Madre E Figlia Uccise Nel Modenese

Spargi l'amore
Madre E Figlia Uccise Nel Modenese
Madre E Figlia Uccise Nel Modenese

Madre E Figlia Uccise Nel Modenese – Salvatore Montefusco aveva chiesto l’archiviazione presso la Procura della Repubblica di Modena. Nel corso degli anni ’90, l’uomo di 69 anni è diventato famoso per aver sfidato la richiesta di pizzo di un clan camorrista, che consentiva l’arresto di 16 persone a causa delle inondazioni nella zona. Denunciato tre volte il marito Salvatore Montefusco prima dell’omicidio di lei e della figlia Renata nel comune di Cavazzona di Castelfranco Emilia. Nel luglio del 2021 è stata presentata una denuncia di maltrattamento, seguita da un’integrazione ad agosto e da una seconda denuncia a dicembre.

La Procura di Modena ha chiesto l’archiviazione del caso, che risale a quel periodo in cui la condotta, seppur nell’ambito di una terribile situazione familiare, rimase verbale. La nostra opposizione ha sottolineato che ci sono stati atteggiamenti più tangibili, secondo l’avvocato della vittima, Annalisa Tironi. Davanti ai Carabinieri di Castelfranco Emilia, Montefusco, 69 anni, ha confessato il duplice omicidio. Ci sono voluti almeno sette o otto colpi per uccidere Renata Alexandra, 22 anni, e la sua consorte di 47 anni, che stava per essere separata da lei, Gabriela Trandafir, che si era rifugiata all’interno della casa. Quando ha visto suo figlio di 17 anni, un imprenditore edile, “non so cosa mi ha fermato”, ha affermato il ragazzo. Una ferita al volto stimolò la sua partenza da casa; i militari avevano persino pianificato una via di fuga per lui invece di andare in un bar. Mi ha chiesto di chiamare i carabinieri dopo che l’ho visto camminare coperto di sangue. “L’ho visto entrare sporco di sangue, ha detto il barista.”

Due persone vengono uccise nello stesso tragico e ridicolo climax di una relazione logora tra un uomo, sua moglie e sua figlia. Quando la coppia si è separata, è emerso che le signore volessero mantenere la casa in cui vivevano, ipotesi a cui si opponeva il ragazzo che l’aveva costruita in passato. Negli anni ’90 Montefusco si ribellò contro un pizzo ricercato da un clan camorristico che aveva inondato la zona, consentendo l’arresto di 16 persone. Era già noto alle forze dell’ordine per reati fiscali e bancarotta. Il ragazzo di 69 anni ha avuto tre figlie dal suo primo matrimonio prima di incontrare la donna di origini rumene dalla quale ha avuto un terzo figlio. L’imputato, rappresentato dall’avvocato Marco Rossi, è ancora dietro le sbarre; deve affrontare l’accusa di due capi di omicidio.

I pubblici ministeri avevano chiesto l’archiviazione del caso sulla base delle affermazioni della vittima dell’omicidio di abusi domestici e attività persecutorie da parte del marito. Le decisioni sul divorzio sono state prese subito dopo gli omicidi di Castelfranco Emilia, in Italia. A compierlo fu scelto Salvatore Montefusco, che ha ammesso il delitto. Per gli omicidi della moglie, Gabriela Trandafir, 47 anni di origini rumene, e della figlia Renata, 22 anni, il ragazzo è stato fermato dai carabinieri. I corpi delle due donne sono stati ritrovati presso la loro residenza in un’area aperta della campagna, dove erano stati uccisi a colpi di arma da fuoco. Dopo la sparatoria alle due, l’uomo aveva fatto la cosa giusta chiamando i soccorsi.

https://youtu.be/TF-K6Cuz4Qw
Madre E Figlia Uccise Nel Modenese

Il pm ha chiesto a Gabriela Trandafir di sporgere denuncia contro il marito, prima per maltrattamenti in famiglia, poi per reati persecutori, appropriazione indebita e furto, che aveva commesso. “L’azione per maltrattamenti in famiglia, iniziata con la denuncia della donna, era stata definita con una richiesta di licenziamento contro la quale il denunciante aveva proposto opposizione”, si legge in una nota della procura di Modena. Domani, 14 giugno 2022, il gip del Tribunale di Modena avrà un’udienza camerale per discutere l’opposizione all’archiviazione. L’auto del denunciante era stata dotata di un localizzatore GPS nell’ambito di un atto persecutorio e la procedura era stata delineata con una richiesta di archiviazione.

Dovevano anche comparire in tribunale per l’udienza di divorzio, prevista per giovedì 14 giugno, davanti al Giudice Civile del Tribunale di Modena. Alle 12:15 Montefusco ha convocato i carabinieri dopo aver sparato e ucciso le due donne che aveva ucciso. stavo litigando con. Il costruttore edile Salvatore Montefusco, originario della Campania, chiamato da un bar di Castelfranco, in Italia, a 69 anni Le urla e gli spari avrebbero potuto essere uditi da alcuni residenti, ma era già troppo tardi. I vigili del fuoco gli hanno aperto la porta, ma non ha potuto fare a meno di verificare il duplice omicidio. 118 interferito. Dopo un lungo interrogatorio in cui lo raggiunsero i carabinieri, l’uomo ha confessato. Fucile a canna corta abraso, prese la mira e sparò.

Un altro figlio è intervenuto e ha salvato Gabriella Trandafir, che aveva 47 anni e, secondo i suoi vicini, era alla fine di una relazione. Anche Renata, sua figlia di 22 anni, è stata colpita dalla malattia. Un vicino ha detto: “Ha detto che era una persona orribile”. Quando sua madre ha avuto una precedente connessione con qualcuno di origine rumena, ha dato alla luce una bambina. C’erano volte in cui litigavano perché non le permetteva di usare l’automobile, tra le altre cose. Renata frequentava l’università

ty per studiare moda, ma cercava anche un lavoro e aveva un colloquio programmato per oggi. Le piaceva il calcio e ogni fine settimana si recava in Romagna con i suoi amici per gareggiare in una competizione. Il figlio di Gabriela e Salvatore, minorenne, condivideva la casa con loro. Se fosse presente, non è chiaro se fosse coinvolto negli omicidi o meno. È stato affermato che Salvatore Montefusco, 69 anni, l’uomo che ha ucciso moglie e figlia a Castelfranco Emilia, avesse maltrattato moglie e figlia. C’era stata una denuncia e il giorno successivo il giudice si sarebbe pronunciato sull’appello della vittima.

Quando Salvatore Montefusco, 69 anni, ha ucciso Gabriela Trandafir e la figlia Renata, 47 anni, lo hanno fatto dopo averlo denunciato per violenza familiare, stalking, appropriazione indebita e furto. Il suo assassino è stato condannato per tutte queste accuse contro Montefusco prima degli omicidi.

Madre E Figlia Uccise Nel Modenese
Madre E Figlia Uccise Nel Modenese

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!