Lello Analfino Malattia

Spargi l'amore
Lello Analfino Malattia
Lello Analfino Malattia

Lello Analfino Malattia – Aveva preso il Covid tre volte nonostante fosse stato vaccinato, e ogni volta aveva prevalso. Aveva anche combattuto con successo contro il cancro e aveva subito una complessa operazione al cuore.

Nonostante avesse appena 31 anni, il professor Vito Nemoura di Palermo, che era ampiamente conosciuto per la sua più grande passione – la musica – e che suonava nella cover band dei Tinturia, ha dovuto affrontare numerose lotte. Morì di polmonite fulminante in pochi giorni, scioccando e rattristando tutti coloro che lo conoscevano e si prendevano cura di lui.

Tra gli increduli c’era Lello Analfino, il cantante che era il suo idolo e che ancora oggi piange pensando a lui. Il giovane, che aveva fatto del Palermo la sua casa ma in realtà era di Villafrati, è morto ieri.

Le condizioni del paziente sono rimaste invariate mentre era collegato ai ventilatori, e ieri mattina non si sono registrati segni di miglioramento o peggiorament. Di’ agli amici che si sono radunati intorno all’obitorio inconsolabile: “La situazione è diventata problematica in tarda mattinata, minacciando le funzioni vitali, e poi è morto nel pomeriggio.

Vista la sua storia di malattia, il vaccino gli è stato messo a disposizione rapidamente”. era un paziente debole. Aveva battuto un tumore e battuto il Covid tre volte. Alla domanda su come si sentiva, ha detto al Palermo: “Non mi sentivo troppo orribile, aveva superato tutto bene”. Uno dei migliori amici di Hubert Pennino, Pennino, è qui oggi.

Nato nel 1990, ha lavorato come insegnante presso l’Istituto Tecnico Picciotti di Brancaccio, dove ha insegnato geostoria nonostante il suo vero amore risiedesse nella musica. Secondo Hubert, “ha fatto un po’ di tutto per tutta la vita”. Aveva da poco iniziato la professione di insegnante ed era anche musicista, cantante e appassionato di teatro.

Nonostante la sua residenza permanente a Palermo, faceva il pendolare avanti e indietro da Villafrati, dove il Comune ha dichiarato un periodo di lutto. Lui e i suoi coinquilini avevano una casa in affitto in via Oreto. Considerava la Vucciria la sua casa e la visitava frequentemente. Ho perso il conto di quante volte abbiamo cenato alla Taverna Azzurra.

Era una routine per noi e 99 volte su 100 siamo finiti nel mezzo. La nostra risata è stata interrotta da lui. Aveva una visione ironica della vita e avrebbe fatto qualsiasi cosa per tirarti su il morale se avesse sentito che eri giù. Il suo punto debole emotivo erano le melodie.

Così facendo, è stato la forza trainante di due gruppi: Smanie e Tintoria abusiva, una cover band di Tinturia. Ascoltare la sua canzone “Traffic” su Spotify mi ha aperto gli occhi su quanto fosse davvero un vincitore.

Contattato telefonicamente, le lacrime di Lello Analfino scorrono libere mentre ricorda il ragazzino che gli è stato portato via troppo presto. Il frontman dei Tinturia ha raccontato a PalermoToday: “Abbiamo chiacchierato la mattina, prima che accadesse la tragedia. Mi ha suggerito di utilizzare il logo della band, così l’ho fatto. Ho chiesto: “Vitù, e che difficoltà ci sono?” Aveva mille progetti in mente .

Dai, ci siamo detti, mangiamo insieme una bella cena. Quando sono arrivato al Civico la mattina seguente, mi hanno detto che Vito era caduto in coma la sera prima. Oggi ricordiamo la brutta fine di un giovanotto, un ragazzo perché era così amato dai suoi fan, come Analfino si è commosso a riflettere.

Lello Analfino Malattia

Sembra ridicolo accettare che sarebbe morto all’età di 31 anni, quindi ho intenzione di conservare i miei ricordi di lui finché posso ancora. Anche se aveva appena vinto Covid, io sono Picciotto è morto improvvisamente di polmonite. Il peccato è che questa malattia lascia tracce.

Non sono un medico specialista, ma proprio non vedo come altro si possa spiegare. Le componenti per affrontare questo dolore ormai sono musica e ricordi. Ripetè a PalermoToday: “Nel questi due giorni sono stato assolutamente orribile.” Per il bene del mio carattere, non posso fare a meno di andare avanti, ha detto Lello Analfino.

Il mio più grande rimpianto è che sembro non apprezzare abbastanza le persone. Ho condiviso il palco con Vito. C’era un festival a Mezzojuso, dove suonavano musica e incoraggiavamo la folla a cantare insieme. È stata un’esperienza incredibile, irripetibile. Spesso ho avuto altri musicisti sul palco con noi. Ho molti ricordi meravigliosi di lui, ma questo è il più bello.

Ha partecipato ai nostri spettacoli, non ne ha perso uno. Stava creando una racchetta da sotto il palco. Questa povera anima che ha incontrato una fine così triste è qualcuno che non dimenticherò mai. Il cantante tinturiano insiste, tuttavia, sul fatto che la morte è terribile. Mi sono lamentato della mia età che avanza negli ultimi due giorni, e ora le lacrime continuano a venire. Dopotutto, 31 anni non sono molto lunghi prima che tu muoia.

Quando devo fare sacrifici, è sempre pensando ai miei cari e agli amici. La sua voce si incrina mentre dice: “Ammettiamolo: la morte è una privazione”. Per questo motivo, loro, noi, dobbiamo imparare a funzionare senza la costante e gioiosa compagnia di questo ragazzo. L’unica volta che l’ho portato sul palco con me, credo di averlo reso felice e mi pento di non averlo fatto più spesso.

E il ricordo di quell’istante durerà per sempre. Con questa melodia, chi ha bisogno di fariS? “Le madri hanno la capacità unica di notare cose che agli altri mancano, ma corrono anche il rischio di essere accecate dal loro amore e di perdere ciò che è proprio davanti al loro naso.

Lello Analfino, che oggi ha 48 anni, ha “cu è musica”, soprannome di sua madre per Gerlanda. Guascone, irriverente e umoristico come sempre, ha trovato la sua nicchia con i Tinturia, la band siciliana più popolare, capace di creare davvero un nuovo genere musicale. Pop, rock, folk, ska, rap e reggae si uniscono in quello che chiamano sbrong.

Lello Analfino Malattia
Lello Analfino Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!