Lello Arena Malattia

Spargi l'amore
Lello Arena Malattia
Lello Arena Malattia

Lello Arena Malattia – In un amico, puoi fidarti di trovare le realtà più profonde. Per questo Lello Arena ha scritto il libro “C’era una volta”, descrivendo non solo il suo rapporto di lavoro con Massimo Troisi, ma anche la loro stretta amicizia. Ai microfoni Lunatici di Rai Radio 2 ha raccontato che la storia era “fatta di mille colpi di scena, di mille strani incidenti”.

In giovane età, il comico napoletano aveva già conosciuto il suo futuro collaboratore “In una commedia è quando l’ho incontrato per la prima volta. Un caratterista molto minore aveva una temperatura alta di 40 gradi e non poteva recitare. Ha ricordato che tutti avevano considerato Massimo come un prendere il suo posto. Era risaputo che era un bravo ragazzo. Per prendere il suo posto, ha essenzialmente fatto il suo debutto sul palco.

Un tagliacarne con una temperatura. I salumi che stava trasportando erano in mostra. Ma ho recitarli in ordine? si chiese, e i sei secondi che dovevano passare si trasformarono in sei minuti di risate incontrollabili. La risata costante che lo accompagnava a teatro divenne da quel momento in poi una risorsa per i suoi occhi. Così capì probabilmente c’era una via d’uscita”.

Abbastanza vero, è così che si è scoperto. In un primo momento hanno lavorato come un tutt’uno, formando il trio La Smorfia con Enzo De Caro “Lello Arena ha riflettuto sul leggendario successo del gruppo dicendo: “Ci siamo persi tante volte per strada eppure siamo riusciti a creare La Smorfia, per andare avanti televisione.

Eravamo uno dei gruppi italiani che rispetto al teatro leggero ha avuto uno degli esiti più leggendari.” – Mentre eravamo a Roma, abbiamo assistito a spettacoli negli stessi teatri frequentati spesso da Gassman, Proietti ed Eduardo. Abbiamo ignorato alcune fantasie ai vertici A Napoli, i biglietti ufficiali costavano $ 3.000, ma fuori, i bagarini costavano $ 50.000.

La nostra è una storia insolita e adorabile, e ho sentito il bisogno di scriverla dal punto di vista dell’unica persona che poteva davvero renderle giustizia: me stesso.” Sulla malattia di Massimo Troisi, in particolare, il libro di Lello Arena contiene numerosi fatti indiscussi: “La verità va detta e rimessa al suo posto. Ci sono molti errori di battitura e altri errori nelle opere pubblicate. L’affermazione di Massimo sulla malattia, ad esempio, a volte viene utilizzato come grimaldello emotivo per ottenere l’approvazione del lettore; ha affermato.

– Fatta eccezione per la drammatica conclusione, la malattia di Massimo non è mai stata fonte di stress per noi. Al ritorno da Houston, Massimo ha potuto esibirsi per due anni e mezzo ore, giocare a calcio e socializzare con le giovani donne poiché amava così tanto ciascuna di queste attività e perché rientravano nelle sue preferenze sia per l’estetica che per le cure mediche. I dettagli della malattia non dovevano essere condivisi in modo deprimente”.

Il tallone d’Achille di Troisi, inoltre, è il genere femminile: “I portieri dell’hotel erano accompagnati dalle donne che li pagavano. Si può cominciare a sondare la gravità della questione solo se si considera che all’epoca avevamo appena 26 anni. Con due formidabili avversari come Enzo e Massimo, non avevo altra scelta che rinunciare al match.

Le donne nelle prime file del cinema svenivano per la bellezza spiazzante di Enzo. Massimo era attraente in un altro modo, ma lo trovava comunque attraente. Io ero essere un po’ in ritardo rispetto al programma, ma non era qualcosa di cui potevo lamentarmi”. Oltre ad essere un artista fenomenale, Massimo Troisi fu anche uno degli esseri umani più ammirevoli del suo tempo. È abbastanza raro, parafrasando ancora una volta Lello Arena: “In altre parole, era una linfa.

La sua stessa tonalità unica lo faceva risaltare. Poiché nessun altro è esistito come lui, credo che le persone nella sua posizione abbiano un’innata consapevolezza che sono unici. Vero, ci sono. Penso di capire perché ti piace stare da solo. E questo era qualcosa che nessuno di noi capiva completamente all’epoca. Anche se condividevamo una casa con lui, ci mancava questo dettaglio. Noi lamento che nessuno avesse previsto un risultato così terribile in quel momento.

Lello Arena Malattia

Sebbene fosse consapevole delle sue cattive condizioni, nessuno si aspettava che morisse così all’improvviso. ” E non dimenticherà mai il giorno in cui ha sentito quella notizia: “C’erano musica, palloncini e bambini che ridacchiavano mentre guardavo mia figlia esibirsi in una prova di ginnastica. Ogni telefono che poteva squillare lo faceva per tre giorni interi. In qualsiasi momento, in qualsiasi giorno, per un giorno intero.

La situazione è diventata improvvisamente piuttosto pericolosa”. In questo giorno, sabato 23 ottobre 2021, Verissimo tornerà con nuovi episodi. La conduttrice della mostra, Silvia Toffanin, si prepara a salutare una sfilza di visitatori interessanti, ognuno dei quali ha una storia affascinante da condividere. Lello Arena è solo uno dei tanti che varcheranno le porte dello studio, ma prima di farlo, conosciamolo un po’ meglio.

Originariamente chiamato Raffaele Arena, Lello Arena è nato a Napoli il 1 novembre 1953. Si è trasferito a San Giorgio a Cremano all’età di dodici anni. Alla tenera età di tredici anni conobbe il suo futuro compagno Massimo Troisi in una rappresentazione liturgica di Sant’Anna. Arena ha riversato il suo cuore e la sua anima nel teatro, ispirando primarily dal suo caro amico Troisi.

Nel 1981 Massimo Troisi lo chiamò per interpretare Lello, un prepotente amico del protagonista Gaetano, nell’acclamato film Ricomincio da tri. No grazie, il caffè mi innervosisce di Lodovico Gasparini, uscito l’anno successivo, lo vede protagonista. Gli hanno conferito il Premio Massimo Troisi alla carriera l’8 luglio 2009. Dopo aver diretto il suo primo film nel 1988, è tornato a dirigere l’Arteteca nel film Finalmente sposi del 2018. Insieme a Francesca Taviani, figlia del regista Vittorio Taviani, con il quale ha avuto un figlio nel 2003, si è sposato nel 2006.

Lello Arena Malattia
Lello Arena Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!