Michael Jackson Chirurgia Estetica

Spargi l'amore
Michael Jackson Chirurgia Estetica
Michael Jackson Chirurgia Estetica

Michael Jackson Chirurgia Estetica – La ricerca di Michael Jackson per un ideale desiderato ma irraggiungibile dell’aspetto fisico è l’illustrazione più estrema ed estrema di questa condizione umana a cui possiamo pensare. Secondo una legge psicobiologica, il proprio stato interno rispecchia quello esterno, come evidenziato dal campo della morfopsicologia.

Ha una nevrosi ossessivo-compulsiva caratterizzata da una spinta compulsiva a ricorrere costantemente a nuovi interventi chirurgici, e ogni volta che prova frustrazione, alimenta la circolarità ritmica e fluttuante di questo disturbo. Si possono identificare gli impulsi sadici e distruttivi di un’identità travagliata e vacillante come la forza motrice dietro la spinta compulsiva a modificare continuamente i propri lineamenti.

Nel complesso, il viso ha un aspetto molto giovanile per le sue somiglianze fisiche con quello di un bambino, che indicano una “fissazione” sull’ego orale tipica dei neonati e dei bambini piccoli. Quando un adulto ha un naso che sembra appartenere a un bambino, è segno che qualcosa ha bloccato psichicamente il suo sviluppo durante quella fase della vita.

Psicologicamente, ha un’immaturità emotiva infantile e un profondo desiderio di essere amato e adorato da tutti. A livello psicologico, un bambino piccolo è completamente egocentrico e fa affidamento sui suoi genitori per tutti i suoi bisogni. Non imparerà ad essere responsabile per le altre persone finché non sarà maturo. Diventi sempre più dipendente da questa dinamica finché non puoi più funzionare senza il bisturi.

Cosa succede se la fornitura naturale di amore dei genitori di un bambino viene interrotta o se non ottengono il sostentamento emotivo di cui hanno bisogno? Quando un bambino non riceve abbastanza amore dalle sue figure di attaccamento primarie, può iniziare a considerare se stesso come l’ultima fonte di affetto. Questo, a sua volta, può causare narcisismo.

A causa della mancanza di esperienza e integrazione a seguito di traumi in assenza del necessario sostentamento emotivo-affettivo, il meccanismo psichico di fissazione fa il resto, “bloccando” la personalità ad uno stadio evolutivo precedente. Cioè, l’incapacità di andare avanti a causa di un inconscio che cerca disperatamente di rivivere un’infanzia dimenticata per integrarla completamente e passare alla fase successiva della vita.

Non si può tornare indietro più di quanto si è già fatto, e questo tentativo di farlo è ovviamente un ostacolo sulla strada verso una spirale involutiva dalla quale non c’è scampo. Il termine “narcisismo” deriva dal racconto greco di Narciso, un bel giovane che, vedendo un riflesso di se stesso nell’acqua, si innamorò profondamente di se stesso e alla fine si sacrificò annegando.

Il termine cattura lo stato mentale di qualcuno che è così preoccupato dei propri desideri da non essere in grado di riconoscere i bisogni del proprio partner. L’altro è ridotto a nient’altro che un riflesso del proprio io diviso, fonte di adorazione e devozione. Il proprio ego gonfiato occupa così tanto spazio da non lasciare spazio per l’altra persona o per il rapporto tra la persona e se stessi.

Michael Jackson Chirurgia Estetica

Quando un bambino si sta sviluppando psicologicamente normalmente, avrà una buona dose di narcisismo infantile primitivo, in cui l’individuo vede se stesso come il centro dell’universo. Se navigato con successo, questa fase evolutiva è un prerequisito per passare all’amore oggettuale, o alla connessione adulta con l’altro. Dove, come nel mito di Narciso, la folla ammirata funge da specchio metaforico, riflettendo una visione ancora più esagerata della propria grandezza.

Le personalità narcisistiche sono caratterizzate da un senso di sé grandioso e gonfiato, un’illusione di grandezza, una preoccupazione incessante per i propri bisogni e desideri, un’incapacità di entrare in empatia con gli altri e un disperato bisogno di accettazione da parte degli altri. Scelgono carriere nelle arti dello spettacolo, nelle arti visive o nell’industria dell’intrattenimento dove possono essere sotto i riflettori e crogiolarsi nell’applauso di un pubblico riconoscente.

Questi tratti rendono facile identificare la stella irascibile e le sue sorprendenti buffonate. Kohut sostiene che il senso di sé grandioso ma patologico delle persone narcisiste è un tentativo di compensare le gravi delusioni che hanno vissuto da bambini. La rabbia e l’intolleranza per il dolore alimentano inclinazioni paranoiche e guidano gravi espressioni sadico-orali di aggressività.

Andiamo al background di Michael Jackson per vedere cosa potrebbe aver plasmato la sua personalità. C’è un tema ricorrente nella storia della vita di queste persone di genitori freddi, ostili o assenti. Sono cresciuti in situazioni in cui ci si aspetta che aiutino le loro famiglie a raggiungere i loro obiettivi. Spesso dovevano assumersi l’onere di essere il “genio” della famiglia senza ricevere lo stesso dirittolivello di riconoscimento emotivo quando erano giovani.

Michael Jackson crede di non aver mai avuto un’infanzia e invece ha vissuto un “incubo”, anche se anche da bambino veniva già definito un fenomeno. È stato maltrattato dal suo severo padre, che lo vedeva solo come un mezzo per un fine. I suoi obblighi di lavoro gli hanno impedito di avere un’educazione normale. Secondo la morfopsicologia, il naso, le guance e gli zigomi sono i più indicativi di stress emotivo.

Le narici si chiudono come meccanismo di difesa nei momenti di trauma emotivo, quindi le narici spalancate segnalano debolezza e assenza di difese. Il naso di Michael Jackson, più di qualsiasi altra parte del suo viso, è cambiato in modo significativo a causa del suo disturbo emotivo, quindi il suo piano facciale è in qualche modo appiattito. Un problema emotivo o relazionale di fondo è sempre alla base di qualsiasi procedura medica.

Il naso, che nella medicina tradizionale cinese rappresenta il cuore, è un recettore emotivo altamente espressivo, e gli “appiattimenti” sono un segnale dei colpi che si sono presi nella vita. Il rebranding di Michael Jackson rivela un ritiro decennale nell’egocentrismo. La mente stessa è stata influenzata da queste ripetute manipolazioni, subendo una notevole metamorfosi.

Michael Jackson Chirurgia Estetica
Michael Jackson Chirurgia Estetica

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!