hanno tutte le caratteristiche di un nuovo cibo alla moda e in Infatti, molti di noi ormai mangiano poke con regolarità, soprattutto nelle città più grandi, qualcuno può considerarla una moda passeggera,

che fa paragoni con il successo del sushi o degli hamburger gourmet degli ultimi anni, tuttavia solo il passare del tempo svelare la vera natura di questo fenomeno: dietro a questo movimento si nascondono trionfi imprenditoriali come quello esemplificato da Poke House e dalla sua fondatrice Vittoria Zanetti, classe 1991, che ha trascorso l’infanzia a Mantova, ma che alla fine ha deciso di fare Milano la sua residenza fissa perché si è innamorata della città. Entrambi abbiamo un appetito insaziabile,

Vittoria Zanetti Figlia
Vittoria Zanetti Figlia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!