Roberto Bolle Malattia

Spargi l'amore
Roberto Bolle Malattia
Roberto Bolle Malattia

Roberto Bolle Malattia -“Devo confessare che il periodo del lockdown è stata davvero un’esperienza difficile e angosciante, come mai prima d’ora ho sentito la fragilità della mia esistenza”, racconta la ballerina, 46 anni, che sta per iniziare un tour estivo di spettacoli dopo una lunga stagione di

pandemia: “Devo confessare che il periodo del lockdown è stata davvero un’esperienza difficile e angosciante, come mai prima d’ora ho sentito la fragilità della mia esistenza”. Una vita spesa a rincorrere l’irraggiungibile. Roberto Bolle è un uomo di 46 anni alto un metro e 82 centimetri e pesa

80 chilogrammi. Tre cifre che indicano la linea di demarcazione della sua professione. Fin dalla sua infanzia trascorsa tra Casale Monferrato e Trino Vercellese, il suo corpo è stato la sua salute e la sua malattia. La famiglia è abbastanza unita: il padre è un piccolo imprenditore, la madre è una mamma

casalinga e hanno quattro figli. Bolle afferma che la danza trae la sua energia dal corpo e allo stesso tempo lo imprigiona: “Lo modella, lo spinge a movimenti anormali, atteggiamenti disumani”. Lo costringe a fare sacrifici e a sopportare le difficoltà. È un’arte che aspira alla perfezione ma non è di

questo mondo. Il mio corpo potrebbe portarmi a un evento sportivo o al cinema, ma il mio amore per la danza è arrivato troppo presto. Sono stato affascinato dai balletti quando avevo circa tre anni e ho tentato di ricrearli davanti alla televisione. Sono rimasto incantato davanti alla televisione quando

avevo cinque anni. Quando ho pregato mia madre di iscrivermi a ballare, mi ha detto di continuare a nuotare e che se avessi voluto farlo ancora l’anno successivo, mi avrebbe accontentato. “L’anno successivo, ho iniziato a ballare”.consapevolezza che mi permette di muovermi liberamente. per

partecipare a svariate attività. Sono arrivato al termine propriocentrismo. È un talento che deve essere formato, o andrà disperso; eppure, è un dono.” Hanno subito riconosciuto che avevo qualcosa di eccezionale alla scuola di ballo. Il talento, d’altra parte, è forse una tacca sotto. Quando ero

all’ottavo scuola ho capito che avrei fatto della danza una carriera , che ne avrei fatto la mia carriera. Nureyev e Carla Fracci sono due delle mie principali fonti di ispirazione, non solo perché hanno insegnato a generazioni di ballerini, ma anche perché hanno una visione: far conoscere la danza a

tutti, al di fuori del teatri. a volte anche durante loro la palestra, mi alleno dalle sei alle sette ore al giorno. Non seguo una certa dieta, ma sono molto consapevole di ciò che consumo. Non è questione di calorie, perché noi ballerini consumiamo molti, ma di qualità. La carne, in particolare quella rossa, è

stata praticamente eliminata dalla mia dieta. Mangio pesce, verdura, frutta e, nonostante la beffa pubblica di Pif, molti semi e frutta secca. Non ho mai affumicato e bevo solo vino per festeggiare Il cioccolato fondente è uno dei miei cibi preferiti s, e spesso mi raggiunge sulla pista da ballo.

Roberto Bolle Malattia

“Come ogni altro lavoratore, sento l’usura”. Negli ultimi anni ho prestato più attenzione al mio corpo e devo ammettere che il lockdown mi ha aperto gli occhi. un’esperienza difficile e spiacevole. esperienza spiacevole per me, poiché non avevo mai sentito prima la fragilità della mia esistenza.

Non riuscirò a farlo a un livello che mi soddisfi, che mi faccia stare bene e nel posto giusto, a meno che non lo possa fare a un livello che mi faccia stare bene e nel posto giusto. Ciò che ammiro di questo livello della mia carriera artistica è l’accresciuta maturità scenica che deriva dalla crescita

personale e dallo sviluppo umano. Ci sono alcune parti e personaggi, come il cattivo di Madina, che posso affrontare solo ora, scoprendo sfaccettature e sfumature estetiche che non avevo mai considerato prima. È naturale per me credere che ciò che sono e ciò in cui credo oggi sia il risultato de

l tempo, di chi sono stato e di ciò che ho fatto”. Sì. Ci dedichiamo tutti a raggiungere la perfezione come ballerini. Abbiamo il specchio come un alleato, che a volte amiamo, ma più spesso disprezziamo quando non ci fornisce l’immagine di noi stessi che desideriamo.È uno sforzo senza fine

per capire cosa non c’è.Ha la capacità di afferrare. Perfezione. Tuttavia, questo desiderio è così radicato in noi che assume una forma mentale, che ha ramificazioni etiche. Ti mantiene umile non per essere soddisfatto, ma per imparare a perseguire un ideale di sé migliore. Noi ballerini ne siamo

consapevoli come si evolve il corpo. Ho già vent’anni. Impariamo rapidamente a lavorare con uno strumento che non è mai lo stesso ma che cambia sempre. A causa della nostra età, delle nostre ferite e delle sofferenze che viviamo ogni giorno e ogni notte, così come le nostre cicatrici.Senza

dubbio, ci sono stati. Ne ricordo due in particolare: il primo è avvenuto dopo che ero a Milano da tre anni e provavo una forte nostalgia di casa. Così ho chiesto a mia madre di iscrivermi al primo liceo di Vercelli per capire cosa volevo realizzare. Alla fine, ha avuto la fortuna di vincere il ballo. Il secondo si

è verificato qualche anno fa, a seguito di un grave infortunio alla schiena. C’era una possibilità significativa of non essere in grado di recuperare. Ho dato il massimo e sono tornato prima del previsto.

Roberto Bolle Malattia
Roberto Bolle Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!