Tommaso Cerno Malattia

Spargi l'amore
Tommaso Cerno Malattia
Tommaso Cerno Malattia

Tommaso Cerno Malattia – Roma è la capitale d’Italia. Alla domanda sul perché si sia occupato di politica, ci ha sbalordito con la sua risposta: Secondo Tommaso Cerno, l’ex direttore del prestigioso quotidiano italiano l’Espresso e condirettore di Come direttore di Messaggero Veneto, avevo deciso di

fare un passo fuori uso. A parte questo, Carlo De Benedetti mi ha dato indicazioni per l’Espresso. Di fronte a questa sfida, ho pensato di ritardare la mia partenza dal giornale dove avevo trascorso così tanto tempo a lavorare. Tuttavia, la decisione era stata semplicemente rinviata. “. Il tuo tumore è

sparito? Cosa sta succedendo nella tua vita in questo momento? La burocrazia italiana funziona straordinariamente bene per i malati di cancro, come ho scoperto a mie spese. Dopo aver ricevuto la diagnosi, ho ricevuto una lettera dall’ASL che mi esonera dal ticket per tutta la vita e notando che ero

Tommaso Cerno Malattia

un paziente con patologia oncologica maligna. Inoltre, ho imparato che il cancro è una condizione permanente. Ho subito un’importante operazione e radioterapia. E ho capito che è una malattia che, una volta che prende piede, si altera tutta la tua visione della vita. Non c’è nessuna parte del “sei

guarito” nel suo messaggio; ti dice solo che la tua aspettativa di vita è aumentata. Di fronte alla morte, ho riflettuto sullo stato attuale del giornalismo in Italia e sul suo posto nel paese storia. In Italia il giornalismo è una specie di attivismo politico. Quindi faremmo meglio a proclamare la nostra

identità. Così come alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. Secondo te, perché afferma che il giornalismo è una forma di attività politica?” Proprio nel modo in cui sono. I giornali che affermano “imparzialità” mi fanno ridere. Il sapone per le mani è neutro; uno shampoo delicato sulla pelle è il

terzo. Nonostante il fatto che il giornalismo non sia imparziale, non ha il coraggio di ammetterlo. I giornali si occupano di politica, ma cercano di tenerlo nascosto ai lettori. Appena ho fatto domanda, qualcuno mi ha aggredito». Chi è il responsabile? «I giornalisti. Come risultato della mia candidatura,

ho esposto la loro debolezza “Per ulteriori informazioni, consultare il seguente link: Chi crede che l’adesione a un partito sia la fine della libertà può sostenere che i giornali non sono “terze parti” perché scelgono e prendono liberamente si schiera di volta in volta, ma questo è discutibile. Anche

Repubblica è un partito politico? “Lo ha sempre dichiarato”, dice il passato. Repubblica, invece, fa giornalismo civile. Un’altra differenza è che non è un quotidiano politico. Affermano, tuttavia, che lei ha scelto di candidarsi solo dopo aver cercato e non aver ottenuto la guida della Repubblica o, in

mancanza, della stampa. È un dato di fatto? Per essere chiari, non ho cercato l’amministrazione di alcun delle pubblicazioni del gruppo, secondo un comunicato ufficiale. Dichiararla una “scelta personale” è tutt’altro che una forma di trattativa. È anche una richiesta che non sarebbe rientrata

nel mio programma se non fosse stato per questo. Invece di andando a Repubblica o della Stam pa, avrei potuto chiedere un aumento. Avrei rifiutato anche la gestione congiunta se avessi voluto la gestione “Per ulteriori informazioni, consultare il seguente link: Quello sembrava essere il primo passo

per tutti. In altre parole, la politica non è un piano di riserva per te. Piuttosto, Santoro ha affermato che i giornalisti si impegnano nella politica per sfuggire a una sezione della loro professione in crisi o in crisi: la politica come riciclaggio di risorse I giornalisti che pensano che la politica sia “merda”

possono solo guardare qualcuno che ha 43 anni e decide di fare qualcosa per la sua nazione come ultima opzione.” Questo li ha portati a concludere che stanno facendo un’osservazione sullo stato del mondo. In alternativa, la politica è la forma più alta dello sforzo umano. E, naturalmente, la cronaca

politica è un requisito. Alla fine, si riduce alla prospettiva. La politica è uno stile di vita per me. Ma hai preso un congedo per assenza dal lavoro. Un sacco di spazzatura è stata scritta su questo. Ho passato un po’ di tempo a fare campagna. Ciò significa che affronterò il problema a testa alta.

Tuttavia, questa non è una mia preoccupazione. E uno statuto statale permette il tempo libero. È una pretesa legittima. Ed è un diritto democratico che va tutelato». Dunque questa è una lotta di principi. Da Spadolini a Furio Colombo a Michele Santoro ci sono stati tanti giornalisti che nella loro vita sono

stati attivi in ​​politica. «Io sostengo il libertà di stampa di impegnarsi in politica. Come mai? Perché altrimenti la nostra democrazia sarebbe un luogo in cui la stampa è segretamente impegnata nella politica, e vogliono anche rimuovere la legge che garantisce a tutti i cittadini pari accesso al voto.

Quelle sono le persone che cercano un paese senza democrazia. “Alcuni giornalisti.” Non so chi siano. Per finire, voglio che tu sappia che tutto ciò che hai letto su di me è stato scritto senza contattarmi in alcun modo. Anche se ho risposto a tutti quelli che l’hanno fatto. E non è stato affatto un problema

per me spiegare. Controllare e chiamare è qualcosa che fanno i giornalisti. Al contrario, ci sono giornalisti che choose avere una “relazione conflittuale” con qualcuno che ha preso una decisione che trova sconvolgente. Anche così, è possibile che alcuni giornalisti di Repubblica si siano sentiti

ingannati dalla tua decisione di partire dopo soli tre mesi. A margine, perché sei qui per i Democratici?” Sono perplesso. Dato che non ho mai aderito a un partito politico, non sono nemmeno iscritto al Pd. Nel 2012 ho votato Renzi rispetto a Bersani perché avevo sempre considerato Bersani il primo ministro ideale di un decennio prima.

Tommaso Cerno Malattia
Tommaso Cerno Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!