Malattia Gigi Riva

Spargi l'amore
Malattia Gigi Riva
Malattia Gigi Riva

Malattia Gigi Riva – Primo giugno 1970 imago/Sven Simon Copyright L’italiano Luigi Riva sorseggia un espresso da una tazzina; vneg, vsw, attraverso, chiudere, bere, sete, assetato, bevanda, tazza, caffè, caffeina. Nazione, Nazione, Nazione, Coppa del Mondo 1970 Calcio rilassante a Toluca I singoli giocatori della squadra della Coppa del Mondo maschile posano per una foto privata.


Il 1° novembre in libreria “Mi hanno soprannominato Rombo di Tuono” di Gigi Riva e Gigi Garanzini . Oggi pubblica la sua storia di come la depressione lo abbia seguito per tutta la vita e sia riemersa quando ha lasciato il calcio. Il calcio è stato di grande aiuto, ma quando la sua entusiasmante stagione è finita, ha dovuto ancora affrontare quella che a malapena chiamerebbe tristezza.

Eppure, è stato l’arrivo dei suoi figli, che ha dato un nuovo significato alla sua vita e lo ha salvato nel momento peggiore. È migliorato, ma non è mai andato via completamente; la depressione si è ritirata. Secondo un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha rivelato di aver usato la droga tre volte. Mi hanno chiesto di entrare, così ho fatto.

Hanno riconosciuto la mia presenza e si sono complimentati con me per la mia performance. Sapete perché non mi vaccino? Non mi fa sentire né caldo né freddo, e faccio quello che voglio a prescindere. A me non dispiace, ma quando sento le lamentele in tv la spengo perché non puoi diventare una leggenda se non hai mai cambiato divisa.

Riva è il capocannoniere italiano di tutti i tempi, e fino a poco tempo fa ha anche allenato la nazionale. Si è dimesso da quel ruolo a causa di problemi di salute legati all’età. Oggi Riva vive i suoi giorni in Sardegna, dove lancia un franco monito a chi continua a liquidare la minaccia rappresentata dal Covid o, peggio, la sua stessa esistenza.

. Era un viaggiatore frequente, ma ora esce raramente di casa. Ogni volta che ho bisogno di lavorare sulla mia ginnastica, esco sul balcone lungo cinquanta metri e faccio circuiti avanti e indietro. Di tanto in tanto, potrei portare i bambini a cena fuori in un ristorante. Ma non ho tenuto il passo con le mie passeggiate regolari.

Quale luogo desidero più visitare? Certo, mi piacerebbe visitare il Poetto. Poi chiude con un pensiero gentile per il suo Cagliari: “Appena ne ho voglia ci vado”.Puoi sentire la tua forza prosciugarsi, il tuo corpo arrendersi e la fine che si avvicina. Cosa fa esattamente? Ricorda la leggenda della sua giovinezza,.

l’uomo che gli ha dato un motivo per sentirsi orgoglioso di essere sardo nonostante il fatto che i suoi successi fossero limitati allo sport relativamente poco importante del calcio. Gigi Riva, l’amatissimo “Rumble of Thunder”, la cui rappresentazione come “hombre vertical” del famoso cronista Gianni Mura sembra essere invecchiata male con il tempo: Parteciperai al mio funerale? Presto morirò.

Chiedendo: “Mi interessa davvero, verrai?” È un deciso sì che ci sarò.L’ha raccontata l’altra sera su un social una giovane giornalista cagliaritana di nome Virginia Saba con poche frasi accorte. Ogni sera Riva cena nello stesso ristorante nel cuore di Cagliari, a volte con gli amici e altre volte da solo. Un uomo di circa 70 anni arriva dal nulla, il suo corpo ovviamente indebolito dalla malattia.

Scruta la stanza, si ferma al tavolo di Riva e indica. Si avvicina a lui e gli chiede: “Ti ricordi di me?” con un affettuoso “tu”. L’attaccante del Cagliari e della Nazionale lo guarda un attimo sospettoso prima di annuire e dire: “Sì, mi ricordo”. Forse è vero, forse no. Ciononostante, gli tende una stretta di mano e gli fa cenno di sedersi.

Malattia Gigi Riva

Ma sembra avere fretta, l’uomo apparso dal nulla. Ricorda la sua giovinezza e una partita che ha giocato con la maglia azzurra dell’Amsicora in Messico. Nonostante il suo mancinismo, Riva fa del suo meglio per comunicare con la gente della Nuova Sardegna, spiegando loro i grandi rossoblù.

Quando finalmente l’uomo arriva al nocciolo della questione – il motivo per cui è venuto a cercare Riva nella sua “tana” notturna – Riva capisce tutto: questo incontro non è casuale; ha cercato Riva perché sente che il tempo si sta avvicinando.

Il cancro ha preso il sopravvento sul suo corpo, dice, e gli è stata data una settimana, se non meno, di vita. Sente il rombo del tuono e sente un brivido percorrergli la schiena mentre pensa a quanto dice Gigi Riva: «Mi sembrava strano – dice Gigi Riva – siamo tutti legati alla vita, se riusciamo a muovere un solo dito di uno mano speriamo che basti per vivere.

Invece ha aggiunto: “Sento la morte, sono rassegnato al peggio”, indicando un atteggiamento fatalista. Irritato al punto da accettare che presto avrebbe ricevuto i riti finali dai propri cari, si era rassegnato al suo destino. E quel giorno, sperava in particolare che il suo eroe d’infanzia, Gigi Riva, sarebbe stato lì a guardarlo mentre lottava contro i suoi avversari dopo essersi ripreso da ferite devastanti.

In un tempo e in un luogo dove i gentiluomini come Riva erano pochi, si distingue come l’unico Riva degno di essere ricordato. Quasi paralizzato, Riva ascolta e fa cenno di sì, dicendo piano: “Ci sarò, te lo prometto”. Quindi beve un bicchiere di vino per superare il calvario. L’uomo fa un breve cenno del capo e un sorriso prima di allontanarsi bruscamente.

Era vicino a uno sparo, e quello era probabilmente l’ultimo metodo per seppellire un sentimento incontrollabile.Mentre rimane seduto al tavolo, Riva distoglie lo sguardo, gli occhi si inumidiscono e la bocca si restringe in una fessura. Forse Gigi non saprà del funerale finché non sarà troppo tardi. Gigi Riva, il mitico Gigi Riva, ha parlato alla sua sepoltura, ma.

Malattia Gigi Riva
Malattia Gigi Riva

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!