Randi Ingerman Malattia

Spargi l'amore
Randi Ingerman Malattia
Randi Ingerman Malattia

Randi Ingerman Malattia -All’età di 53 anni, la celebrità mondiale Randi Ingerman ha avuto una serie di perdite e problemi di salute nel corso della sua vita, tra cui l’overdose di suo fratello e la morte di sua nipote, la figlia di sua sorella Jill. E ancora una volta, la terribile malinconia di sua madre e la morte del padre per un errore medico. Inoltre, l’attrice sta combattendo l’epilessia, una condizione che le ha reso la vita estremamente difficile.

Se sono da solo quando succede a me, mi sbatto in faccia. I medici hanno suggerito un’operazione al cervello, ma è piuttosto rischiosa e temo, ha detto quando è apparsa come ospite in “Domenica Live” in passato. Randi Ingerman ha discusso del suo dramma personale nel soggiorno di Barbara D’Urso nel 2018; da alcuni anni ha una forma grave di epilessia. Il primo problema si è verificato nel 2006, al culmine del reality La Fattoria. Il reality è stato girato in Marocco quell’anno e il caldo mi ha esausto.

Dissero che ero solo incosciente e accettai la loro spiegazione. L’anno successivo, ero in casa sul pavimento. Ero allarmato. Mi hanno assicurato che non c’era niente di grave a patto che non accadesse di nuovo. Un neurologo ha identificato la diagnosi dopo otto anni di ricerche inefficaci: epilessia causata da un’anomalia del lobo temporale sinistro, secondo l’attrice ed ex modella. “Se sono solo io stesso, inciampo e sbatto la faccia a terra. Proverò quindi a contattare un’ambulanza, se posso.

La minaccia più grande è che potrei soffocare con la lingua. Mi avevano già scoperto due volte a casa, quasi morto. Ho l’epilessia”, ha proseguito Ingerman. Come abbiamo affermato in precedenza, i medici avevano suggerito “un intervento”: “Ho paura. Continuo con altre terapie mentre cerco di rispondere. Il punto è che non dovremmo sentirci in colpa per il fatto di sentirci schifosi.

Randi Ingerman ha creato una gamma di cosmetici e utensili da cucina e in seguito ha servito come ambasciatore per Fie, la Federazione italiana per l’epilessia. Sembra che tu abbia raggiunto la pace oggi principalmente attraverso lo yoga, la scrittura e il flauto. Si svela il dramma di Randi Ingerman. “Sono tornata da poco da Miami. Mia sorella, che non ha ancora raggiunto i 50 anni, era malata da 20 anni ed era ai suoi ultimi giorni. Ha ricevuto la donazione di rene di cui aveva bisogno grazie a un ragazzo di 17 anni scomparso tragicamente lontano.

Credo ancora oggi nei miracoli. Su Sunday Live, Randi Ingerman descrive la sua esperienza con la malattia. In realtà sperimenta crisi epilettiche. Ma se si verifica solo una volta, ti avvertono che potrebbe essere stata stanchezza. Poi, una volta che il mio compagno mi ha lasciato, sì, hanno lasciato anche me, mi sono ammalato. Finora ho avuto 160 accessi. Ho paura quando mi offrono un’operazione al cervello molto complicata. Cercando di rispondere, due volte ora, mi hanno scoperto quasi morto all’interno della casa.

Nella sua risposta, Randi Ingerman ha descritto più dettagliatamente la questione: «Ho una crisi, se sono solo mi schiaffeggio in faccia e chiamo un’ambulanza. Faccio sapere a tutti che ho l’epilessia, quindi se mi noti che tremo, posizionami così. Non so come classificare correttamente la mia relazione, ma lui è un amico e non viviamo insieme. Vivo da solo. E così è successo quando ho condiviso una casa con un compagno; Ero in bagno, stava guardando la partita e non era a conoscenza della mia presenza.

Randi Ingerman Malattia

Le crisi durano da uno a un minuto e mezzo. Il punto è che non dovremmo sentirci in colpa per il fatto di sentirci schifosi. Randi Ingerman svela tutto. “Sono tornata da poco da Miami. Mia sorella, che non ha ancora raggiunto i 50 anni, era malata da 20 anni ed era ai suoi ultimi giorni. Ha ricevuto la donazione di rene di cui aveva bisogno grazie a un ragazzo di 17 anni scomparso tragicamente Io credo ancora nei miracoli al giorno d’oggi. In Sunday Live, Randi Ingerman descrive la sua esperienza con la malattia.

Ho vissuto la mia prima crisi nel 2009, afferma, ma se si verifica solo una volta, suggeriscono che potrebbe essere stata fatica o stanchezza. Poi, una volta che il mio compagno mi ha lasciato, sì, hanno lasciato anche me, mi sono ammalato. Finora ho avuto 160 accessi. Ho paura quando mi offrono un’operazione al cervello molto complicata. Cercando di rispondere, due volte ora, mi hanno scoperto quasi morto all’interno della casa.

Randi Ingerman, che ha compiuto 50 anni il 13 novembre, è stato lontano dalla scena per anni a causa di gravi problemi di salute che non sono stati identificati per molto tempo ma si sono rivelati epilessia causata da un’anomalia del lobo temporale sinistro. Avrei dovuto sottopormi a un intervento chirurgico per rimuovere una parte del mio cervello, ma per il momento, considerando i pericoli e i potenziali effetti collaterali, ho detto di no, secondo Ingerman.

Randi è tornata di recente per parlare della sua epilessia: “Ho avuto il mio primo attacco nel 2006 mentre partecipavo a un programma di realtà, e da allora ne ho avuti più di 140: in media, uno al mese. Ho cercato una terapia per anni, visitando i migliori ospedali e parlando con i migliori professionisti medici.Persino qualcuno mi ha suggerito di visitare uno psichiatra.

La modella americana non ha acquisito una diagnosi fino a quando non ha avuto eha sopportato 8 anni di dolore e indagini infruttuose, ma lo ha fatto a causa di un medico che ne ha riconosciuto l’esatta In realtà, la modella ora funge da ambasciatrice di Fie, la Federazione Italiana Epilessia. In questo modo, si sforza di diffondere la consapevolezza della malattia e di astenersi dall’uso di insulti. Secondo la FIE, nella valutazione dell’epilessia prendono in considerazione i seguenti fattori: “In modo essenziale, oltre alla mancanza di terapie valide per almeno un paziente su tre.

Randi Ingerman Malattia
Randi Ingerman Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!