Daria Bignardi Tumore

Spargi l'amore
Daria Bignardi Tumore
Daria Bignardi Tumore

Daria Bignardi Tumore – È stato solo dopo l’ultima stagione di Barbarian Invasion che ho scoperto di avere un tumore. Daria Bignardi ha deciso di raccontare la sua esperienza con il cancro al seno in un’intervista a Vanity Fair. Dopo aver perso i capelli, ha detto di aver subito la chemioterapia e di aver usato una parrucca per proteggersi. Solo pochi dei suoi amici e familiari erano a conoscenza della sua malattia a questo punto. Una settimana dopo l’ultima cura contro il cancro, sei mesi dopo, ho ricevuto un’offerta da Campo Dall’Orto per dirigere Rai Tre. Gli ho spiegato tutto. Disse semplicemente: “Sei guarito?” Sì, ho risposto. Disse: “Ti aspetterò a Roma” e me ne andai. Anche se la chemioterapia è dolorosa, la conduttrice, che compirà 57 anni il 14 febbraio, dice che lo fa perché deve. Non è divertente farsi curare o sottoporsi ad un intervento chirurgico”.

È comprensibile che le persone malate vedano la loro condizione come la cosa più importante della loro vita, ma parlare pubblicamente della malattia in generale, o peggio ancora della mia, non mi interessa – spiega Daria Bignardi -. Ciò è dovuto a una serie di ragioni, tra cui il desiderio di mantenere la propria privacy, il desiderio di evitare di attirare l’attenzione su se stessi e il desiderio di abbandonare l’esperienza una volta che ci si è ripresi. Mi sono recentemente ripreso da una malattia grave ma fin troppo comune. Tutto il mio amore va ai milioni di donne che sono malate”.

Durante la conferenza stampa a Roma il giorno dell’appuntamento, ha ricordato di aver indossato una parrucca: “Avevo i capelli grigi corti in quel momento, e per questo fui criticato”. L’ho indossata per alcuni mesi perché era adorabile e aveva i capelli che si intonavano ai miei, il che la rendeva ancora più attraente. Non sopportavo i continui viaggi tra Milano e Roma per mantenere questa parrucca, quindi ho deciso di rinunciare… Un giorno particolare, ho deciso di togliermela per la notte e la mattina dopo mi sono svegliata con la testa pieno di capelli grigi. Solo i miei vicedirettori, con i quali avevamo stretto una stretta amicizia, hanno ricevuto da me una spiegazione. “

“In alcuni casi, ti assicuro, mi sono sentita malissimo per loro”, ha detto delle persone che la prendevano in giro, definendola “il suo orrore”. La mia più grande paura era che se avessero saputo del cancro, si sarebbero ammalati. Sono una madre. Di conseguenza, il culo soffre. Tutti meritano una madre, conclude.

Questa è la prima e, si spera, l’ultima volta che la giornalista discuterà apertamente della sua malattia. “Ho scritto su di esso”, dice. Il sesto libro di Daria Bignardi, “History of My Anxiety”, è l’argomento di questa intervista, e lo descrive come “il mio lavoro più importante”. Le connessioni tra la narrativa di Daria e quelle dell’eroina, Lea, sono numerose. Dipende tutto da Lea in questa storia. Una preoccupazione atavica stava divorando questa donna innamorata e, secondo il giornalista, doveva succederle qualcosa di drastico. All’inizio sospettavo un incidente, ma poi mi sono ammalato mentre scrivevo- condivide Daria.

Come ho detto nella copertina del libro: “Nessuno è più felice di uno scrittore ansioso, depresso o di uno scrittore quando gli succede qualcosa di grosso”. Non importa quanto possa essere difficile o sconvolgente qualcosa, uno scrittore lo accoglierà a braccia aperte dal momento che tutto ciò con cui ha a che fare nella vita serve come materia prima per un romanzo. Una parte naturale della composizione di un romanzo per me era attingere alle mie esperienze. Le è stato diagnosticato un cancro al seno. In occasione del suo ritorno in televisione con Ne parla per la prima volta L’Assedio, giornalista e conduttore televisivo.

Daria Bignardi è giornalista, autrice e conduttrice televisiva. Ora ha 60 anni, ma è tornata di recente per ospitare il programma televisivo Nove “The Siege”. Ritorna sul piccolo schermo dopo alcuni anni di assenza a causa di una terribile malattia. Luca Sofri, redattore giornalistico del Post, e sua moglie, la giornalista Daria Bignardi, si sono separati quando Daria si è ammalata. Dalla coppia nacque anche Emilia, la seconda figlia di Bignardi dal precedente matrimonio con Nicola Manzoni.

Il suo lavoro più noto in televisione è il chat show “Le invasioni barbariche”, che ha creato e condotto per oltre un decennio, dal 2005 al 2015, su La7. “The Siege” è, in un certo senso, una rivisitazione di quello spettacolo.

Daria Bignardi Tumore

Qualche mese fa stava lavorando alla produzione de “L’Intrusa – L’ora di Daria” a Radio Capital, facendo rivivere un’esperienza che aveva avuto per anni a Radio Deejay, dove ha condotto “La mezz’ora di Daria”. Ora che sta per tornare in televisione, spiega cosa è successo negli ultimi anni. Sia per modestia sia perché è sempre stata una donna reticente, non ne aveva mai parlato. Daria Bignardi ha dovuto combattere il cancro al seno, che ormai è un ricordo del passato, in questi anni mentre era lontana dagli occhi del pubblico.

Una normale mammografia mi ha portato a trovarlo per caso. Ogni anno, a milioni di donne viene diagnosticato un cancro al seno, il che lo rende una malattia mortale. In passato, Bignardi era terrorizzata dal fatto che mostrasse i suoi corti capelli grigi, che stanno lentamente germogliando dopo la chemioterapia.

Ne consegue che ha affermato di “di Non voglio promuovere la malattia”. Un po’ per evitare di attirare attenzioni o preoccupazioni indesiderate da parte del pubblico in generale, afferma, “ma più per modestia. Io a” E a coloro che ancora ne soffrono, dico: “Io ti ammiro.” “Oggi sono blu” è l’ultimo libro della giornalista, e ora è pronta per tornare in televisione dopo aver rilasciato i suoi sentimenti nel libro.

Daria Bignardi Tumore
Daria Bignardi Tumore

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!