Quando È Nato Lucio Dalla

Spargi l'amore
Quando È Nato Lucio Dalla
Quando È Nato Lucio Dalla

Quando È Nato Lucio Dalla – Il cantautore, musicista e attore italiano Lucio Dalla OMRI. Era anche pianista e clarinettista. Enrico Caruso, un tenore d’opera italiano, è stato il soggetto delle canzoni “Caruso” e “L’anno che verrà”, entrambe scritte da From. Bologna è dove è nato Dalla.

Inizia giovanissimo a suonare il clarinetto in una jazz band bolognese, dove conosce il futuro regista di un lungometraggio, Pupi Avati, e si unisce alla Rheno Dixieland Band. Avati ha affermato di aver preso la decisione di lasciare il gruppo perché il talento di Dalla lo ha lasciato senza parole.

Ha anche ammesso che il suo legame con Dalla è servito da ispirazione per il suo film Ma quando arrivano le ragazze? La band ha preso parte al primo Festival Jazz ad Antibes, in Francia, negli anni ’60. Dopo aver notato le capacità canore di Dalla, il cantautore Gino Paoli gli ha consigliato di provare una carriera da solista come cantante soul.

Tuttavia, il debutto di Dalla al festival musicale di Cantagiro nel 1965 non andò bene, forse a causa sia del suo aspetto stravagante che dello stile non ortodosso della sua musica dell’epoca. Il suo singolo di debutto, una traduzione italiana della canzone popolare americana “Careless Love”, non è riuscito a classificarsi, e il suo album di debutto, 1999, non è stato molto migliore.

Alcuni dei primi preferiti di Dalla furono inclusi nel suo album successivo, Terra di Gaibola, pubblicato nel 1970. Il suo singolo di debutto, “4 Marzo 1943”, vide una notevole popolarità come risultato del Festival di Sanremo. Gesù bambino doveva essere il titolo originale della canzone, ma poiché a quei tempi c’era ancora una rigida censura sui contenuti musicali, la data di nascita di Dalla fu invece sostituita.

Con l’uscita del brano a 45 giri “Lei”, Dalla fece il suo debutto musicale da solista nel 1964. Roberto Roversi, poeta bolognese, e Dalla iniziarono a lavorare insieme negli anni ’70. I testi dei successivi tre album di Dalla, Il Giorno Had Five Heads, Anidride sulfurosa e Automobili, sono stati scritti da Roversi.

La strana fusione dei testi di Roversi con le improvvisazioni di Dalla, così come i colpi di scena occasionalmente avventurosi e le capacità compositive di quest’ultimo, sono stati evidenziati dalla critica anche se questi CD non sono stati venduti in grandi quantità. Quando fu pubblicato il concept album Automobili, il duo si era già sciolto.

Quando è arrivato il momento di registrare i brani, Roversi, che si era opposto all’uscita dell’album, ha deciso di chiamarsi “Norisso”. La canzone “Nuvolari”, che è stata ispirata dal famoso pilota italiano degli anni ’30, è stata comunque una delle composizioni più note di Dalla nell’album.

Dalla ha deciso di scrivere da solo i testi per i suoi album successivi dopo la fine della collaborazione. Com’è profondo il mare, il primo album di questa nuova era, vedeva Dalla esibirsi con il futuro gruppo pop Stadio. Il successo del disco Banana Republic e il primo di due album omonimo di Lucio Dalla rispettivamente nel 1979 e Dalla nel 1980 sono stati la prova della sua popolarità.

Quando È Nato Lucio Dalla

Numerosi musicisti in tutto il mondo, tra cui Luciano Pavarotti e Julio Iglesias, hanno suonato la canzone del 1986 “Caruso”. Sono state vendute oltre 9 milioni di copie dell’interpretazione di Pavarotti, mentre oltre 20 milioni di copie dell’album straniero di debutto di Andrea Bocelli, Romanza, contenevano una versione della canzone.

Dopo il suo tributo a Caruso con la sua performance di “Vesti la giubba” nell’album Primal Scream, Maynard Ferguson ha anche interpretato la canzone per il suo album “Brass Attitude”. Dalla ha avuto un maggiore successo in Europa grazie alla canzone di successo del 1990 “Attenti al lupo”.

Gli è stato chiesto di eseguire un duetto con Pavarotti e amici, cantando la loro canzone classica “Caruso”. Durante il tour e record “Work in Progress” nel 2010, Dalla torna a collaborare con Francesco De Gregori. Sebbene il jazz abbia avuto una grande influenza su Dalla, le sue canzoni comprendevano anche folk, pop, cantautori italiani, musica classica e opera.

Un’inquietudine onnivora ha aiutato Lucio Dalla, artista poliedrico, a trovare la sua voce creativa. I suoi interessi per lo sport includevano il basket, le automobili e persino il calcio della sua amata squadra cittadina. A poco a poco è entrato nella musica popolare e ha acquisito conoscenze lungo la strada.

Si è poi rivolto all’alta cultura senza mai perdere di vista la spontaneità dell’espressione. La sua capacità di fondere ispirazioni e linguaggi mantenendo un forte senso dell’umorismo è sempre stata una caratteristica distintiva della sua carriera artistica. Ha impresso il segno di una parola non invitata ma sempre creativa al ritmo interno della sua musica.

Diverse generazioni hanno abbracciato la sua estetica. La prima Bologna era una città ancora visibilmente profondamente colpita dal conflitto. Molte famiglie furono sradicate e ricollocate nelle campagne emiliane perché ritenevano che essere più lontane dalla città avrebbe dato loro maggiori possibilità di sfuggire alla minaccia di attacchi aerei.

In città era rimasta la famiglia Dalla, una delle mille piccole famiglie borghesi urbane che avevano evitato troppi danni dai lunghi anni di penuria del conflitto. Erano ancora lì quando la sirena d’allarme suonò dsi e notte. Avevano potuto rifugiarsi dalla minaccia delle bombe nel rifugio antiaereo che era stato allestito nei sotterranei del palazzo della Banca d’Italia; questi avvenimenti erano all’epoca comuni.

Ei primi ricordi che Lucio rievoca del suo passato evocano un vago ricordo di quel dolore, delle precipitose fughe nella notte. In seguito Lucio confondeva e incorporava quei primi ricordi, solo vagamente abbozzati, con le brevi avventure quotidiane di un periodo difficile, i giochi innocenti nei radi giardini di piazza Cavour, davanti alla casa e non lontano dal rifugio della Banca d’Italia, l’incerto corre e una palla di pezza.

Lo sfortunato risultato di quel periodo sarà che “nasciamo tutti orfani”. La madre e il padre saranno sempre personaggi effimeri che se ne sono andati troppo presto e che non parteciperanno mai veramente alle emozioni che il ragazzo che è cresciuto fino a diventare un uomo si è trascinato dal passato.

Quando È Nato Lucio Dalla
Quando È Nato Lucio Dalla

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!