Rapimento Getty Storia Vera

Spargi l'amore
Rapimento Getty Storia Vera
Rapimento Getty Storia Vera

Rapimento Getty Storia Vera – Per ricostruire i tristi eventi che hanno coinvolto Paul Getty, dobbiamo prima viaggiare indietro nel tempo fino agli anni ’70 e ’80 del XX secolo, quando fiorì in Italia quella che i media chiamavano “l’industria del rapimento”, molto prima che il fenomeno fosse studiato da ricercatori di criminalità e mafia. Si stima che negli ultimi due decenni si siano verificati in Italia 650 rapimenti a scopo di estorsione, come ricostruito dallo storico inglese John Dikie in Mafia Republic.

È un crimine particolarmente orribile che è stato sfruttato da una varietà di gruppi durante quel periodo, inclusi terroristi domestici, criminali regolari e, in particolare, la mafia. Mentre Cosa Nostra siciliana e ‘Ndrangheta calabrese, occasionalmente unite in una reciproca convenienza criminale, presentano notevoli differenze, il sequestro a scopo di estorsione è stato uno dei metodi con cui hanno tratto profitto negli ultimi anni.

E se il sequestro di persona era una “specialità” per la ‘Ndrangheta fin dalla fine degli anni Sessanta, favorita dalla presenza di complicità locali e dalla conformazione del territorio aspromontano in cui non era troppo difficile sfondare, per Cosa Nostra era era stato un mezzo per rimpinguare velocemente le casse dei boss prosciugate dalle fermi a seguito della prima guerra di mafia e anche per un così

Il rapimento di Paul Getty III, il 10 luglio 1973, divenne così iconico che venne dato il suo nome a uno slum di Bovalino, sulla costa ionica della Calabria. Getty III aveva allora 16 anni e viveva a Roma con la madre e il nonno, petroliera americana con cittadinanza irlandese Jean Paul Getty. Alle prime luci dell’alba nel cuore di Roma, un ragazzino dall’aspetto hippy e dai capelli rossi è stato drogato e caricato su un’auto.

La richiesta di riscatto ammontava inizialmente a 2 miliardi di lire, ma fu rapidamente portata a 10. Jean Paul Getty in un primo momento si rifiutò di trattare con i rapitori, dicendo che aveva 14 nipoti e che se avesse pagato anche un piccolo riscatto, i rapitori avrebbero le prese tutte. Tuttavia, il gruppo ha usato tattiche persuasive e feroci, e il 20 ottobre ha inviato al Messaggero un pezzo dell’orecchio del ragazzo che aveva tagliato, avvertendo che il resto sarebbe arrivato a pezzetti se non avessero pagato.

Una foto del giovane con l’orecchio mozzato è arrivata al Time non molto tempo dopo, dimostrando la sua esistenza nel mondo reale. Il giovane è stato liberato dopo che i suoi rapitori hanno accettato un riscatto che era solo una frazione di quello che avevano inizialmente richiesto. Tuttavia, lo ha cambiato fatalmente: ha iniziato ad abusare di alcol e droghe e un ictus nei suoi primi anni ’80 lo ha reso parzialmente paralizzato e cieco. Nel 2011 è deceduto nel Regno Unito.

Due sequestratori sono stati giudicati colpevoli del delitto, mentre altri due – membri rispettivamente dei clan Piromalli e Mammoliti – accusati di essere gli ideatori sono stati dichiarati non colpevoli per insufficienza di prove. Era ancora lontano il giorno del 2015 in cui il nome ‘Ndrangheta sarebbe arrivato per la prima volta in una frase conclusiva, segnando l’arrivo dell’organizzazione nel suo insieme. Fino a quel momento, l’esistenza stessa dell’organizzazione doveva essere dimostrata da zero in ogni procedura.

Rapimento Getty Storia Vera

In piazza Farnese a Roma il 10 luglio 1973 viene rapito all’età di 19 anni il nipote del magnate del petrolio e allora considerato l’uomo più ricco del mondo, Paul Getty III. Il ragazzo e sua madre, Gail Harris, vivevano nella città, e il ragazzo aveva adottato uno stile di vita hippy bohémien, frequentando discoteche e mercatini delle pulci con uguale regolarità, trascorrendo le sue giornate nelle strade tortuose tra Piazza Navona e Campo de’ Fiori, vendendo oggetti fatti a mano e occasionalmente lavorando come comparsa nei film girato a Cinecittà.

In altre parole, era solo un altro adolescente medio che non sembrava essere più ricco della persona media. I rapitori di Piazza Farnese hanno sicuramente fatto le loro ricerche e gli oggetti di valore della sua famiglia erano il loro obiettivo finale. Sfortunatamente per i malviventi, hanno sottovalutato il nonno del ragazzo, che si è rivelato un bersaglio estremamente difficile.

Non passò molto tempo prima che si spargesse la voce che il giovane aveva inscenato il rapimento per “estorcere” al nonno del denaro, che poi avrebbe usato per festeggiare con i suoi amici. La coraggiosa madre di Paul, Gail Harris, è stata l’unica a rendersi conto che suo figlio era effettivamente nelle mani di una banda criminale. Ha annunciato ai media che era disposta a negoziare e ha lottato con le unghie e con i denti per far sentire il suo messaggio e per convincere il resto della sua famiglia che Paul era in grave pericolo.

La vera persona dietro le richieste di riscatto, tuttavia, aveva un’opinione diversa.Con tutte le trappole di un vecchio avaro, l’uomo più ricco del mondo ha proclamato che Paul Getty II, il padre del ragazzo, sarebbe stato responsabile del pagamento di un eventuale riscatto. Getty II aveva da tempo lasciato carriera, moglie e figlio per dedicarsi a un nuovo partner e a uno stile di vita nomade.

Inoltre, Paul Getty ha fatto sapere che all’epoca aveva 14 nipoti e che pagare un riscatto per Paolo III gli avrebbe datoI cattivi un’apertura per rapire qualcuno di loro. Falso o no, il vecchio barone del petrolio non aveva intenzione di occuparsi del rapimento di suo nipote.

Finché non arrivò il giorno in cui l’ira e l’impazienza dei rapitori divennero evidenti a tutti. La redazione de “Il Messaggero”, il quotidiano romano che aveva dato maggior risalto al caso, ha ricevuto per posta un orribile “souvenir”: l’orecchio del piccolo Getty, avvolto in una busta con un biglietto che non lasciava dubbi sui rapitori ‘risolvere.

Rapimento Getty Storia Vera
Rapimento Getty Storia Vera

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!