Storia Di Un Venditore Di Donne

Spargi l'amore
Storia Di Un Venditore Di Donne
Storia Di Un Venditore Di Donne

Storia Di Un Venditore Di Donne -Nel 1978 le Brigate Rosse rapiscono Aldo Moro a Roma, in Sicilia boss mafiosi come Gaetano Badalamenti soffocano ogni tentativo di resistenza civile e all’ombra della Madonnina le bande di Vallanzasca e Turatello riaccendono la tensione in una città già segnata dalle tensioni socioeconomiche. Ma anche in questo clima,

la dolcezza del capoluogo lombardo, che si appresta a diventare la “Milano da bere” degli anni Ottanta, non conosce sosta. La società benestante, che migra a Santa Margherita e Paraggi in primavera e in estate, ha un numero crescente di luoghi dove ostentare la propria ricchezza. Un uomo anonimo, reso comico da un termine gergale per un losco uomo d’affari,

fa i suoi affari in ristoranti di fascia alta, discoteche e bische clandestine. Lo chiamo Bravo. Come mercato, le donne sono il suo obiettivo principale. Li sta vendendo. La sua vita è una notte bianca trascorsa in compagnia di ubriaconi come il suo amico Daytona. L’unico essere umano con cui sembra andare d’accordo è il suo raccapricciante vicino di casa e chitarrista,

Lucio, con il quale ama crittogramming. Fu solo quando Carla si presentò a Bravo che gli effetti dell’handicap cominciarono a svanire. Mentre per la maggior parte delle persone questo sarebbe l’inizio di un nuovo capitolo della loro vita, per lui è l’inizio di una trappola che lo lascerà vulnerabile alla polizia, alla malattia e a un gruppo terroristico.

Uno sguardo oscuro su uno dei periodi più drammatici della storia italiana del dopoguerra, ambientato in una Milano che oscilla tra sconvolgimento culturale e degrado morale. La Milano di Giorgio Faletti è vicina e prossima al tramonto. Non è il tipo di città in cui le persone corrono freneticamente in direzioni diverse tutto il giorno,

e non è il tipo di città in cui le persone vanno alle feste e si sballano tutta la notte. Alle prime luci dell’alba Milano esce dai locali di viale Monte Rosa, la città delle Renault 4 lanciate sulla bretella di Assago, o si dirige verso Cesano Boscone, la città dei parcheggi umidi accanto alle case di campagna, dove i boss della malavita riconvertono i garage nelle bische e lacchè di ogni genere, con auto dai colori improbabili, sono lì a guardargli le spalle.

New York e Montecarlo, ambientazioni rispettivamente del thriller d’esordio di Giorgio Faletti Io uccido, e della sua opera più recente, Io sono Dio, lasciano il posto in questo romanzo alla città più noiosa d’Italia, luogo dove si sono concentrati i peggiori avvenimenti della storia repubblicana alla fine degli anni ’70.

\Dal momento che gli interessi in campo sono confusi e la torta deve ancora essere divisa, il 1978 è il momento ideale per avviare un’attività che cambierà il panorama della città. Milano ospita una vasta gamma di persone: dalle bande armate e dai mafiosi siciliani ai comici del Derby e alle donne di Bravo, che possono guadagnare in una sola notte quanto un lavoratore medio in un mese intero.

Il lavoro di Bravo alla fine è semplice; tutto ciò che fa è abbinare l’enorme e meticolosa domanda della città di Milano con l’offerta apparentemente infinita della città. Ma siccome sono solo donne dal gusto impeccabile, hanno tutto sotto controllo per garantire i più alti standard di qualità e discrezione, caratteristiche che Bravo possiede indiscutibilmente.

Bravo cammina sulla linea sottile tra l’essere un bravo ragazzo e un deficiente. Dalla ha un intelletto acuto, è estremamente intraprendente e ha la visione del mondo di qualcuno che ha visto la morte in faccia. Eppure il destino, interessi superiori, nemici invisibili e un passato straziante cospireranno contro di lui, trasformando la sua vita in un incubo vivente.

Una storia affascinante con molte svolte inaspettate. Un uomo che non può fare altro che scambiare le sue donne. Una serie di crittografie, come gli enigmi impegnativi che potresti trovare nelle riviste, in cui una serie di numeri rappresenta una frase che devi decifrare usando solo il tuo cervello e la tua intuizione, funge da tema unificante in tutto il libro. Uno dei thriller più empatici di Giorgio Faletti,

presenta persone e ambientazioni dei primi anni di vita e professione dell’autore. L’ode a un’epoca passata in cui gli ideali di una “terra di nessuno” che deve essere conquistata e di “un’isola di opportunità per ogni uomo” regnavano sovrani, anche se a scapito della moralità. 1978. Quando Vallanzasca governa la malavita milanese,

Storia Di Un Venditore Di Donne

Bravo e il suo compagno Daytona si godono la vita notturna di alto livello della città e gli stabilimenti di gioco. Poiché si occupa di “vendere” donne, Bravo si considera un imprenditore. Ma essere una donna broker, o magnaccia, non è semplice; quando Carla si presenta, il suo mondo verrà capovolto mentre lei suscita sentimenti che lui ha sepolto per molto tempo.

Trascorrere solo una notte lontano da un casinò può cambiare la tua vita per sempre. D’altra parte, questo non sarà l’inizio di un intero nuovo capitolo della tua vita, ma piuttosto l’inizio della fine. Avere la possibilità di adattare Appunti di una venditrice di donne, originariamente scritto da Giorgio Faletti, è stato un enorme privilegio. Il libro ha costruito una trama complessa,

uno strumento di narrazione high-tech con una cornice drammatica che ricorda il film. Il mio compito era decifrare gli stati d’animo usando una chiave che riflettesse quella dell’operaallusioni generali, in particolare al cinema degli anni ’70, in cui Milano ha svolto un ruolo centrale. Quindi, ho cercato di immaginare come gli autori di quell’epoca avrebbero descritto questa storia se avessero avuto accesso agli stessi strumenti che abbiamo noi adesso.

Non c’è dunque una “via di mezzo” tra lo stile normale di quegli anni e quello attuale se si considera il linguaggio del film. Inoltre non volevo cadere nella trappola del rimaneggiamento “vintage”; piuttosto, stavo cercando una versione contemporanea di temi e situazioni classici. L’idea era di trasportare il narratore in un’epoca precedente. Le condizioni negli ecosistemi hanno presentato le maggiori difficoltà per questa operazione. Per il semplice motivo che Milano è molto cambiata da quegli anni,

Storia Di Un Venditore Di Donne
Storia Di Un Venditore Di Donne

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!