Messina Denaro Malattia

Spargi l'amore
Messina Denaro Malattia
Messina Denaro Malattia

Messina Denaro Malattia – Dopo il suo arresto nei pressi della clinica, il Ros del comandante dei carabinieri ha dichiarato che il boss era in cura da un anno “nella clinica della Maddalena”. Al boss mafioso veniva somministrato un trattamento chemioterapico. Secondo quanto riferito dall’Ansa,

Messina Denaro ha effettuato oggi il tampone e attendeva gli esiti degli altri test prima di iniziare la chemioterapia. Nel 2021 il signore della mafia è stato operato per asportare diverse metastasi al fegato. Un’avventura medica iniziata quando al boss della mafia è stato diagnosticato un cancro al colon. Abele Ajello, dell’ospedale di Marsala, lo avrebbe operato.

Da allora, aveva subito diversi cicli di chemioterapia e visite mediche prima che gli fosse scoperto il cancro al fegato. Secondo quanto riferito, ha preso la chemioterapia ogni sei mesi dopo la sua procedura a La Maddalena. Per questo Messina Denaro da oltre un anno si recava regolarmente alla clinica di Palermo. Tornando indietro nel tempo fino al 1994,

ci sono indizi che suggeriscono che abbia subito un intervento chirurgico alla retina in una rinomata clinica oftalmologica a Barcellona, in Spagna. Poi, avrebbe sostenuto, sempre sulla base dei risultati delle indagini condotte negli ultimi anni, un’insufficienza renale cronica che gli imponeva di sottoporsi a dialisi. La terapia del cancro a Palermo, finalmente, l’ultima era.

Ho studiato centinaia di libri e sono a conoscenza delle terapie”, ha detto il supervisore ai medici e agli operatori del carcere. Oltre 20 custodie vuote di pistole “Smith & Wesson” sono state scoperte in un covo di Campobello di Mazara. ROMA, ITALIA, 26 GENNAIO, 2023 – “Ho letto un sacco di libri sull’argomento, quindi so quali opzioni sono disponibili.

Poter accedere a cure mediche all’avanguardia, stat”. Mentre era detenuto per 10 giorni nel carcere di massima sicurezza Costarelle dell’Aquila, il detenuto Matteo Messina Denaro probabilmente ripeteva quotidianamente queste dichiarazioni ai medici e agli ufficiali penitenziari. Il comandante di Cosa Nostra, detenuto il 16 gennaio a causa delle rigide norme detentive 51bis,

avrebbe “ammesso” di temere le terapie e le cure che deve sopportare per combattere la malattia che lo affligge: l’atumore al colon.Il professor Luciano Mutti, che dirige il reparto di oncologia del Lo avrebbero rassicurato l’Ospedale San Salvatore dell’Aquila e la sua équipe di medici, sottolineando che lo stanno curando con metodi all’avanguardia secondo gli standard internazionali.

L’ex superfuggitivo sta bene ed è guarito dal fianco effetti del primo ciclo di chemioterapia di mantenimento.Dal momento che gli unici sintomi di Messina Denaro sarebbero stati quelli digestivi, i suoi oncologi ritengono che possa tranquillamente sottoporsi a un secondo ciclo di chemioterapia entro le prossime due settimane.

Nel caso di Matteo Messina Denaro, il cancro al colon con metastasi è una delle malattie più mortali possibili.

I carabinieri hanno anche rinvenuto presso il bunker di Vicolo San Vito a Campobello di Mazara un revolver speciale ‘Smith & Wesson’ calibro 38 con 5 cartucce. Nel corso delle indagini, l’arma è stata scoperta con un numero di serie nullo. Messina Denaro ha anche conservato venti proiettili a casa sua. L’arma, che è stata consegnata al RIS per l’esame,

Messina Denaro Malattia

è stata caricata e nascosta nel retro di un mobile da cucina smantellato. Se è stato utilizzato in uno qualsiasi degli omicidi in questione con il boss, le indagini tecnologiche lo riveleranno. L’appartamento di Castelvetrano dove vivevano lui e sua madre aveva una collezione di occhiali da sole, il libro “Facce di mafia”, documenti firmati e una bottiglia di champagne.

Nessuna risposta da parte di Andrea Bonafede al gip.Siamo a Palermo, 25 gennaio 2023. Non si è rivolto al giudice Andrea Bonafede, il geometra che secondo gli inquirenti avrebbe prestato intenzionalmente il suo nome al detenuto Matteo Messina Denaro. L’imputato ha scelto di non rispondere alle domande durante il primo interrogatorio, ma poi ha cambiato idea.

Dopo il suo arresto nella clinica La Maddalena di Palermo, Giovanni Luppino divenne noto come l’autista del boss. Il pm sostiene che Bonafede abbia consegnato all’ex latitante il documento d’identità falso e una tessera sanitaria falsa utilizzata per la chemioterapia, nonché che abbia acquistato anche l’abitazione occupata dal boss per tutto il periodo di riferimento e la “Giulietta” cioè intestata a la madre, che ha 87 anni.

Il gip Bonafede “appare riconducibile a quello di affiliato ‘riservato’ al servizio diretto del boss mafioso”, secondo la draconiana ordinanza di custodia cautelare del giudice, che consente al boss di “non solo continuare la sua latitanza, ma anche e soprattutto tutto per mantenere il suo ruolo di leadership nell’organizzazione mafiosa”. Nel frattempo,

gli investigatori hanno esaminato la casa d’infanzia di Messina Denaro in via Alberto Mario a Castelvetrano, dove lui e sua madre risiedevano almeno 30 anni fa prima che si nascondesse; non si sa se abbiano scoperto o meno qualcosa di utile. Gli elementi di ‘colore’ che hanno contribuito a restituire un ritratto del padrino di Cosa Nostra sono stati invece il libro “Facce da mafiosi”,

una raccolta di foto, una bottiglia di champagne e gli iconici occhiali da sole a goccia Ray Ban chet Messina Denaro indossava da giovane e con cui fu immortalato all’epoca. Ieri gli inquirenti hanno diffuso le foto raccolte dal circuito di telecamere di un supermercato a Campobello, dove Messina Denaro si è nascosto per mesi prima di essere arrestato.

Documenti comprovanti la lunga residenza del boss a Trapani, e precisamente nell’appartamento di vicolo San Vito che Bonafede avrebbe acquistato per lui. Proprio in questa drogheria di viale Risorgimento gli inquirenti hanno recuperato alcuni scontrini con i prezzi battuti a mano. Un lavoratore di Punto Coop ha anche affermato che Messina Denaro era un cliente abituale lì.

Due anni fa, il capo è stato operato. Ha subito un’altra operazione dopo che la malattia è tornata sotto forma di metastasi epatiche e ora è in cura per il cancro al colon con la chemioterapia. Dopo 30 anni di latitanza, Matteo Messina Denaro è stato finalmente arrestato ieri, 16 gennaio, presso la clinica privata Maddalena di Palermo, dove era in cura da quasi un anno. I tassi di incidenza e mortalità del cancro del colon sono entrambi tra i più alti in Italia. Entro 5 anni dalla diagnosi,

Messina Denaro Malattia
Messina Denaro Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!