Cobolli Altezza

Spargi l'amore
Cobolli Altezza
Cobolli Altezza

Cobolli Altezza – Il tennista professionista Stefano Cobolli ha una corporatura atletica, un patrimonio di abilità naturali e abilità raffinate. Forse ci si aspettava di più da lui, ma nel novembre 2003 ha raggiunto il record di 236 ATP in carriera, poco dopo essere diventato padre di Flavio, che proprio ora si sta facendo strada nella divisione ITF under 18 dopo aver ottenuto un grande successo nelle divisioni under 10, under 12 e under 16.

Dopo la fine della sua carriera da tennista professionista, Stefano ha continuato a lavorare nel settore, ed è attualmente un istruttore molto apprezzato per i giovani tennisti presso la Società Canottieri dell’Aniene. Si parla del futuro del figlio Flavio, ma anche della dinamicità del tennis. Stefano, mentre molti tennisti in pensione ora lavorano con i loro figli, sembra che tu sia andato in una direzione diversa; Spiega per favore.

Credo che Flavio abbia preso la decisione perfetta quando ha deciso di allenarsi al Tennis Club Parioli insieme a Vittorio Magnelli, Roberto Meneschincheri e il resto della loro squadra negli ultimi sette anni. Ci deve essere spazio tra l’istruttore e il tennista, cosa difficile da fare per i genitori con i propri figli. Non sarebbe stato semplice per noi trovarci in posizioni diverse da quelle che abbiamo all’interno della famiglia perché ognuno di noi ha una personalità molto forte.

Non posso dire con certezza che le cose non cambieranno in futuro, e se Flavio vuole davvero che faccia parte della squadra che lo segue, allora non vedo perché non dovrebbe accadere nelle circostanze appropriate . Dato che faccio da tutor ad Alice Amendola, che quest’anno ha gareggiato nelle stesse competizioni di Flavio, ho finito per essere presente a tre partite di Flavio senza guardarne direttamente nessuna. L’ho fatto, e sono sollevato nel riferire che non c’era alcuna tensione evidente tra di noi.

Fino a poco tempo non pensavo fosse fattibile, ma ora che sta invecchiando e forse lo sono anche io, chissà se un giorno non finirò accanto a lui sui campi da tennis. Ma per ora è molto contento di Magnelli e questa è l’opzione migliore per il suo sviluppo. D’altra parte, ci sono diversi esempi, soprattutto tra le donne, di carriere tennistiche di successo iniziate con la formazione dei genitori. Lo sconsigliate nella maggior parte dei casi o pensate che ogni caso debba essere esaminato separatamente?

Di solito c’è ancora meno tensione tra un padre e una figlia rispetto a quella tra un padre e un figlio perché le ragazze crescono in tenera età. Poi, è ovvio che si basa sulla natura delle persone; tuttavia, mi sento in dovere di suggerire di non cercare di guidare le decisioni del ragazzo. È preferibile cambiare e lasciare tranquillo il ragazzo se non lavora subito con il genitore o con il parente, anche se è un buon allenatore, in modo che possa crescere con altri al di fuori della famiglia. Secondo me i genitori dovrebbero accompagnare i propri figli agli allenamenti e ai tornei, ma altrimenti dovrebbero tenersi fuori dalle decisioni tecniche dei loro allenatori.

Cobolli Altezza

Dopo aver blaterato per un po’ tra calcio e tennis, Flavio ha finalmente optato per quest’ultimo. La sua scelta è quella che avresti fatto o vorresti che fosse andato in una direzione diversa?Flavio “era generalmente considerato una futura stella del club dopo aver recitato nelle giovanili della Roma”. Anche se la prospettiva che mio figlio diventasse un professionista a Roma mi ha elettrizzato come tifoso di calcio per tutta la vita inizialmente ho deriso la sua decisione di dedicarsi invece al tennis. In termini di trasmissione di valori sociali, culturali e umani positivi, preferisco il tennis al calcio.

Nessuno saprà mai, dal punto di vista tecnico, se sarebbe diventato un giocatore più forte del tennista che diventerà. Tuttavia, la decisione è stata solo sua e non ho cercato di guidarlo in una direzione particolare. Per una serie di ragioni, non sono assolutamente d’accordo con la pratica di consentire a ragazzi estremamente giovani di partecipare a un gran numero di tornei. Una delle prime cose che devono essere fatte è assicurarsi che mantengano un registro costante delle presenze a scuola. Non c’è alcuna giustificazione per negare ai nostri figli i benefici di un’educazione e di un’esposizione culturale.

Ovviamente c’è uno sforzo per bilanciare il lavoro scolastico e la competizione, ma se giochi più di 100 partite all’anno, non sarai in grado di fare bene neanche tu. Il ragazzo deve anche svilupparsi costantemente e continuamente. C’è un vero pericolo di smorzare l’entusiasmo dei ragazzi se lui è sempre in giro; potrebbero iniziare ad assistere alle sfide del trasloco, a dover fare i conti con ritardi, scioperi e incomprensioni di ogni tipo, e temo che di conseguenza possano perdere il loro amore per il nostro sport.

Fino all’età di 14 anni credo sia opportuno partecipare solo a un piccolo numero di tornei locali; dopodiché, puoi aumentare gradualmente la portata della tua attività per includere alcune competizioni internazionali; tuttavia, non dovresti mai esagerare e dedicare la maggior parte del tuo tempo alla formazione e all’istruzione almeno fino all’età di 17 anni proprio lun test. Flavio frequenta ogni giorno un liceo pubblico specializzato in atletica leggera e salta le lezioni solo per i tornei. Tuttavia, a causa del modo in cui è organizzata la scuola, gli studenti che perdono la lezione possono recuperare il materiale.

Cobolli Altezza
Cobolli Altezza

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!