Vania Protti Biografia

Spargi l'amore
Vania Protti Biografia
Vania Protti Biografia

Vania Protti Biografia – Sognavamo al cinema è un libro che racconta la storia di Vania Protti Traxler, importantissimo distributore italiano a cui si deve l’uscita nelle sale di molti capolavori cinematografici. Sarà esposto alla Cineteca di Bologna il 18 gennaio. Vania Protti Traxler è una signora del cinema quasi destinata a lavorare nell’industria cinematografica.

Il suo bisnonno, Ottorino Protti, e suo fratello Gino, visitarono i fratelli Lumière a Parigi nel 1904 e rimasero così colpiti dagli alambicchi veloci che vollero riportarli a Mantova per utilizzarli nella propria attività. Hanno allestito un cinema improvvisato proiettando immagini di pizza su fogli bianchi. Arnoldo Mondadori, invece, da buon amico, ha stampato i manifesti.

Questo è il primo capitolo della saga di una famiglia che fa film da oltre un secolo. Di recente Alberto Crespi ha presentato Sognavamo al cinema a Roma, sia di persona che in radio all’Hollywoodparty; il film sarà proiettato alla Cineteca di Bologna il prossimo 18 gennaio. Vania Protti Traxler, affettuosamente conosciuta come “La Distributrice”,

ha raccolto un archivio prezioso che documenta la storia della distribuzione del cinema d’autore italiano, ea lei va un debito di riconoscenza . Con suo marito Manfredi Traxler, ha distribuito una serie di film acclamati dalla critica, tra cui quelli di Wim Wenders e Leos Carax e Krysztof Kielowski e Radu Mihaileanu e Tom Ford e Alexander Sokurov. Negli anni ’50 Vania sposa Ferruccio Ricordi,

meglio conosciuto come Teddy Reno; tuttavia sarà il suo secondo marito, Manfredi Traxler, con il quale costruirà l’Accademia. Dopo aver visto un magnifico anello di rubini alla Boucheron di Cannes, nel 1979 chiese invece in regalo a Manfredi il film Le nozze di Maria Braun. . I vincitori dell’Oscar includono i film Mephisto , My Left Foot ,

The Soldier’s Wife e The Counterfeit dopo le loro prime uscite cinematografiche. Oltre all’amore per i film, c’è anche un’ossessione culinaria. In realtà, sfogliando le sue pagine, scopriamo un libro di cucina enorme e squisito, pieno di storie di portate rare che attestano l’eccellente gusto dell’Accademia sia nella distribuzione cinematografica che nell’ospitalità.

La signora Protti Traxler cucina piatti deliziosi e ospita ogni sua festa con scrupolosa attenzione ai dettagli. Ha preparato una crostata di taglioni al burro, roast beef spagnolo e budini al cioccolato con salsa allo zabaione per la prima de Il Raggio Verde. Una lasagna alla bolognese, rana pescatrice al forno con patate,

timballo di cavolfiore con besciamella e un bon bon di castagne al cioccolato sono nel menu del cielo notturno di Berlino. Wim Wenders, infatti, sembra avere un debole per le lasagne alla bolognese, e la lasagna di Vania non è seconda a nessuna. sono stati pubblicati in concomitanza con le loro prime uscite nelle sale.

Vania ha avuto una carriera di attrice stellare che continua a ispirare le nostre fantasie più sfrenate. Si è sposata due volte, ha avuto un figlio e due nipoti, aveva un guardaroba favoloso e ha goduto di una professione di successo come distributore di film, tutto ciò deve averle portato grande gioia. Vania Traxler disprezza la sottile disonestà insita in etichette come “vecchio” e “giovanile”.

Vania Protti Biografia

È più a suo agio nel riferirsi a se stessa come una “vecchia signora” e affermare in modo pratico che il suo 80esimo compleanno arriverà il 6 novembre. Potrebbe non guardarli ora all’età di 80 anni, ma sicuramente li ha vissuti al massimo. a chiunque in Italia apprezzi il cinema di qualità attraverso il marchio Academy che ha co-fondato con il suo secondo marito Manfredi Traxler e la società Archibald che ha fondato dopo la sua morte.

Il matrimonio di Maria Braun di Rainer Werner Fassbinder è stato il primo film distribuito e Faust di Alexandre Sokurov ha vinto il Leone d’Oro 2011 a Venezia. non è un’intervista testamentaria, come un canto del cigno”. Nel frattempo, leggerò la biografia e manterrò la mia parola. Vania Protti è cresciuta a Bologna con l’amore per i film nelle vene;

la sua famiglia è nel settore della distribuzione cinematografica dal 1904. Fin da giovane, Vania sapeva che non sarebbe mai stata “il tipo da giocare a carte con i suoi amici quando era vecchia”, nonostante la sua educazione dorata ma anche drammatica. l’amico di famiglia Valerio Zurlini pensava che sarebbe diventata una grande attrice.

Ha affermato di “non avere il mito del cinema perché era un mondo che conoscevo bene e che davo per scontato”, rendendola del tutto disinteressata al mezzo in quel momento. Sanremo, la grande sfida, un film del 1960, però, lo interpretava.capacità di recitazione! La produzione del film ha coinvolto mio padre, e poi c’era Ferruccio, quindi ho dovuto farne parte.

Ferruccio è il cantante, attore, produttore musicale, scopritore e marito di Rita Pavone, Ferruccio Ricordi, soprannominato Teddy Reno . Era stato sposato con Vania ed era il padre di Franco prima di incontrare Rita. Non hanno raffreddato la loro amicizia. Si incontrano regolarmente quando Ferruccio è a Roma, e mi è capitato di incontrarlo nell’ufficio di Vania il giorno del mio colloquio con lei.

Può essere uno scandalo per alcuni, ma a me non interessa. Non esiste il divorzio in Italia, quindi io e Ferruccio vivevamo separati da tre anni. Tuttavia, a quei tempi, la società disprezzava duramente le donne divorziate. Credi che avevo da poco avviato un’attività con la mia amica Sandra Moizzi, figliastra di Indro Montanelli? Siamo stati invitati ad essere intervistati in una trasmissione Rai sulla nostra linea di abbigliamento,

Vania Protti Biografia
Vania Protti Biografia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!