Spargi l'amore
Marina Suma Malattia
Marina Suma Malattia

Marina Suma Malattia – Il fidanzato di Marina Suma da 20 anni è venuto a mancare dopo una lunga malattia. L’attrice che ha conquistato il cuore di molti uomini con il suo fascino, arguzia e voce unica sembra più sicura che mai. Il tempo l’ha in qualche modo alterata, ma l’ha anche fortificata molto. Ha realizzato la sua forza e il suo coraggio a causa delle sfide che ha superato con il suo coniuge al suo fianco. Marina Suma, conduttrice di Oggi è un altro giorno,

non piange né mostra segni di angoscia in studio. Il suo tentativo di un sorriso costante smentiva l’evidente angoscia che provava per la morte di Claudio. Claudio è morto un anno fa oggi, purtroppo. Abbiamo avuto un amore fortissimo e ho passato 20 anni della mia vita con Claudio; ci siamo dati molto e abbiamo condiviso tutto quello che c’era da condividere.

Mi ha anche aiutato a capire l’importanza di capire gli altri e lavorare su me stesso per essere in grado di aiutare gli altri e prestare un po’ più di attenzione al mondo che mi circonda. Una sofferenza estrema che alla fine ha fortificato Maina Suma: “Ti insegna molto. Durante la malattia abbiamo condiviso tutto l’uno con l’altro.

Con lui sono sempre stata me stessa e abbiamo sempre fatto le stesse cose. Certo che papà non lo era”. Non mi sentivo bene e non ero sempre in vena di battute e risate, ma ho imparato che sono forte e coraggiosa di fronte alle avversità.Essere vicino a qualcuno con una grave malattia è una sfida; avere questa intuizione mi ha aiutato molto affare,

e le lezioni che ho imparato mi hanno dato la forza d’animo per perseverare. Marina Suma spiega che era “motivata a rimanere incinta senza dover cercare un marito” dopo aver vissuto una battuta d’arresto romantica. “E in una banca italiana ho avuto scelto i gameti di un padre che desiderava rimanere senza nome”. Ecco la confessione che l’attrice ha rilasciato nel 2009 alla rivista OK!.

L’opzione che avevo scelto era. quello che cercavo Sarei stata la persona più felice del mondo se fossi diventata madre nel 2004 all’età di 43 anni. Senza un padre nella foto, avevo intenzione di crescere mio figlio da solo. Lo sperma di un ragazzo ha fecondato il mio uovo e ho dato alla luce un bambino che non avrei mai incontrato.

Gli esami del sangue per confermare i dosaggi ormonali, l’ecografia, l’isterosalpingografia per valutare lo stato delle tube e l’isteroscopia per valutare la conformazione dell’utero mi sono stati suggeriti dal mio ginecologo di Roma. me stessa. Non c’era bisogno di aspettare. Ma la doccia fredda è arrivata. “Marina, non possiamo continuare”,

mi ha detto il dottore al telefono. C’è una norma chiamata legge 40. Nel nostro paese, ora è contro la legge essere eterologhi. Febbraio dell’anno 2004. Tutto il mio mondo è crollato quando un pezzo di carta approvato dal Parlamento ha infranto un sogno che coltivavo da mesi. La strada era impraticabile. Avrei potuto continuare a viaggiare all’estero,

Marina Suma Malattia

ma l’ho visto come un segno dall’universo. Ho nascosto i miei istinti materni e ho raccolto la forza per andare avanti. Si è verificata una svolta inaspettata degli eventi. Claudio, il mio attuale compagno, ed io ci siamo conosciuti qualche mese dopo. Ho deciso contro l’inseminazione in provetta perché non volevo passare attraverso l’arduo processo di far aspirare i miei ovociti mentre ero sotto anestesia e poi farmi impiantare l’embrione nel mio utero.

Ho deciso di procedere con la fecondazione in vivo, in cui lo sperma viene iniettato direttamente nell’utero da un medico. All’inizio ho provato un ciclo di stimolazione ormonale moderato, che consisteva nell’assumere pillole per stimolare l’ovulazione 10 giorni prima della settimana fertile. Dopo l’inseminazione,

sono stati impiantati ovuli vaginali di progesterone per aumentare le possibilità di impianto degli embrioni con successo. Avevo un comportamento spensierato e sicuro di me. L’anticipazione, tuttavia, fu di breve durata e presto seguirono dei periodi. Provato e fallito. Ancora una volta, i tuoi piedi sembrano scivolare via da sotto di te.

Ci sarebbe almeno un mese tra ogni ciclo di stimolazione, quindi potrei farlo altre cinque volte. Ho saltato sette mesi durante lo scorrimento. Un altro giro di fecondazione intrauterina, altra delusione, le stesse speranze. Il medico mi ha consigliato di prendere in considerazione un intervento chirurgico per rimuovere i fibromi sottomucosi che erano quasi probabilmente la causa degli aborti prima ancora che ci riprovassi. Ero da solo e avevo il tranquillo appoggio di Claudio,

così ho preso la decisione di mettere da parte i miei pensieri. Lo stress della vita quotidiana cominciava a farsi sentire. Non dovevo cercare di imporre a me stessa uno stato di maternità impossibile. Fatalista e altamente emotivo, sono io. Sai solo quando qualcosa è vero; Sapevo solo nelle mie ossa che non avrei mai potuto essere una madre.

Come donna, non lo trovo minimamente offensivo. è vero il contrario. Anche se non sono stato benedetto con una compagna, penso comunque che siano meravigliosi. Una benedizione sotto forma di vita. “No”, ha risposto, “e non so perché”, nonostante la w della fotoConsensi sparsi tra i Vanzina. Mi aspettavo davvero che mi chiamassero, ma non è mai successo.

Nonostante siano passati 40 anni, i fan continuano a chiederle di Sapore di Mare. Secondo lei, “ho sempre la scena finale con Marina e Luca”. Dietro quelle mura c’è il centro pulsante del film. Marina Suma racconta al Corriere della Sera: “Il modo in cui io e Jerry ci guardavamo raccontava la tristezza degli amori perduti,

la gioia di un’estate ormai lontana e la consapevolezza che i bei vecchi tempi non torneranno mai più”. Sul set, ci siamo divertiti e abbiamo riso molto. Il mio vero fratello Paolo, Angelo Cannavacciuolo, era il mio amante all’epoca e abbiamo dovuto rompere.

Marina Suma Malattia
Marina Suma Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!