Incidente A Petra Giordania

Spargi l'amore
Incidente A Petra Giordania
Incidente A Petra Giordania

Incidente A Petra Giordania – Una vacanza che si trasforma in un incubo. Post sui social media dall’antica città di Petra in Giordania, poi l’incidente d’auto avvenuto venerdì sera. All’età di 31 anni, anestesista tirocinante all’Ospedale di Spoleto e precedente concorrente di “Reazione a catena”, il programma di RaiUno che l’aveva vista protagonista nel trio de “Le Pignolette”, Lucia Menghini ha ceduto alle ferite riportate in una rissa tra i due. Secondo quanto riferito, altri due nativi di Perugia, entrambi tirocinanti anestesisti, sarebbero rimasti feriti in Giordania con lei.

Marco Liorni, il conduttore, le ha postato un messaggio d’addio su Instagram “Ciao Lucia. Mi dispiace per la tua scomparsa. Siamo tutti scioccati nel sentire che una ragazza di Reazione a Catena, la Pignolette, è apparsa in numerosi episodi e ha vinto numerosi campionati, è rimasta uccisa in un incidente d’auto in Giordania. Era una dottoressa e aspirava a diventare un’anestesista in vita. porgiamo le nostre condoglianze ai suoi cari e alla sua famiglia “Per una questione di fatto,.

In una frazione di secondo, una vacanza si è trasformata in un incubo. Un incidente che ha coinvolto tre giovani umbri venerdì in Giordania ha provocato la loro morte. Da studentessa anestesista, Lucia Menghini, 31 anni, è stata tragicamente uccisa. Altri due perugini – entrambi anestesisti in formazione – sono rimasti feriti e portati all’ospedale di Amman.

Entrambi si stanno riprendendo bene. Domenica scorsa è stato il primo giorno di ferie e domani avrebbero dovuto rientrare in Italia. Durante il loro viaggio nel Mar Rosso, Petra e nel deserto rosso giordano, le ragazze hanno documentato le loro esperienze sui social media.

Dopo aver appreso la terribile notizia della morte della professionista di Foligno Lucia Menghini, sono stato preso dal dolore. un’esistenza sconvolta di un giovane che li lascia interdetti e sconvolti È con profondo dolore e vicinanza che porgo le mie condoglianze alla famiglia e agli amici del giovane medico che ha prestato servizio nella complicata struttura di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale di Spoleto, dove ha lavorato “..

Il direttore generale della Usl Umbria 2 Massimo De Fino e il management strategico dell’azienda hanno espresso il loro pensiero e i loro commenti sullo sfortunato incidente stradale avvenuto ieri in Giordania, dove il giovane medico era in vacanza con alcuni suoi colleghi.

A Spoleto, la responsabile della struttura di anestesia e terapia intensiva del “San Matteo degli Infermi”, la dott.ssa Marina Vissani, esprime le sue condoglianze e il suo sincero dispiacere per l’accaduto. Una giovane donna estroversa che si dedica al suo lavoro e ha un forte sentimento di autostima e orgoglio per i suoi successi.

“Quando la dott.ssa Menghini ha iniziato il suo tirocinio con noi a gennaio, era una specialista del primo anno”, ricorda la dott.ssa Vissani. È stata immediatamente riconosciuta per la sua preparazione, sobrietà e devozione ai suoi pazienti. Non le ci è voluto molto per diventare un membro prezioso del team della sala operatoria a causa del suo desiderio di conoscere l’anestesia. Ricorderemo sempre il suo sorriso affascinante, il suo comportamento pacifico ed educato e i suoi enormi occhi azzurri. ‘Fino alla prossima volta! “, è una buona idea.

10 aprile 2022 – Foligno, Italia – È morta in Umbria Lucia Menghini, 31 anni, anestesista. Era una folignate morta in un incidente stradale in Giordania con un gruppo di amici mentre era in vacanza. Quella dei propri cari, amici e colleghi è un’agonia inevitabile. Era in Giordania in vacanza dal suo lavoro all’ospedale di Spoleto.

Era stato nel deserto e nelle rovine di Petra e conosceva entrambi. Durante le vacanze, i suoi ultimi aggiornamenti su Facebook riguardavano la condivisione di foto. La sua vita è stata sconvolta da uno strano incidente. L’alterco segnalato è avvenuto ad Amman, in Giordania. La ragazza era accompagnata da altri due colleghi umbri.

Non c’era niente che Lucia Menghini potesse fare. La gravità delle ferite era troppo da sopportare. Entrambi sono stati portati in ospedale. Secondo i primi resoconti, le tre ragazze si trovavano a bordo di un’auto investita da un furgone. Uno shock estremamente potente. I soccorritori sono arrivati ​​rapidamente. Due giovani donne sono attualmente in cura in un ospedale della città di Amman. Venerdì 8 aprile si è verificato un incidente.

Per quel giorno era stato programmato un ritorno dalle vacanze il 10 aprile. Nonostante ciò, Lucia è stata uccisa lungo il percorso. Foligno piange la scomparsa di una delle sue giovani figlie e la comunità vacilla. All’ospedale di Spoleto, una giovane donna davvero dedita al suo lavoro. Tutti in ASL la ricordano, compresi i suoi colleghi e il management dell’azienda.

Nella chiesa di San Paolo nella parrocchia di Lucia si è svolta una veglia di preghiera. In un post della chiesa, “Tutta l’Unità pastorale abbraccia la famiglia Menghini”, si legge nel messaggio. Come ha affermato un parrocchiano, “Quando vedi quel sorriso adorabile e brillante seguito dalla frase morte e triste incidente, è un colpo devastante al cuore”, aggiungendo che questo è un momento difficile per la comunità.

Incidente A Petra Giordania

La morte di Lucia ha spaventato tutti, compresa la troupe televisiva. Poiché aveva partecipato a un popolare quiz chiamato ” Chain Reaction “, molte persone conoscevano il suo nome. In un post Facebook su di lei, il conduttore Marco Liorni ha espresso il suo dolore. Lucia e altri due amici avevano formato una squadra. Questo gruppo, noto come “Le Pignolette”, era molto apprezzato dalla gente comune per il suo senso dell’armonia.

Oltre a vincere più scommesse, avevano anche “bucato lo schermo”, come si suol dire, affermandosi come concorrenti eccezionali. Gli spettatori di Reaction a Chain le stanno scrivendo per dirle: “Stavamo tifando per te. La vita di Lucia e le persone a cui teneva sono state fatte a pezzi da un terribile destino. Quando vedono i suoi recenti aggiornamenti di Facebook, molte persone provano un misto di tristezza e disgusto.

Che aveva visto il deserto e Petra durante un tour in Giordania. Nella didascalia della foto di accompagnamento, ha detto: “Non saprai mai cos’è Petra a meno che non visiti una persona… adora le meraviglie”, riferendosi ai preziosi resti del sito archeologico. Questa è ancora una volta la sensazione di ampio spazio e tempo del deserto. La dott.ssa Marina Vissani, responsabile dell’Anestesia e Terapia Intensiva dell’ospedale di Spoleto, afferma che la dott.ssa Menghini ha iniziato il suo tirocinio presso di noi a gennaio come residente del primo anno.

È stata immediatamente riconosciuta per la sua preparazione, sobrietà e devozione ai suoi pazienti. Aveva un forte desiderio di padroneggiare i metodi anestetici ed è stata rapidamente accettata nell’equipaggio della sala operatoria. Il suo bel sorriso è stato uno dei nostri ricordi più belli. Nella sessione finale in sala operatoria, “È una tragedia che non siamo stati insieme”.

Secondo l’anestesista Marco Trippetti, presidente del consiglio comunale di Spoleto e collega di lavoro, questi sono i suoi esatti commenti. Trippetti ha recentemente affermato: “Ho appreso di questa storia solo tramite Internet”. Il fatto che sia successo a una persona del suo calibro è scioccante. Lucia Menghini è morta a Foligno, in Italia, purtroppo. Un uomo di 31 anni è morto in un incidente d’auto in Giordania mentre era in vacanza. È straziante riferire questo.

Le amiche Marta e Cristina, entrambe mediche peruviane, sono rimaste gravemente ferite e si trovano attualmente in terapia intensiva nell’ospedale di Amman. In contatto costante con la Prefettura e le autorità consolari per acquisire informazioni sullo stato di salute dei due studenti e per prepararsi, quando possibile , il ritorno a casa, ha detto il Comune di Perugia. Perugia

Sulla scia della tragica scomparsa di Lucia Menghini in Giordania l’8 aprile scorso, il sindaco Stefano Zuccarini ha scritto: “Ho appreso con profondo rammarico la notizia della tragica morte della nostra giovane concittadina Lucia Menghini, morta nella tarda serata di venerdì 8 Aprile a seguito di un incidente stradale con due amici”. Vi prego di accettare le mie più sentite condoglianze a nome dell’Amministrazione Comunale di Foligno e dell’intera comunità.

È con grande tristezza che mi unisco ai miei colleghi della complessa struttura di anestesia e rianimazione dell’ospedale di Spoleto nel lutto per la scomparsa di Massimo De Fino, un giovane medico che ha servito la comunità con gentilezza e professionalità amata da tutti. “Siamo qui per aiutarti in ogni modo possibile,” noi diciamo.

Come professionista di Foligno, sono rimasto devastato nel sentire della prematura scomparsa di Lucia Menghini. L’incredulità e il silenzio sono le uniche risposte a questa giovane esistenza danneggiata. Desidero esprimere la mia solidarietà alla sua famiglia, agli amici e ai colleghi del complesso di Anestesia e Terapia Intensiva dell’ospedale di Spoleto, dove lavorava la giovane dottoressa, ea tutti coloro che l’hanno conosciuta e ammirata per la sua umanità e capacità professionali.

Anche Marina Vissani, Direttore della complessa struttura di Anestesia e Terapia Intensiva del “San Matteo degli Infermi” di Spoleto, è turbata dall’accaduto ed esprime le sue condoglianze e profonda angoscia. Una giovane donna estroversa che si dedica al suo lavoro e ha un forte senso di autostima e orgoglio per i suoi successi. Come primo anno post-laurea, la dott.ssa Menghini ha iniziato il suo tirocinio con noi a gennaio. È stata immediatamente riconosciuta per la sua preparazione, sobrietà e devozione ai suoi pazienti.

Incidente A Petra Giordania
Incidente A Petra Giordania

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!