Figlio Avvelena Genitori

Spargi l'amore
Figlio Avvelena Genitori
Figlio Avvelena Genitori

Figlio Avvelena Genitori – Un’infermiera iraniana esposta al nuovo coronavirus mentre si prendeva cura di un bambino di 5 anni intubato che indossava nient’altro che un pannolino di plastica ha supplicato le persone di smettere di consumare alcol industriale. Nell’anno 1219, 1.219 persone e i loro genitori pensavano di proteggere il figlio dal virus, quindi gli hanno somministrato una dose di metanololo. Sfortunatamente, ha ucciso il ragazzo.

È uno delle centinaia di vittime della peste che sta attualmente dilaniando l’Iran. Nonostante i divieti del Paese sul consumo di alcol e la dipendenza dai trafficanti, secondo quanto riferito dai media iraniani, oltre un migliaio di persone sono rimaste ferite dopo aver bevuto metanolo per sbaglio. Venerdì, un medico iraniano che lavora con il Ministero della Salute del Paese ha informato l’Associated Press che la situazione era peggiore di quanto inizialmente riportato, con 480 morti e 2.850 feriti. una quantità fatale di farmaci psichiatrici a suo figlio di 11 anni.

Ha ucciso il bambino, ha appiccato un incendio in casa e ha inventato una storia su dove era stato la notte prima. Venti giorni dopo il rapporto iniziale, la polizia ha individuato il corpo di 11 anni nella precedente residenza della famiglia. Sua madre probabilmente lo ha drogato a morte perché era stanca di prendersi cura di lui e voleva stare da sola. Rafael Mateus Winques, undici anni, è l’orgoglio e la gioia di sua madre; è un ragazzo con un desiderio illimitato di vivere, di affrontare le sfide dell’età adulta e di crescere e realizzare le sue aspirazioni, che includono giocare a calcio professionistico.

Il ritrovamento di suo figlio, allora 11enne, scomparso ha spinto a una massiccia ricerca nell’area circostante; tuttavia, 10 giorni dopo la denuncia, è stato rivelato che la madre del ragazzo aveva assunto involontariamente un’overdose di farmaci a casa e successivamente si era sbarazzata del suo corpo. Alexandra Dougokenski, la madre della vittima, alla fine ha confessato l’omicidio e si è pentita del suo esito inevitabile in Brasile, dove la storia ha inizio. La donna ha anche detto di aver trovato una porta d’ingresso chiusa a chiave, che in un primo momento ha fatto pensare alle autorità si trattasse di una casa di fuggiaschi, ma in seguito è stata rivalutata una volta che hanno trovato del sangue all’interno.

C’era sangue intorno alla casa della donna e all’automobile che condivideva con il suo amante maschio, secondo l’indagine successiva. Pochi giorni dopo è stato ritrovato un cadavere nella loro ex residenza. La notte in cui Rafael è scomparso, il suo corpo era apparentemente coperto da un lenzuolo e rimosso. Secondo quanto riferito, la donna arrestata avrebbe affermato che suo figlio si era suicidato facendo uso di potenti psicofarmaci e che aveva cercato di nascondere il suo corpo per la vergogna.

Figlio Avvelena Genitori

Una ragazzina, di 3 anni, è stata trovata insensibile nella sua casa di via Monteverdi, Carovigno. In seguito ha ceduto alle ferite riportate in ospedale (Brindisi). La madre, Francesca Sbano, 32 anni, ha tentato il suicidio saltando dal balcone del loro appartamento al secondo piano. Adesso è in coma. La madre è sospettata di aver aggredito sua figlia prima di tentare il suicidio, secondo gli investigatori. Secondo le prove disponibili, Francesca Sbano non era più sposata con il marito. C’erano solo mamma e bambino nell’appartamento.

È possibile che alcuni dei vicini abbiano lanciato l’allarme. La situazione ha richiesto l’immediata attenzione dei Carabinieri e della squadra del 118. È possibile che Benedetta, la ragazza in questione, sia stata vittima di abusi sui minori, ma le autorità stanno attualmente indagando sulla questione. Dopo che i carabinieri avrebbero perquisito il bidone della spazzatura, avrebbero trovato una fiaschetta di erbicida trapelata. Una madre potrebbe averlo usato nel tentativo di vendicare i suoi figli. Tracce della madre, che ha costretto il giovane a ingoiare il veleno, sono state scoperte vicino al corpo del bambino.

Nel frattempo, il corpo del bambino è stato sottoposto all’autopsia su richiesta del pm incaricato del caso. Entrambi i genitori sono agricoltori operosi, quindi sono entrambi robusti e sani. Francesca Sbano sembra non essersi mai pienamente riconciliata con il fatto che il coniuge abbia divorziato da lei. Il tragico evento è stato scoperto lunedì mattina nel quartiere Melito di Napoli. Anna E. e suo figlio, che ha due anni e mezzo, sono stati trovati dal padre nel loro appartamento di Kennedy Street. I fratelli, preoccupati per la sua assenza da tempo, avevano probabilmente convinto il custode a farli entrare per fare la scoperta.

Hanno chiamato subito il 118 e la polizia, ma era troppo tardi; i due erano già morti. In questo momento, gli scienziati stanno aiutando ad alleviare la tensione. I rapporti tossicologici suggeriscono che la madre abbia avvelenato il suo bambino prima di uccidere gli altri due figli. Potrebbe essere stata disattenta perché lei e suo marito hanno recentemente divorziato. Di recente una madre a Palermo ha tentato di avvelenare i suoi figli dopo una lite con il marito. Dopo si sarebbe gonfiata la parte superiore, ma è stato intercettato in tio.

Sulla via Littara alla Noce si è svolto il raduno. Un bambino di 8 mesi è stato l’unico dei due bambini a mangiare parte della zuppa che la mamma aveva preparato con i baccelli di semi di oleandro, che portanoun veleno letale. Una volta che la nonna si è resa conto che sua nipote era nei guai, ha prontamente chiamato l’assistenza. I due bambini sono stati trasferiti all’Ospedale dei Bambini, mentre la donna è stata portata al Civico. Il figlio minore è stato ritrovato al pronto soccorso. Sebbene le sue condizioni inizialmente causassero ansia, i medici lo hanno convinto che la sua salute ora è al sicuro. Dopo la sua condotta dichiarata, la polizia ha arrestato la donna di 35 anni e l’ha accusata di tentato omicidio.

Figlio Avvelena Genitori
Figlio Avvelena Genitori

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!