Spargi l'amore
Gianni Agnelli Altezza
Gianni Agnelli Altezza

Gianni Agnelli Altezza – L’imprenditore e politico italiano Giovanni Agnelli, meglio conosciuto come Gianni, fu anche senatore a vita e ufficiale del Regio Esercito. Veniva anche chiamato “l’Avvocato” a causa della sua laurea in giurisprudenza, nonostante non avesse mai superato l’esame di avvocato necessario per guadagnarsi il soprannome. Per 35 anni è stato sindaco di Villar Perosa.

Era il secondo di sette figli nati dal ricco industriale Edoardo Agnelli e da sua moglie, l’ex Virginia Borbone, di Monte dei Principi di San Faustino. Nacque nella casa dei suoi genitori, Edoardo e Virginia Bourbon del Monte, in Corso Porto a Torino. Suo nonno, il senatore Giovanni Agnelli, fu uno dei fondatori della FIAT.

Quando Gianni aveva solo 14 anni, suo padre Edoardo morì in un disastro aereo. In onore del nonno, che in famiglia e tra gli amici era conosciuto come “il Senatore”, decise di adottare quel nome. Sposò nel 1953 al Castello Osthoffen di Strasburgo Marella Caracciolo, membro della famiglia principesca di Castagneto; la coppia ha avuto due figli, Edoardo e Margherita.

Per i legami della sua famiglia con i principi piemontesi, poté ricevere un’educazione privilegiata, secondo i rigidi canoni del formalismo aristocratico dell’epoca, che prevedevano che i figli delle famiglie più importanti fossero affidati alla cura di governanti straniere e di privati. tutor, anche se occasionalmente erano anticonformisti di fama intellettuale come Franco Antonicelli.

Compì gli studi liceali nel 1938 presso il Liceo Classico Massimo d’Azeglio di Torino. Nello stesso anno viaggiò in America e vide New York, Detroit e Los Angeles. Al suo ritorno in Italia, rafforzò la convinzione instillatagli dal nonno che la civiltà e la potenza americana fossero fuori dalla portata delle nazioni europee, essendo rimasto profondamente colpito dagli Stati Uniti, dove tutto sembrava segnato da dimensioni imponenti.

Nel 1940 frequentò la Scuola di Applicazione di Cavalleria di Pinerolo per completare l’addestramento da ufficiale di riserva. Si arruolò nel 1° Reggimento “Nice Cavalleria” con il grado di sottotenente e prestò servizio come addetto comando del CSIR sul fronte russo.

Dopo essersi trasferito in Italia alla fine dell’anno, si unì al reggimento di cavalleria Lodi nel gennaio 1942 e gli fu dato il comando di uno squadrone di autoblindo il 23 novembre 1942, poche settimane prima che Tripoli fosse conquistata dall’Ottava Armata britannica. Il 14 febbraio 1943 gli fu conferita la Croce di Guerra per il suo coraggio durante la campagna di Tunisia.

Tra gli anni novembre 1941 e novembre 1942 frequentò l’Università degli Studi di Torino per conseguire la laurea in giurisprudenza. Dopo l’8 settembre, lui e la sorella Susanna, accompagnati da un maresciallo dell’esercito tedesco a cui fu offerta una macchina nuova in cambio dei suoi servizi, tentarono di mettersi in salvo nella tenuta di famiglia in provincia di Arezzo.

Durante il viaggio, l’auto guidata dal sottufficiale rimase coinvolta in un catastrofico incidente e il giovane Agnelli fu portato all’ospedale del capoluogo toscano per essere curato per la frattura della gamba destra. Questo avvenne lo stesso giorno in cui le truppe alleate arrivarono in Italia. La madre rimase uccisa in un incidente stradale vicino a Pisa nel novembre del 1945.

Gianni Agnelli Altezza

Dopo una lunga degenza in ospedale, si trasferì a Roma e si arruolò nel Corpo Italiano di Liberazione, dove prestò servizio come ufficiale di collegamento tra le truppe alleate e la Resistenza italiana. Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, all’età di 25 anni, assunse la presidenza della RIV, l’azienda produttrice di cuscinetti a sfere cofondata nel 1906.

Dopo Pinerolo sulla statale per Sestriere, nello stesso anno viene eletto sindaco di Villar Perosa. Villar Perosa è la città che ospitò il primo stabilimento RIV e dove la famiglia trascorreva le estati. Agnelli rimase nel suo lavoro per 35 anni nonostante il livello di difficoltà relativamente basso del suo lavoro.

Il 23 febbraio 1946 firma l’accordo che ricostituisce il consiglio di amministrazione e reintegra Vittorio Valletta alla presidenza della società, dopo essere stato coinvolto nelle complesse trattative tra il CLN, le autorità alleate di occupazione, e il governo provvisorio italiano per normalizzare la gestione della FIAT. , di cui la famiglia Agnelli era ancora la principale azionista.

Quasi un anno dopo la scomparsa del nonno, alla fine dell’anno 1946, Vittorio Valletta, ormai padrone indiscusso dell’azienda, incontrò il giovane senatore che gli sarebbe succeduto per discutere del futuro dell’azienda. Il manager, 63 anni, ha posto un problema al nuovo proprietario dicendo: “Ci sono solo due possibilità: o tu fai il presidente della Fiat oppure lo faccio io”, al che il giovane Agnelli ha risposto: “Ma certamente lei, professore. “

Questo è il tipo di atteggiamento che ha procurato al “professore” la sua indipendenza gestionale, e ha dato al giovane l’opportunità di trascorrere la sua giovinezza come suo nonno avrebbe voluto: “Prenditi qualche anno di libertà”f libertà prima di immergersi nelle preoccupazioni dell’azienda.” Tuttavia, in seguito, Valletta si lamenterà ripetutamente del mancato coinvolgimento negli affari del principale azionista.

Intanto nel 1947 Gianni Agnelli diventa presidente della Juventus, la squadra di calcio italiana che il padre Edoardo aveva elevato al rango di “prima donna” del calcio italiano. Era un nomade costante, visitava luoghi esotici e gomito a gomito con la lista A internazionale tra cui attori, principi, magnati e politici.

Di tutte le sue collaborazioni amorose, solo quella con Pamela Digby può essere descritta come tutt’altro che turbolenta. La relazione finì nell’estate del 1952 quando Gianni rimase ucciso in un terribile incidente automobilistico mentre sfrecciava da Torino a Montecarlo. Ancora una volta, la sua gamba destra è stata gravemente danneggiata e rischiava l’amputazione quando lo hanno trascinato fuori dalle macerie.

Negli anni ’60, politici e uomini d’affari italiani tra cui Vittorio Valletta, Gaudenzio Bono, suo cugino Giovanni Nasi e Gianni Agnelli

Nel 1959 assunse la presidenza dell’impresa finanziaria pura conosciuta come Istituto Finanziario Industriale, che insieme all’altra cassaforte di famiglia IFIL, possedeva la Fiat. Nel 1963 fu promosso amministratore delegato della stessa Fiat insieme al cugino Giovanni Nasi e al collega “vallettiano” Gaudenzio Bono. Al momento, il “professore” era ancora presidente della casa automobilistica.

Gianni Agnelli Altezza
Gianni Agnelli Altezza

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!