Malattia Di Bebe Vio

Spargi l'amore
Malattia Di Bebe Vio
Malattia Di Bebe Vio

Malattia Di Bebe Vio -Questa è Roma 17 settembre 2016 – Le sue imprese atletiche hanno fatto impazzire milioni di italiani. I fan che tifano per Bebe Vio dal divano mentre vince medaglie d’oro alle Paralimpiadi fanno eco a ogni suo colpo. La stella azzurra della scherma di Rio 2016 ha ampliato la sua fama oltre il regno dello sport.

La genuinità del suo sorriso e la concentrazione d’acciaio nei suoi occhi sono gli elementi costitutivi di un carisma che attrae e rinvigorisce coloro che la circondano. E può esserlo davanti a un televisore oa un iPad a migliaia di chilometri di distanza. Il campione italiano ama dire: “La mia vita è bella, sono fortunato”, ogni volta che ne ha la possibilità. ESALTANDO GLI ALLORI – Bebe Vio,

19enne di Mogliano Veneto, ha già vinto una medaglia d’oro nel fioretto di categoria B a Rio. Questa è la prima vittoria su 5 cerchi della sua giovane carriera. Ieri, invece, nella gara a squadre, è stata una formidabile avversaria dei campioni di categoria A. In cima alle classifiche, anche nella sua mente. Anche se l’Italia perdesse in finale contro la corazzata cinese, poco importa.

La partita “finale” contro Hong Kong era ancora in gioco per la medaglia di bronzo. Bebe ha fatto una rimonta incredibile, salendo in pedana sul 40-38 e vincendo infine il match con il punteggio di 45-44. E Andreea Mogos e Loredana Trigilio hanno organizzato una fantastica festa blu. LA STORIA DI BEBE – Nel 2008, quando Bebe Vio aveva undici anni,

contrasse una grave forma di meningite. La malattia è progredita in un’infezione pericolosa per la vita che ha richiesto la rimozione di tutti e quattro gli arti “Qn aveva detto a suo padre anni fa che aveva iniziato a prendere la profilassi contro la meningite di tipo A all’età di 10 anni. I medici poi ci hanno informato che era troppo giovane per ricevere l’immunizzazione di tipo B.

Abbiamo riposto la nostra fiducia in loro, ma sapevamo anche che erano esperti nel loro campo. Però ci siamo sbagliati e mio figlio ha contratto il batterio quasi un anno dopo”. Bebe e la sua famiglia hanno mostrato un’incredibile forza d’animo di fronte alle avversità e l’hanno trasformata in un’opportunità di crescita personale e successo atletico. Inoltre,

è stata selezionata come una delle cinque sostenitrici globali dei vaccini contro la meningite, una per ogni continente. Oggi combatte per entrambi, elevando la posizione internazionale dell’Italia mentre lo fa. È appena arrivata la scioccante notizia che porterà la bandiera blu alla cerimonia di chiusura delle Paralimpiadi.

La meningite che ha contratto il 20 novembre 2008, all’età di 11 anni, ha portato a una grave malattia che alla fine ha portato all’amputazione degli arti; dopo aver trascorso 104 giorni in ospedale, è stata dimessa ed è tornata subito a scuola.

Tempo fa ha espresso l’ambizione di guidare Sky Sport e diventare presidente del Coni al Maurizio Costanzo Show. Ha aggiunto la data 2028 come indicatore certo. Quel tempo non appare più così lontano. Ho subito abbastanza amputazioni; non c’è molto da tagliare. Bebe Vio ha pronunciato queste parole dopo essersi resa conto all’inizio del 2021 di essere stata ammalata da un’infezione causata da un batterio dello stafilococco aureo.

Malattia Di Bebe Vio

La sua pungente osservazione è stata: “Un’altra brutta mazza, dopo la meningite di tanti anni fa. La situazione clinica non era eccezionale”, ha detto l’atleta veneziano. Quando mi hanno detto che avrei dovuto amputarmi il braccio se l’infezione si fosse diffusa scheletro, il mio mondo è crollato intorno a me. “Se qualche settimana fa mi avessero detto che avrei vinto due ori a Tokyo,

avrei riso”, ha scritto l’atleta sui suoi social. Tokyo in generale, visto quanto stavo male, è stata come un miracolo. Eppure, ero ansioso di fare il viaggio. Come se non bastasse, mi è stata affidata anche la responsabilità di servire come capitano e portabandiera della nostra squadra. Ecco perché ho dovuto trovare un modo per arrivarci! Questa volta è una lettera di Vio. -.

Avendo appena concluso un anno di alti e bassi, ero pronto per un cambiamento. Un grave infortunio al gomito nel settembre dello scorso anno è stato straziante. La riabilitazione potrebbe richiedere diversi mesi. Finalmente mi sono sentito meglio. Poi, all’inizio dell’anno, tutto è crollato a causa di un’infezione da stafilococco aureo. Un altro temuto microbo,

che ha seguito le orme del meningococco molti anni fa”. Poi ci sono state le medaglie, il suo sorriso smagliante e la sua sconfinata eccitazione. Bebe Vio è l’epitome della perseveranza, il tipo di spirito che ci aiuta a superare le sfide che la vita ci riserva inevitabilmente. Medaglia d’oro alle Paralimpiadi nonostante abbia superato le avversità causate da una grave malattia in adolescenza.

Un modello per tutti è Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio. Per questo conoscere Bebe Vio, l’atleta paralimpica più celebrata d’Italia, è così Bebe Vio ha un fratello maggiore e uno minore, entrambi nati a Venezia, hanno trascorso la loro infanzia a Mogliano Veneto, fin da subito ha iniziato ad allenarsi come scout ed esperta di scherma, eppure nel 2008,

quando aveva appena undici anni , la sua malattia ha colpito: meningite di tipo B. Purtroppo ha perso la finestra vaccinale.A questo proposito, suo padre ha condiviso che l’anno successivo ha trascorso tre mesi e mezzo in ospedale, con il l’amputazione degli avambracci e delle gambe che si erano necrotizzati, la riabilitazione e, infine, il recupero con la scherma.

La storia di Bebe Vio da allora in poi è diventata un manifesto per le campagne di immunizzazione contro la meningite.Ha debuttato a Bologna nel 2010, ha vinto il campionato italiano under 21 nel 2011 e ha difeso il suo titolo di campionessa italiana assoluta nel 2012-13. La fulminea ascesa di Bebe Vio alla ribalta nel mondo dello sport può essere attribuita in gran parte alla guida dei suoi allenatori per tutta la vita,

Federica Berton e Alice Esposito. Nel 2015, ad Eger, in Ungheria, ai campionati di categoria, è stato assegnato il primo titolo mondiale. Nel 2016 si è classificato primo come individuo e secondo come membro della squadra ai Campionati Europei. L’ultima glorificazione è vincere la medaglia d’oro olimpica a Rio de Janeiro nel 2016 con un trionfo per 15-7 sull’avversario cinese Zhou Jingjing. La seconda medaglia arriva due giorni dopo,

Malattia Di Bebe Vio
Malattia Di Bebe Vio

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!