Coco Chanel Vita

Spargi l'amore
Coco Chanel Vita
Coco Chanel Vita

Coco Chanel Vita – Nell’anno di nostro Signore 1883 nella città di Saumur. Gabrielle Bonheur Chanel, in seguito conosciuta come Coco Chanel, è nata da Jeanne DeVolle il 19 agosto in un ospizio. Sua madre morì quando era giovane, suo padre Henri-Albert Chasnel, un venditore ambulante, abbandonò la famiglia e trascorse buona parte della sua giovinezza presso le Suore del Sacro Cuore ad Aubazine. Gabrielle inizia a diventare Chanel in questo ambiente austero,

circondata da donne che vestono solo in bianco e nero e dalla severa architettura dell’abbazia. Il contrasto tra i due colori e la severità delle linee diventeranno la cifra stilistica di Chanel. Quando Gabrielle compirà 18 anni, non sarà più obbligata a vivere con la sua famiglia Aubazine. Lavora come commessa alla Maison Grampayre a Moulins, ma si esibisce anche come cantante in un caffè,

dove presumibilmente si guadagna il soprannome di “Coco”. dopo aver cantato la canzone “Qui qu’a vu Coco?” In un caffè di Moulins incontra Étienne de Balsan, figlio di imprenditori tessili, il primo di molti incontri significativi che hanno segnato la sua vita. Le offre un lavoro e una casa nel suo castello vicino a Royallieu. Un legame che dura da sei anni,

e che si è rivelato ben più di una semplice fortuna per lo stilista: Étienne è molto più di un semplice fidanzato; è anche la sua prima fonte di stabilità finanziaria. Coco ha talento nell’arte del design dei cappelli e non ci vuole molto prima che le donne attratte dalla compagnia di Balsan si innamorino di lui. Dopo il successo dei suoi modelli a Parigi nel 1908,

si trasferì nella località balneare di Deauville, dove aprì un negozio nel 1914, e infine nella città costiera di Biarritz, dove aprì un salone di haute couture l’anno successivo. Il corsetto e la crinolina, che le donne indossavano come una prigione per raggiungere un equilibrio estetico tanto promosso commercialmente quanto malsano, erano comunque parte integrante della moda del giorno.

Chanel, da sempre ribelle, rivoluzionaria, ha abbracciato la nuova moda salutare di inizio secolo proponendo modelli sportivi dalle linee pulite e morbide. Nel 1916, un magnate tessile francese di nome Rodier le concede una fornitura esclusiva di jersey,

che si rivelerà poi il miglior interprete dei modelli di Chanel grazie alla sua morbidezza tattile e alla capacità di liberare il corpo di una donna. Di conseguenza, il trittico di gonna, pullover e cardigan è diventato il primo modello riconoscibile della moda Chanel, tipicamente reso in toni neutri come il grigio, il beige e il blu scuro,

oltre alla combinazione di bianco e nero che era evidentemente amata dalla sua estetica. . Tuttavia, la sua santificazione avvenne nel 1920, quando aprì il suo negozio sulla 31a strada di Parigi (Rue de Cambon). Il successo è arrivato e da qui in poi le cose non potranno che essere più facili, anche se Coco Chanel non è il tipo da adagiarsi sugli allori o accontentarsi dei suoi successi.

Coco Chanel, il cui nome di battesimo era Gabrielle Bonheur, era una stilista e imprenditrice francese di successo. A Chanel, la casa di moda da lei fondata e da cui prende il nome, viene spesso attribuito il merito di aver elevato uno chic casual e atletico allo status di norma per le donne nei decenni successivi alla prima guerra mondiale.

Il profumo Chanel N.5 che crea per se stessa diventa un classico istantaneo ed è ampiamente considerato come uno dei migliori profumi mai creati fino ad oggi. Successivamente, la designer ha dato vita a N.22, Gardenia e N.19, tutti profumi che prendono il nome da fiori per lei significativi.

Coco Chanel Vita

È sempre all’erta e ha notato che commesse e commesse parigine indossano abiti neri con colletti e polsini bianchi. Ed è a metà degli anni ’20 che questa analisi si trasforma nel petit robe noir, il minuscolo abito nero dalle linee più semplici immaginabili capace di rendere ogni donna uguale alle altre, seppur con uno stile formidabile.

Il suo è uno stile democratico che rimane fedele al suo mantra “la moda passa, lo stile resiste” proponendo gli stessi modelli con leggere variazioni nei tessuti e nei dettagli. L’abito Chanel, amato dalle donne di tutto il mondo, è un brillante esempio di questa visione sul lavoro; che sia in gabardine, tweed o jersey, è sempre un capolavoro di sartorialità e costruzione,

con la stessa meticolosa cura di ogni dettaglio. Ora che il suo concetto estetico sta prendendo forma, può iniziare a pensare agli ultimi ritocchi. Per questo Coco Chanel si avvale dell’aiuto del conte Etienne de Beaumont e del duca Fulco di Verdura per fondare un atelier dedicato al design di bigiotteria, in cui materiali sintetici si fondono con pietre preziose autentiche.

Creazioni ricche, quasi stravaganti, perché per quanto Coco adorasse il minimalismo scarno dell’abito, voleva anche accessoriarlo con fantasia. In effetti, gli anni ’30 sono l’era di origine della Chanel 2.55, la borsa che è stata imitata più spesso sin dal suo inizio. Coco, tuttavia, lo prese con calma,

ragionando sul fatto che essere plagiato è la più alta forma di adulazione perché si verifica esclusivamente nel mondo degli adulti. Dopo l’inizio della seconda guerra mondiale, Chanel dovette lasciare temporaneamente l’industria della moda. A causa del fatto che è tornata nel ’54 e ha continuato a vincere. A 71 anni, Gabrielle è stata condannata dai suoi detrattori,

che attendono con gioia la sua inevitabile caduta. Ma come abbiamo stabilito, questonon è una donna che si accontenta di riposare sugli allori; con la sua ultima collezione N.5, svela il tailleur in maglia, un punto fermo nel guardaroba di ogni donna, che sia un nome familiare o un completo sconosciuto.

L’alta moda si è invischiata in uno degli eventi più drammatici del Novecento quando Jackie Kennedy, nel giorno dell’assassinio del marito JFK, indossò un tailleur Chanel con un vivace punto di maglieria rosa. Gabrielle “Coco” Chanel è morta all’età di 87 anni nel suo appartamento all’Hôtel Ritz di Parigi il 10 gennaio 1971.

Una vita al massimo che ha cambiato per sempre il corso della moda e il modo in cui le donne erano viste in tutto il mondo. Dopo la sua assenza, gli aiutanti di Madame Chanel Gaston Berthelot e Ramon Esparza continuarono a dirigere l’azienda fino a quando nel 1983 passò a Karl Lagerfeld,

Coco Chanel Vita
Coco Chanel Vita

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!