Raina Kabaivanska Malattia

Spargi l'amore
Raina Kabaivanska Malattia
Raina Kabaivanska Malattia

Raina Kabaivanska Malattia – Il soprano Rajna Kabaivanska, nata Jakimova, è originaria della Bulgaria ed è emigrata in Italia. Uno dei cantanti d’opera più influenti del nostro tempo è Rajna Kabaivanska. Entrò nel mondo il 15 dicembre 1934, nella città bulgara di Burgas, sul Mar Nero. Suo padre era un veterinario e autore che ha avuto molte idee innovative ed è stato determinante nella creazione dell’Organizzazione del turismo bulgara.

Nella sua famiglia, il professore di fisica era il campo della mamma. La casa e la sfera accademica di Rajna sono sempre state a Sofia. Oltre agli studi al Conservatorio di Sofia, si è esibita come soprano e mezzosoprano solista nel collettivo artistico Armata del Lavoro. Si è diplomata al Conservatorio di Sofia, dove è stata per alcuni mesi membro del coro del Teatro dell’Opera di Sofia.

Debuttò come soprano all’Opera Nazionale Bulgara della stessa città nel 1957, e durante il recital finale interpretò la scena di Tatiana in Eugene Onegin di Ptr Il’ij ajkovskij e la scena di Amelia in Un ballo in Verdi di Verdi. maschera. Ha ricevuto una borsa di studio di canto di sei mesi dal governo comunista bulgaro per frequentare il Teatro Bolshoi di Mosca nel 1958.

L’amministratore capo è rimasto sorpreso quando la giovane cantante ha chiesto e ottenuto il permesso di studiare in Italia con Zita Fumagalli Riva, un soprano che aveva eccelleva nell’esecuzione del repertorio del verismo italiano nei decenni tra il 1910 e il 1920. Rajna faticava a finire il suo allenamento a Milano. Subito dopo aver debuttato nel Tabarro di Giacomo Puccini a Vercelli nel 1959, è stata attiva in piccoli teatri come Sanremo, Mantova, Trento e Bolzano, dove ha interpretato Bohème e Pagliacci.

Successivamente si è perfezionata con Antonio Tonini, Gianandrea Gavazzeni e il regista Mario Frigerio presso la Scuola Giovanile del Teatro alla Scala dopo aver vinto un concorso per entrare a far parte di quest’ultima. Ancora una volta interpretando Desdemona, Kurt Herbert Adler ha fatto il suo debutto americano a San Francisco; pochi mesi dopo, Rudolf Bing, sovrintendente del Metropolitan di New York, la volle in teatro per quindici stagioni, a cominciare da un’edizione di Pagliacci con Carlo Bergonzi.

Raina ha studiato con il leggendario soprano Rosa Ponselle a Baltimora dal 1961 al 1968, dove ha imparato le sfumature dell’interpretazione dei ruoli di Leonora da Forza del Destino, Cio-Cio-san da Butterfly e Leonora da Trovatore. Alcuni nastri davvero affascinanti di quelle classi sono ancora in giro. Negli anni ’60 la collaborazione di Kabaivanska con la Scala è rimasta fruttuosa.

Raina fece il suo debutto alla “grande” Scala nel maggio 1961, cantando il ruolo di Agnes al fianco di Joan Sutherland in Beatrice di Tenda. In precedenza aveva vinto il concorso della scuola giovanile del Teatro alla Scala, con l’assenso entusiasta del regista Antonino Votto. Ma il suo successo in America è stato molto maggiore, poiché si è esibita nei teatri e nelle città più prestigiose del paese prima di diventare un nome familiare.

Raina Kabaivanska Malattia

Dal 1960 al 1985 è stata una presenza fissa sui palcoscenici dei più prestigiosi teatri d’opera del mondo, come La Scala, il Metropolitan Opera di New York, Royal Opera House di Londra, Teatro Bolshoi di Mosca e Teatro Colón di Buenos Aires. Questa eccezionale cantante-attrice ha fatto colpo durante le sue prove verdiane. Hai aperto il nuovo Regio di Torino di Maria Callas nel 1973 con la tua interpretazione della Duchessa Elena ne I Vespri Siciliani.

Poco dopo si è presentata la splendida Violetta, che ha proposto al suo amato in Emilia e allo Sferisterio di Macerata con la supervisione esperta di Mauro Bolognini. È apparsa per la prima volta sul palco come Amelia in Simon Boccanegra nel 1976, diretta da Claudio Abbado alla Scala. Nel 1978, Herbert von Karajan chiese a Raina di esibirsi de Il Trovatore al Festival di Salisburgo ea Vienna.

Nel 1981 e nel 1982, le fece riprendere il ruolo di Alice in Falstaff per registrazioni, esibizioni al Festival di Salisburgo e un adattamento cinematografico. A metà degli anni ’80, questa interprete è stata in grado di pubblicare intere registrazioni di cinque delle sue parti più famose, tra cui Tosca, Madama Butterfly, Manon Lescaut, Adriana Lecouvreur e Francesca da Rimini. Elvira nell’Ernani di Verdi, con Placido Domingo, Raina e Nicolaj Ghiaurov durante l’apertura della stagione scaligera del 1969.

Nel 1979, Raina ha interpretato Yevgeny Onegin al Metropolitan Opera di New York. Nel 1980, Tosca di Luciano Pavarotti alla Scala di Milano fu un successo clamoroso. Successivamente, hai fatto causa al teatro di Milano per un contratto irrisolto. Kabaivanska è stata finalmente in grado di prendere le proprie decisioni creative una volta terminata la relazione. La soprano si era già affermata come una star in Italia e non solo.

Numerosi teatri rinomati in tutta Europa, tra cui l’Opera di Roma, il Comunale di Bologna, la Staatsoper di Amburgo, il San Carlo di Napoli, il Regio di Torino, il Coliseo di Bilbao e tlui Massimo di Palermo, hanno recentemente riaperto con nuove idee di programmazione. Ha fatto il suo debutto come Manon nell’opera omonima di Massenet nel 1981, esibendosi al fianco di Alfredo Kraus.

Le rappresentazioni dell’Opera di Roma furono accolte con successo, così come la Fausta di Donizetti, che aprì la stagione dell’Opera di Roma 1981-1982. La partitura era andata perduta dall’esibizione di Giuditta Pasta nel 1833, quindi si trattava di una vera e propria “riesumazione”. Ha eseguito Madama Butterfly nel 1978, 1983 e 1997 all’aperto e vasto Arena di Verona, e ogni volta ha ricevuto standing ovation per la sua interpretazione sfumata e personale dell’opera.

Raina aveva già girato Tosca con Placido Domingo nel 1979 nei luoghi reali di Tosca, tra cui la chiesa di Sant’Andrea della Valle, Palazzo Farnese e Castel Sant’Angelo, in previsione di un’altra creazione degli anni ’90. Ha riabilitato il profilo internazionale della sua Adriana Lecouvreur esibendola a Montecarlo, Marsiglia, Monaco, Oviedo e Lisbona. Ha praticato pianoforte e fisarmonica da bambina, e suonava e cantava per se stessa.

Raina Kabaivanska Malattia
Raina Kabaivanska Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!