Michele Migliaccio Patrimonio

Spargi l'amore
Michele Migliaccio Patrimonio
Michele Migliaccio Patrimonio

Michele Migliaccio Patrimonio – Gli Osci fondarono anche la città di Casandrino, che si trova a nord di Napoli. La testimonianza più solida, infatti, viene dall’età romana, precisamente dall’età repubblicana, quando molti coloni, lasciata Roma, vennero a stabilirsi nelle campagne napoletane, incoraggiati e favoriti dai saggi criteri del Comune, che,

avendo conquistato il terre, le distribuiva ai coloni con il canone di alcuni “nummi”. Questi pionieri rivendicarono un appezzamento di terra come proprio e si misero prontamente a costruire casae, piccole e umili case con una radura erbosa davanti, dove loro ei loro figli potessero vivere in pace e crescere senza bisogno di nulla. Naturalmente,

con il passare del tempo, le casae crebbero con edifici più grandi e corti più ampie, formando piccoli borghi e frazioni, che, prima di diventare in epoca molto successiva veri e propri borghi e comuni autonomi, furono chiamati casali e presero il nome dalle ville di i patrizi o da quei coloni che per primi vi avevano alloggiato.

Casandrino era conosciuto come “Casale” in epoca feudale perché vi furono costruite tante case per motivi di agricoltura. Ma la sua nuova identità di “Casandrino” solleva alcune domande. Ci sono alcuni accademici della zona che credono che abbia preso il nome dall’enclave di tre case di Casa Trina. Senza dubbio avrebbe parlato Trecase al posto di Casatrina,

nome la cui etimologia è molto discutibile poiché rappresenterebbe un’ibridazione di italiano e latino. Alcuni hanno ipotizzato che il nome Casandrino derivi da Casa Andropon, dal greco o, che significa casa dell’uomo. Tuttavia, questo sembra troppo generico per essere usato come nomen urbis. Né possiamo concludere da Androna che servisse da piattaforma per il dibattito pubblico,

poiché è altamente improbabile che i pochi residenti della città abbiano mai avuto bisogno di un luogo del genere. Il nome di Casandrino, secondo la leggenda locale, deriva da “casa di Sandrino”, così chiamata dal presunto primo o uno dei primi abitanti della zona, un contadino di nome Sandro che coltivava il terreno dove oggi risiede la città. Andrena,

Michele Migliaccio Patrimonio

località operus undequaque condusus, zona sicura entro le mura, è la più credibile delle origini proposte del nome Casandrino. Fr. Lett. Cherubino Caiazzo, provinciale emerito degli Agostiniani di Napoli, fornisce autorevole sostegno a questa tesi nel suo libro “Casandrino, nella sua storia di ieri e di oggi”,

in cui cita alcuni atti della Santa Visita fatti alla base della sua tesi etimologica dai Vescovi di Aversa che chiamano questo territorio Casandrenus e da una pergamena di epoca normanna dove si legge che un certo Ameri Fu nel 1977 che lui e Filippo Scozzari si unirono alla squadra dietro Cannibale,

rivista di fumetti per adulti esilarante e sarcastica fondata da Stefano Tamburini e Massimo Mattioli e a cui Tanino Liberatore aggiungerà poi i suoi talenti. A partire dal 1979 e proseguendo fino al 1981, ha contribuito alla rivista parodia Il Male. Nel 1980 ha co-fondato il mensile Frigidaire con il gruppo Cannibale e Vincenzo Sparagna,

dove Zanardi ha fatto anche la sua prima apparizione. Lavorare con Frigidaire ha rivelato una pazienza produttiva, anche se incapace di gestire lo stress delle scadenze ravvicinate e della supervisione editoriale. Nei primi numerosi numeri della tiratura della rivista, ha illustrato dozzine di pezzi in bianco e nero, a colori e una combinazione dei due. Francesco Stella,

il detective senza nome, e Pertini sono solo alcuni degli individui che incontrerai. Oltre alle copertine degli album, ha anche disegnato un calendario, poster e pubblicità grafiche. Inoltre, su richiesta del regista Sparagna, ha collaborato con Tamburini e Sczzari e ha illustrato articoli e racconti in loro onore.

Oltre a collaborare con autori meno noti come Nicola Corona e Marcello D’Angelo nelle proprie opere, ha anche collaborato spesso con questi scrittori. entrambi conosciuti come “Il Napoletano”, erano identificati come coratini. Il completamento con successo dell’odierna operazione antimafia,

nome in codice “Pandora”, è il culmine di un’indagine ben pianificata e dispendiosa in termini di tempo sull’attività mafiosa nel barese e nel nord barese. Dall’indagine è emerso il ruolo crescente e significativo assunto dai clan “Mercante-Diomede” e “Capriati”,

federati tra loro nel panorama criminale pugliese, e caratterizzati da: una struttura gerarchica in cui sono presenti ruoli e compiti degli affiliati delineato; l’imposizione di rigide regole interne e il relativo rispetto delle gerarchie; controllo militare del territorio,

che coincide in tutto o in parte con quello dei rioni del paese o Con questa ricerca abbiamo potuto: attribuire inequivocabilmente il ruolo di capo e organizzatore dell’associazione al presunto Mercante Giuseppe e al suo alter ego Diomede Nicola; individuare i giunti e le relative componenti operative: a Bari, con riferimento alla “Libertà”, “Carrassi-San Pasquale”, e Bitonto, Triggiano-Adelfia,

Altamura-Gravina, comuni pugliesi; registrare le convergenze e la relazione De Blasio Roberto, imprenditore del settore della sicurezza privata e vicepresidente del consiglio direttivo del fai-antiracket dell’associazione regionale di Molfetta,

è attualmente indagato per associazione di tipo mafioso; tra l’altro è ricercato per interrogatorio in relazione ad un attentato alla vita del Conte Domenico, esponente di spicco della giunta “Capriati” operante a Bitonto, avvenuto il 9 settembre, è stato inoltre dimostrato che il “Mercante- Le famiglie mafiose Diomede” e “Capriati” avevano legami con altre famiglie della criminalità organizzata pugliese,

tra cui la “compagnia foggiana sacra corona di Lecce”. Approfittando dei periodi di convivenza carceraria, il clan “Capriati” trattenne i membri del delitto di San Severo, destinatari del provvedimento ristretto, e accrebbe il potere del gruppo attirando tra le proprie fila persone vulnerabili in cambio di narcotici e armi da fuoco.

Dopo gli accertamenti dei Carabinieri della Tenenza di Bisceglie nel 2014 e nel 2015, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Bari, Francesco Agnino, ha emesso una sentenza di condanna per venti persone coinvolte in l’operazione di droga “Grand Bazar”.

Tredici persone hanno ricevuto ordini di custodia cautelare dopo la repressione del marzo 2016. A seguito dell’inchiesta, gli Osci fondarono anche il comune di Casandrino, che si trova a nord di Napoli. La testimonianza più solida, infatti, viene dall’età romana, precisamente dall’età repubblicana, quando molti coloni, lasciata Roma,

vennero a stabilirsi nelle campagne napoletane, incoraggiati e favoriti dai saggi criteri del Comune, che, avendo conquistato il terre, le distribuiva ai coloni con il canone di alcuni “nummi”. Questi pionieri rivendicarono un appezzamento di terra come proprio e si misero prontamente a costruire casae, piccole e umili case con una radura erbosa davanti,

dove loro ei loro figli potessero vivere in pace e crescere senza bisogno di nulla. Naturalmente, con il passare del tempo, le casae crebbero con edifici più grandi e corti più ampie, formando piccoli borghi e frazioni, che, prima di diventare in epoca molto successiva veri e propri borghi e comuni autonomi,

Michele Migliaccio Patrimonio
Michele Migliaccio Patrimonio

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!