La Malattia Di Vialli

Spargi l'amore
La Malattia Di Vialli
La Malattia Di Vialli

La Malattia Di Vialli – Il capo delegazione della Nazionale italiana di calcio ha annunciato ieri che non sarà presente alle prossime partite della squadra. Vialli, subentrato a Gigi Riva a novembre 2019, salterà le prossime due partite ufficiali dell’Italia a marzo, entrambe di qualificazione all’Europeo 2024 e sarà allenata da Roberto Mancini: il 23 marzo a Napoli contro l’Inghilterra e il 26 in trasferta a Malta.

Nella sua nota alla FIGC si legge: “Dopo molte riflessioni e discussioni con il mio meraviglioso team di oncologi, ho deciso di sospendere temporaneamente i miei impegni professionali presenti e futuri” Ha dichiarato la sua intenzione di concentrare tutte le sue energie nell’aiutare il suo corpo a superare l’attuale fase della malattia.

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha recentemente dichiarato la sua vicinanza a Vialli in questo momento, dicendo: “Gianluca è un protagonista assoluto della Nazionale e lo sarà anche in futuro”. Non ho dubbi che la famiglia federale tornerà presto a causa della sua incredibile forza d’animo, del blu e dell’affetto di tutti.

Sanno che qualunque cosa accada in campo, possono contare su di noi come unità. Vialli probabilmente avrebbe anche lasciato un messaggio vocale ai vertici della nazionale dicendo qualcosa del tipo: “Devo fermarmi per le cure”. Prima torno da te, meglio è. Negli ultimi cinque anni, Gianluca Vialli, 58 anni, ha “combattuto” contro il cancro al pancreas.

Dalla sua diagnosi nel 2017, è stato aperto riguardo alla sua esperienza con la malattia e alle sfide che ha dovuto affrontare di conseguenza. Aveva detto ad Alessandro Cattelan di aver “paura di morire” in un’intervista. “Quando la corrente va via, non ho idea di cosa ci sia al di là.

Tuttavia, ha continuato, “sono anche consapevole che il concetto di morte è essenziale per comprendere e apprezzare la vita”. Vialli ha sempre desiderato che la sua vita servisse da motivazione per gli altri: qualcuno potrebbe aver visto che, nonostante la mia apparente forza, ero un essere umano vulnerabile. L’anno scorso, ha dichiarato:.

“Sono qui con i miei difetti, le mie preoccupazioni e l’ambizione di fare qualcosa di significativo”. cancro perché so di non avere alcuna possibilità di sconfiggere un nemico così formidabile. Ha continuato, “Il cancro è un compagno di viaggio sgradito, ma non posso farne a meno.” Ora che è sul treno con me, tutto quello che posso fare è tenere Abbasso la testa e continuo ad andare avanti, .

pregando che un giorno questo scomodo passeggero si stanchi e mi lasci in pace così che io possa godermi la vita il più a lungo possibile; ho molto di più da realizzare.Molti personaggi famosi, dalla sfera politica all’industria dell’intrattenimento, hanno espresso il loro sostegno e compassione dopo aver sentito parlare della pausa autoimposta a causa della malattia.

La Malattia Di Vialli

Anche tra gli esperti nel campo della malattia. Fedez ha riflettuto sul dono del calciatore in pensione scrivendo: “Non dimenticherò mai il conforto e la forza che Gianluca Vialli mi ha offerto durante la sua malattia, spero un giorno di potermi ricambiare per quello che ha fatto per me”. carcinoma del pancreas neuroendocrino an.

Il cancro ha colpito anche Roberto Calderoli, ministro per gli Affari regionali e le Autonomie. Il ministro ha definito Vialli un “campione quotidiano” per la sua perseveranza nel corso di cinque anni in “questa battaglia davvero dura, la partita più dura”. Nessuno lo capisce tranne qualcuno che, come me, ha dovuto continuare a fare la stessa guerra per un decennio.

Tifiamo per te, Vialli, e speriamo di rivederti presto alla guida della missione italiana.L’ex attaccante di Juventus e Sampdoria ha voluto lasciare la Federazione con un messaggio di ottimismo nel suo ultimo addio. Nonostante voglia “affrontare nuove avventure il prima possibile e condividerle con tutti voi”, Vialli ha deciso per il momento di sospendere i suoi viaggi.

Tutti sperano che Vialli possa raggiungere quanto prima Mancini sulla panchina dell’Italia. Una battaglia di quasi due anni contro il cancro al pancreas che aveva irrimediabilmente cambiato la vita di Gianluca Vialli e sconvolto il mondo del calcio: in un’intervista a La Repubblica, il leggendario attaccante di Sampdoria e Juventus e attuale capo della Nazionale italiana ha detto:.

“Ma ora io sto meglio.” Ho finito 17 mesi di chemioterapia a dicembre, inclusi due cicli di 8 mesi ciascuno. Un viaggio faticoso fisicamente e mentalmente, anche per un veterano incallito come me. Tuttavia, i test più recenti sono stati abbastanza liberatori: non hanno mostrato alcun sintomo di malattia”, dice Vialli ancora una volta con un sorriso.

Anche se devo dirlo a bassa voce, “Sono felice”. normale ci vorrà un po’, tutto inizia con la ripresa delle routine più basilari.Il ritorno alla normalità è quando puoi guardarti allo specchio e notare che i tuoi capelli stanno ricrescendo.Posso finalmente rinunciare al rituale quotidiano di disegnare le mie sopracciglia.

Durante l’epidemia di coronavirus, l’ex calciatore ha lanciato il seguente appello emotivo: “So che sembra una follia, ma in questo momento mi sento più fortunato di molti altri. Il mio auspicio è che lo slogan “Ciò che conta è la salute” trovi il giusto posto di pprominenza. Spero che alla fine anteponiamo la sicurezza delle persone ai tagli di bilancio ai servizi pubblici come l’assistenza sanitaria e i trasporti e che i ponti smettano di crollare.

Dopo aver affrontato la questione dei campionati, Vialli ha detto: “Riprendere i campionati è una domanda”. Mentre credo che gli interessi di parte e l’egoismo dovrebbero essere messi da parte, simpatizzo anche con i presidenti di club, che stanno affrontando una crisi diversa da qualsiasi altra abbiano mai visto.

Tuttavia, si dovrebbe evitare di commettere l’errore di agire troppo in fretta. Possiamo solo sperare che i medici e gli altri professionisti medici che prescrivono il trattamento sappiano effettivamente di cosa stanno parlando. E torniamo là fuori solo quando gli specialisti dicono che è sicuro farlo. Torna l’ex capitano della Juventus e attuale capo delegazione della Nazionale azzurra di Roberto Mancini, ianluca Vialli.

La Malattia Di Vialli
La Malattia Di Vialli

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!