Spargi l'amore
Putin Mandato Arresto
Putin Mandato Arresto

Putin Mandato Arresto – Criminali di guerra ricercati per l’arresto internazionale Vladimir Putin, leader della Russia. Il 17 marzo, nell’ambito delle indagini sui crimini di guerra commessi durante l’invasione russa dell’Ucraina, la Corte penale internazionale dell’Aia ha rilasciato una dichiarazione in cui condanna la Russia per il trattamento riservato ai bambini ucraini deportati in Russia.

Anche Maria Alekseyevna Lvova-Belova, la commissaria per i diritti dell’infanzia presso l’ufficio del presidente della Federazione Russa, è oggetto di un mandato di cattura, insieme a Putin. Si presume il traffico di bambini dalle parti occupate dell’Ucraina alla Russia. Secondo una lettera della Corte dell’Aia, “ragionevoli ragioni per ritenere che Putin sia individualmente responsabile dei crimini menzionati”.

Questi crimini potrebbero essere stati commessi dallo stesso Putin o sotto la sua supervisione. È lo stesso con Lvova-Belova. La Corte ha deciso di rendere pubblici i mandati di arresto, che normalmente sono sigillati, a causa delle circostanze uniche che persistono. I giudici della Sezione preliminare II hanno avuto il compito di determinare la legittimità delle accuse mosse dall’accusa il 22 febbraio; li hanno ritenuti validi.

Migliaia di giovani ucraini sarebbero stati deportati in territorio russo contro la loro volontà e sottoposti a pratiche di adozione forzata e rieducazione una volta arrivati. Uno sforzo deliberato per sradicare la cultura ucraina, che può costituire un crimine contro l’umanità alla luce delle tutele previste dalle Convenzioni di Ginevra per i civili e le vittime della guerra.

Lo ha scoperto uno studio condotto dal Centro di ricerca umanitaria dell’Università di Yale. Il titolo del documento di ricerca è Programma sistematico russo per la rieducazione e l’adozione dei bambini ucraini. È durato un anno, ma descrive nei dettagli il piano del Cremlino per sradicare l’identità nazionale ucraina e trasformare i giovani in cittadini filo-russi attraverso il rapimento, la rieducazione e la prevenzione del loro ritorno in Ucraina.

Il presidente cinese Xi Jinping ha visitato Mosca dal 20 al 22 marzo e l’annuncio dell’ordine di arresto internazionale arriva poche ore dopo il suo ritorno a casa. Secondo Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese, la missione è guidata dal desiderio della Cina di “mantenere la pace nel mondo e promuovere lo sviluppo comune”.

Un arresto del presidente?

L’Aja ha emesso il mandato d’arresto perché i capi di Stato non hanno immunità per crimini di guerra, crimini contro l’umanità o genocidio. La Corte ha reso pubblica la notizia del mandato, che in precedenza era stato tenuto segreto, a causa della gravità della situazione e nel tentativo di impedire la commissione dei crimini di cui è accusato Putin.

Complessità del diritto internazionale e mandato d’arresto per Putin

Il mandato d’arresto della Corte Penale Internazionale emesso contro Vladimir Putin e il Commissario per i Diritti dell’Infanzia della Federazione Russa manterrà sicuramente l’interesse dei media e del pubblico sul caso. Entrambi sono accusati di crimini di guerra per aver presumibilmente facilitato il traffico di minori provenienti dal territorio ucraino sotto occupazione russa.

Putin Mandato Arresto

La rapida risposta della Russia è stata quella di affermare che non era obbligata a rispettare il Trattato istitutivo di Roma della CPI. Tuttavia, nessuno contesta l’autorità della Corte. Anche se l’Ucraina non ha ratificato il Trattato di Roma, la CPI può ancora esercitare giurisdizione sui crimini commessi sul suo territorio se uno Stato non parte accetta tale giurisdizione.

Putin deve essere estradato alla Corte penale internazionale se si trova in uno Stato membro perché lì non può essere processato. Sebbene la maggior parte dei paesi lo abbia fatto, gli Stati Uniti e la Cina, due grandi potenze, non lo hanno fatto. Solo Francia e Regno Unito hanno ratificato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. La Cina ha costantemente sostenuto “la pace, il dialogo e la correttezza storica” per quanto riguarda la situazione in Ucraina.

Uno degli obiettivi della Corte penale internazionale, nel rendere pubblico il mandato d’arresto, è quello di rendere Putin un “paria internazionale”, impedendogli di viaggiare nella maggior parte dei Paesi del mondo. L’altro è la speranza di risvegliare le élite russe spingendole a sbarazzarsi del loro presidente.

Ma è un calcolo la cui fattibilità resta da dimostrare. I leader politici e militari potrebbero essere ritenuti responsabili di numerosi crimini internazionali. A cominciare dal ministro degli Esteri, con conseguenti pericoli per la sua mobilità in caso di mandato di cattura. Devi sapere che il CDS ha il potere di sospendere i procedimenti CPI per un anno prorogabile.

La pubblicità che circonda il mandato d’arresto può incoraggiare una riunione del CDS, momento in cui dovrebbe cercare una soluzione al conflitto e sospendere il procedimento penale. Allora la Russia non userà il suo potere di veto per fermarlo. Putin e i capi militari non potevano affrontare un procedimento penale internazionale per il reato di aggressione.

Controversie tra Stati e risarcimento dei danni

A volte dimentichiamo che la Corte penale internazionale giudica gli individui e non gli Stati. Per i conflitti tra Stati esiste la Corte Internazionale di Giustizia. Nella nostra situazione, l’Ucraina ha avviato un’azione legale contro la Federazione Russa per aver violato il divieto di genocidio stabilito dalla Convenzione. Questa azione è stata intrapresa subito dopo l’invasione.

Mentre delibera sulla propria giurisdizione, la Corte ha ordinato alla Russia di fermare la sua invasione. L’Italia è stato uno dei tanti paesi a presentare un intervento alla Corte. Solo se l’autore del reato era il capodi stato di un paese che ha ratificato lo statuto della CPI e l’emendamento che punisce il crimine di aggressione, o se il CDS facesse un rinvio, la Corte avrebbe giurisdizione.

Corte internazionale dell’Aia. “Bambini deportati”, l’Interpol emette un mandato di arresto per Putin

I mandati di arresto per Vladimir Putin e Maria Lvova-Belova sono stati emessi dalla Corte penale internazionale. La deportazione illegale dei bambini ucraini è solo uno dei crimini di guerra di cui sono accusati. Ci sono accuse secondo cui il presidente Putin avrebbe orchestrato la deportazione illegale di bambini dal territorio ucraino sequestrato dalla Russia. Il 24 febbraio 2022 le forze ucraine hanno occupato l’area in cui sono stati perpetrati i crimini.

Putin Mandato Arresto
Putin Mandato Arresto

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!