Spargi l'amore
Elena Del Pozzo Madre
Elena Del Pozzo Madre

Elena Del Pozzo Madre – Dopo aver ucciso Elena Del Pozzo, che senso ha inscenare il suo rapimento? Naturalmente, intendeva uccidere suo figlio. A casa, i bambini si sentono più al sicuro di qualsiasi luogo possano visitare. O il più pericoloso. Secondo i media, questo è evidente. A causa di questa conoscenza innaturale, l’opinione pubblica ha dovuto lottare negli ultimi vent’anni.

Le donne che avrebbero dovuto essere le loro caregiver e mentori primarie. In parte, questo è il motivo per cui storie come quella della madre di Elena Del Pozzo, Martina Patti, non vengono mai messe in discussione agli occhi del pubblico a prima vista. Purtroppo,

questo è perché la società ha una forte convinzione che le donne siano intrinsecamente predisposte all’amore, oltre che all’annientamento di la propria identità, verso i bambini che hanno partorito.

Come lavoratore sulla scena del crimine per molti anni, non sono stato contagiato da questa idea. Gli investigatori non stanno meglio. Gli investigatori che in precedenza avevano escluso la criminalità organizzata e il rapimento a scopo di riscatto hanno rivolto la loro

attenzione alla casa della madre di Elena, dove la sua vita era stata sacrificata in cambio della sua. Tutto era straordinariamente prevedibile: nessuna convalida indipendente della narrativa del rapimento, nessun testimone oculare a sostegno.

Elena Del Pozzo Madre

Nessuno che avesse assistito a un commando incappucciato aggirarsi per le strade nell’ora di punta in pieno giorno. Inoltre, quando i bambini raggiungono l’età del completamento dell’istruzione formale, è passato inosservato poiché il comando di cercarlo non esisteva.

In caso contrario, dovremmo almeno considerarlo. La motivazione di una madre per inscenare il rapimento della figlia non è chiara. La soluzione è semplice dal punto di vista criminologico. Tuttavia, questo non ha senso se visto da una prospettiva logica.

Tuttavia, questo può essere fatto solo umanamente. Anche dopo aver commesso un filicidio, tutte le madri mortali subiscono una sequenza di inganni per nascondere la loro vera identità. A tal fine, abbelliscono ed esagerano la narrazione. Rendendo la storia più credibile dal loro punto di vista. Eppure, in quasi tutte le ipotesi, quel racconto contraddice o presenta cir

costanze più in linea con la pagina drammatica della cronaca criminale che con quella tragica. Quindi, un’ovvia indicazione fuorviante per la psicolinguistica forense è una narrazione che è allo stesso tempo estremamente descrittiva in alcuni casi ed eccessivamente inadeguata in altri. Mi permetta di elaborare.

Sulla base di questi fattori, il rapimento non era né credibile né possibile. Non solo in termini di cronologia e modalità di accadimento degli eventi, ma anche in termini di contenuto scientifico della testimonianza. C’era un commando incappucciato che secondo la madre di Elena avrebbe rapito sua figlia e l’avrebbe portata via nel retro di un’auto. Non è solo il numero di modell

o o targa che non ha potuto condividere; non sa nemmeno dire di che colore è. È ovvio per chiunque segua regolarmente casi di omicidio che la testimonianza è fondamentale per determinare la colpa o l’innocenza. Errori nel segnalarlo agli stessi bugiardi. Torniamo a Martina Patti, vero? La donna aveva ricordi vividi degli eventi che circondavano il rapimento, che ha raccontato in modo molto dettagliato. Ragazzi incappucciati, leadership armata.

Tuttavia, non è riuscito a ricordare il colore dell’auto, che avrebbe dovuto ricordare con una certa sicurezza. Le emozioni e lo stress nel momento in cui si verifica un evento possono certamente compromettere la capacità di descrivere accuratamente ciò che è accaduto in un modo che può essere considerato un dato di fatto. Un’altra conclusione inattaccabile deriva d

a questo assioma: o la memoria conserva ogni dettaglio o svanisce del tutto. Alla voce non potrai selezionare nessun dettaglio. È un dato di fatto che la madre abbia una memoria acuta. In questo senso, il ricordo non è solo una fotografia mentre siamo in un ambiente familiare. Finché non comporta il rapimento di un bambino

È impossibile individuare un singolo fattore per la decisione di una madre di uccidere suo figlio. A causa dell’incomprensibilità del gesto, il pubblico è costantemente alla ricerca di prove della presunta follia della madre insanguinata. Ci sono momenti in cui non è pazzesco. Poich

é vogliamo soffocare il senso di paura e perdizione che provano le donne, miriamo a distruggere qualcosa di malato nel genitore mortale. In effetti, credere che esistano situazioni psichiatriche di fronte a gesti di questo tipo supporta l’assunto che, in assenza di malattie, non può accadere nulla di simile. Ecco perché è stata uccisa da lui. Vittima della sua stessa incompetenza”, ha detto .

La mia sanità mentale non mi avrebbe mai permesso di fare una cosa del genere. Purtroppo non è così, come speravo. Non è sempre così. Allora, cosa c’è nelle madri che le fa desiderare di uccidere i propri figli? Quasi spesso, ci sono altri fattori in gioco. Quando si tratta di mamme che uccidono i loro figli per rappresaglia, però, è più comune. Perdonare un partner o un ex partne

r per un illecito percepito o effettivo. Le dichiarazioni della zia paterna di Elena possono indicare l’ultima di queste due possibilità. Il che significa che il padre del bambino decedutosarebbe stato l’obiettivo della legge sulle nuora per incastrare suo fratello.

È comune che si rivolgano ad armi contundenti o appuntite. In effetti, annegamento, defenestrazione e soffocamento sono tutti piuttosto rari. Martina Patti ha confessato di aver ucciso la figlia Elena, ma non è sempre così in casi come questo. Alcune mamme mentirebbero per il resto della loro vita per mantenere il loro legame con le persone rimaste nella loro famiglia. Alla mani

era di Anna Maria Franzoni, per esempio. Elena Del Pozzo interpreta Samuele, Loris e Gioele nel film. Nelle mani di coloro che l’hanno messa al mondo, è stata uccisa. Sono: Anna Maria Franzoni, Veronica Panarello, Viviana Parisi e quella che abbiamo adesso, Martina Patti. Le peggiori atrocità sono state perpetrate dalle donne prima che diventassero madri.

Elena Del Pozzo Madre
Elena Del Pozzo Madre

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!