Ettore Bambino Morto

Spargi l'amore
Ettore Bambino Morto
Ettore Bambino Morto

Ettore Bambino Morto – Per far visita a Ettore e dargli forza, un giovane savonese di nome Matteo Villardita ha indossato la tuta blu e rossa che gli era stata regalata per le sue azioni di sostegno ai giovani ricoverati negli ospedali di tutta Italia. Lo chiamavano il nonno del bambino e l’Abe, abbreviazione di Hemoopathic Child Association, un’organizzazione che ha lavorato a beneficio dei bambini, delle famiglie e del Dipartimento degli ospedali civili per oltre quattro decenni.

Un incontro che ha portato in Ettore un travolgente senso di felicità. Intermezzi gioiosi tra ricovero intensivo e terapia. Ma il bambino alla fine ha ceduto alla crudele aggressività della malattia, lasciando mamma e papà in quel vortice di dolore e domande mentre cercavano una spiegazione per la loro inimmaginabile angoscia. L’oncoematologia pediatrica di Brescia è un polo trapianti nazionale e internazionale, con un’incidenza annuale di 50 casi di leucemia, linfoma e altri tumori maligni.

Dal 1990, anno in cui ha eseguito il primo trapianto di Car T su un bambino, l’ospedale gestito da Fulvio Porta è diventato il punto di riferimento in Italia per queste procedure, avendone eseguite finora oltre 700. Grazie al trapianto, il tasso di sopravvivenza a 5 anni è salito al 91%. Ragazzi malati di cancro, in particolare leucemia e linfoma, richiamano l’attenzione su Brescia da 11 nazioni diverse grazie in gran parte alle convenzioni mondiali che portano qui questi bambini per cure all’avanguardia.

Lo strumento principale per sconfiggere i disordini crudeli è lo studio scientifico, che ha consentito di salvare sempre più vite con il passare del tempo. I risultati dello studio hanno innescato una “rivoluzione” farmacologica che alla fine ha portato alla riuscita integrazione dei farmaci biologici nelle modalità standard di trattamento del cancro. Nel reparto pediatrico di Brescia sono in corso diversi studi scientifici con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei più piccoli,

scoprire terapie sempre più personalizzate e curare il 100% dei bambini affinché possano tornare alla vita normale con le loro famiglie , amici e giochi spensierati. Il piccolo Ettore Pandolfi di Rovato ricoverato presso il reparto di oncoematologia pediatrica dell’Ospedale Civile di Brescia, ha combattuto valorosamente contro la malattia con l’aiuto del suo supereroe preferito, Spiderman. Mattia Villardita, il savonese che sarà nominato cavaliere nel 2020 dal presidente Sergio Mattarella per il servizio disinteressato di Spider-Man, lo ha fatto visita la scorsa estate in ospedale.

Ettore Bambino Morto

Nonno Manuel Pandolfi aveva sperato in questa riunione per regalare a suo nipote un momento di pura gioia durante la lunga battaglia del nipote contro il cancro, quindi aveva organizzato per questo. Villardita aveva precedentemente detto sui social media: “Mi ha detto: ‘Mio nipote deve incontrare Spiderman.’ Ettore è un piccolo guerriero che, insieme alla sua famiglia, sta attraversando uno di quei periodi della vita che portano a riflettere sulle cose che contano davvero.

Di conseguenza, Ettore ha potuto incontrare e abbracciare il suo eroe grazie agli sforzi dell’Emopatico Associazione Bambini di Brescia. Dopo l’esclamazione di gioia di Ettore, Mattia Villardita ha scritto: “In quel momento il tempo si ferma, non c’è prezzo, non so nemmeno che giorno sia o che ora sia”. L’Uomo Ragno di Savona disse: “Perché permettendomi di entrare nella loro vita in punta di piedi per un minuto, facendomi dare un po’ di leggerezza al piccolo Ettore, al quale voglio il meglio che questa vita può dare. ad Andrea Pandolfi e Stefania Belleri, i genitori del bambino.

Il 12 ottobre Villardita ha condiviso sui social una nuova foto di se stessa ed Ettore e la madre di Ettore ha semplicemente commentato: “Ti auguro un mondo di bene”. Di conseguenza, a Rovato ea Palazzolo sull’Oglio, paese natale di suo padre Andrea, sono tutti furiosi. “Questa è la più grande catastrofe che qualcuno possa mai affrontare. ‘Non credo che in questo momento ci possano essere parole di conforto’, dice il sindaco di Rovato, Tiziano Belotti, mentre tutti si radunano attorno ai genitori e al fratello minore di Ettore.

Inutile aggiungere qualunque altra cosa “. La veglia funebre si svolgerà presso la chiesa parrocchiale di Lodetto venerdì 28 ottobre, alle ore 16.00. Ettore Pandolfi, Jr., un bambino, non è sopravvissuto. Il bambino, che aveva appena quattro anni quando è scomparso nel reparto di Oncoematologia degli Spedali Civili di Brescia, non è riuscito a sfuggire all’orrenda malattia contro cui stava combattendo. Presto hanno appreso la notizia i cittadini di Rovato, dove risiedono i genitori, e di Palazzolo sull’Oglio, paese natale del padre.

Si ricordano con affetto anche le azioni eroiche compiute dal nonno di Ettore, Manuel, durante le peggiori ore di malattia del nipote. Aveva fatto in modo che il supereroe preferito di Ettore, SpiderMan, andasse a trovarlo in ospedale. Un approccio che ha scoperto essere apprezzato non solo dai giovani pazienti ma anche dai genitori che hanno potuto vedere sorridere i propri figli nonostante la gravità della situazione.

La Hemoopathic Child Association, che ha sostenuto i bambini affetti da leucemia, tumori, immunodeficienze e malattie ematologiche croniche isorders ammesso da decenni al Servizio Civile di Brescia, è stato determinante nell’organizzazione dell’incontro. Possiamo avere un aggiornamento sulle quattro persone ferite nell’attacco di Assago? Mattia Villardita, un giovane savonese, si traveste da Spider-Man per portare gioia ai bambini malati dell’ospedale locale. Dopo aver visto la famiglia a Brescia lo scorso giugno, Villardita ha detto:

“Grazie alla famiglia per avermi permesso di entrare nella loro vita in punta di piedi per un minuto, dandomi un po’ di luminosità”. Le maglie dei supereroi sono state assegnate ai giovani pazienti in riconoscimento della loro resilienza, determinazione e forza d’animo mostrate durante le loro lunghe degenze ospedaliere. Villardita aveva precedentemente scritto: “Un piccolo combattente che, insieme alla sua famiglia, sta attraversando uno di quei periodi della vita che ci obbligano a riflettere sulle cose che contano davvero”. in riferimento a Ettore.

Ettore Bambino Morto
Ettore Bambino Morto

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!