Sara Simeoni Malattia

Spargi l'amore
Sara Simeoni Malattia
Sara Simeoni Malattia

Sara Simeoni Malattia – ROMA E VERONA; RIVOLI VERONESE. È chiaro che Sara Simeoni ed Erminio Azzaro formano una coppia straordinaria. Numerose specifiche fanno luce su questo. È lei che chiede se il visitatore appena arrivato vorrebbe o meno del caffè. È lui che suggerisce un bicchiere di vino rosso con un capocollo delle Sabine di allora. È lei che risponde alle sue domande, e ogni tanto si ferma per fargli un cenno d’intesa con gli occhi per segnalargli che non ha bisogno di elaborare ulteriormente poiché lui sa già tutto quello che c’è da sapere su di lei.

Hanno fatto la storia come la prima coppia atletica italiana a rimanere insieme. Inoltre, cita il professor Cacchi e Paola Pigni, aggiungendo: “Ma non ha gareggiato”. Per Azzaro la risposta è sì; ha vinto il bronzo ai Campionati Europei di Atene nel 1969 e l’argento alle Universiadi nel 1970. Inizialmente si sono collegati a un evento del college del Mar Nero. Durante questo periodo, “non ci sono state interruzioni, c’era più tempo per connettersi”, ha osservato.

Stanno insieme da un po’ e sono ufficialmente una coppia dal 1972. Il ragazzone di Pisciotta e l’introverso ballerino dalle gambe lunghe di Veronese sono finiti entrambi nell’atletica perché rifiutati dalla danza classica. Nel salto in alto, ha saltato 1,35 piedi all’età di 13 anni, che era il risultato più alto in Italia all’epoca. Il 19enne ha fatto mezzo metro di progresso. Con i suoi 1,85 metri di altezza, è sesta nel Principato di Monaco”.

Ancora tre centimetri e sarò sul medagliere; è ora di allacciarsi le cinture e allenarsi per un obiettivo preciso. Mentre la tecnica di gara del Fosbury era semplice , il modo migliore per prepararsi era meno chiaro. È arrivato. È stato più difficile per le ragazze perché dovevano seguire l’esempio dei ragazzi. L’inizio è stato difficile poiché o sei atterrato sulla sabbia o sulla prima generazione di materassi, entrambi di cui sono stati spietati. Invece di essere fatta di fibra circolare, l’asta era di metallo triangolare.

Sono tornato a casa dopo la partita con lividi su tutto il corpo e non avevo nemmeno giocato a rugby. Ma ho litigato; sono ben educato e ben preparato. Avevo da poco iniziato a viaggiare in giro per l’Europa e mi stavo godendo la novità del mio nuovo ambiente. Per me era importante andare avanti e svilupparmi di più. In risposta, ho detto a Erminio: “O mi alleni, o mi fermo.” “. Dato che era una donna, anche se personalmente non sostengo le quote femminili, mi sono sentita in dovere di darle una possibilità. Perché ha sradicato la sua vita e si è stabilita qui.

Sara Simeoni Malattia

Dal momento che ha mostrato un interesse per l’atletica leggera. Ho ricevuto 2.223 voti, facendo di me il vincitore regionale. Al mio posto è riuscito però un vicentino con quasi 400 voti in più. Moretti scomparve senza lasciare traccia. Sono una signora, una moglie, una madre, un’ex atleta e un’educatrice molto contenta; questi sono tutti i nomi che devi sapere.” “La medaglia d’oro olimpica di Mosca. La maggior parte delle persone direbbe di aver battuto un record mondiale, ma per me, competere alle Olimpiadi è molto più impressionante.

Dovevo vincerlo ed ero la persona più forte nella stanza, ma la pressione per farlo mi ha mandato in un attacco d’ansia che è durato per quarantacinque minuti prima della partita di campionato. Mi girava la testa, avevo le vertigini e mi sentivo debole. Dopo di allora, le cose sono andate bene. Ricorderai che molte nazioni avevano boicottato i Giochi ; L’Italia, in particolare, ci ha tenuti in sospeso se partecipare o meno fino all’ultimo minuto. Poi siamo usciti con le parole “Coni, non Italia” scritte dietro di noi.

Ciò significava che non potevamo nemmeno cantare la inno nazionale. Mentre ero in piedi sul palco, ho eseguito una canzone “Viva l’Italia” di Francesco De Gregori. Una melodia che mi è sempre piaciuto ascoltare”. “L’Italia produttiva e quella ostinata. Che reagisce faticando e che fatica combattendo”. Il 19 aprile 1953 ara Simeoni entra nel mondo a Rivoli Veronese. Ha vinto la medaglia d’oro nello sci di alto livello alle Olimpiadi invernali del 1980 a Mosca ed è un’ex sciatrice italiana.

Nel 1978, lo stesso anno in cui vinse il campionato europeo, stabilì un nuovo record mondiale nel salto in alto superando due volte i 2,01 metri. Oltre ai suoi quattro campionati europei indoor, ha anche due medaglie d’oro alle Universiadi e due medaglie d’oro ai Giochi del Mediterraneo. Il record italiano che ha detenuto per 36 anni, dal 12 agosto 1971, fino all’8 giugno 2007, quando è stato battuto da Antonietta Di Martino, lo ha guadagnato questa quattordici volte vincitrice. Nel 2014, in occasione delle celebrazioni del centenario del CONI, è stata scelta come “Atleta del Centenario” insieme ad Alberto Tomba.

Per provare il nuovo look Fosbury, Sara Simeoni ha iniziato a frequentare le piattaforme di atletica. Prima venne il suo allenatore Bragagnolo, poi venne Erminio Azzaro, compagno di salto in alto e l’uomo che sarebbe poi diventato suo marito e allenatore. Grazie alla sua abilità e perseveranza, ha stabilito un nuovo record italiano juniores mentre gareggiava ancora a livello senior. Aveva un record consistente di successi negli eventi più importanti, bot

h all’interno e all’esterno, e alla fine ha scavalcato il muro di 2 metri mentre gareggiava contro le sue concorrenti tedesche Rosemarie Ackermann e Ulrike Meyfarth. In una gara di atletica leggera tra la nazionale italiana e quella polacca il 4 agosto 1978, a Brescia, ha battuto il record del mondo. Per molto tempo si è creduto che non ci fossero resoconti visivi di questa performance a parte le immagini fino a quando, come ricorda Wikipedia, trent’anni dopo furono scoperti film nell’archivio di una stazione televisiva locale.

Sara Simeoni Malattia
Sara Simeoni Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!