Carla Rumor Figlia Di Mariano

Spargi l'amore
Carla Rumor Figlia Di Mariano
Carla Rumor Figlia Di Mariano

Carla Rumor Figlia Di Mariano – Il 16 giugno 1915 nasce a Vicenza da Giuseppe e Tina Nardi. Sua madre proveniva da una famiglia progressista vicentina, ma suo nonno cattolico Giacomo fu una figura centrale nell’espansione delle iniziative sociali di Papa Leone XIII in città. Possedeva una tipografia e promuoveva il quotidiano cattolico locale, L’operaio cattolico.

L’educazione di Rumor risentì profondamente della densità religiosa e culturale della città, ponendolo su un percorso diverso rispetto agli altri giovani della sua generazione che si andavano, contemporaneamente, formando nelle file dell’Azione Cattolica, di cui era anche un fervente cultore membro, nutrendosi subito di ulteriore consapevolezza, facendo militare la sua famiglia nel Partito popolare e rimanendo fermamente antifascista.

Frequentò il ginnasio Antonio Pigafetta di Vicenza sotto la benevolenza di papa Leone XIII prima di iniziare nello stesso anno gli studi presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Padova. Sebbene suo padre fosse un avvocato, scelse di studiare letteratura italiana invece di legge a causa dei legami familiari con Antonio Fogazzaro e, probabilmente, dell’influenza di Pietro Nardi, fratello di sua madre e studioso di letteratura italiana.

Manara Valgimigli, Concetto Marchesi, Diego Valeri e Roberto Cessi sono solo alcuni dei docenti di spicco della facoltà padovana dell’epoca. A difesa del realismo borghese del drammaturgo canavesano, contro i vari giudizi espressi da Benedetto Croce in uno dei suoi saggi sulla Letteratura della nuova Italia, diceria si laureò con il massimo dei voti e la dignità della stampa, essendo detentore della letteratura italiana Natale Busetto, con una tesi su Giuseppe Giacosa.

Inoltre, quest’ultimo ha osservato che mentre il lavoro di Rumor aveva “buone intenzioni”, era “per niente ottuso nel comprendere i problemi della bellezza e dell’arte, e dell’idealità e della moralità intrinseche all’arte”.Nonostante l’interdizione medica, si arruolò volontario nel 1941 e prestò servizio come sottotenente di artiglieria a Mantova, Sabaudia, L’Aquila e Cecina prima di essere arrestato l’8 settembre 1943.

Appena arrivato a Vicenza, si unì alla Resistenza e iniziò a mostrare la sua abilità organizzativa. Entra a far parte del Comitato democristiano e successivamente dirige il quotidiano clandestino Il Momento. L’eredità che ha ereditato, i legami che ha stretto durante la guerra, l’opera che ha subito avviato con la creazione delle Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani, e la sua elezione al Consiglio Comunale di Vicenza, hanno contribuito a proiettarlo alla ribalta della politica locale dopo la liberazione, dove rimarrà fino alla sua elezione all’Assemblea Costituente il 2 giugno 1946.

Né ha svolto un ruolo significativo nella deliberazione della Carta costituzionale in tribunale, né è stato membro della Commissione dei 75 responsabile della sua creazione. Per Rumor, prestare servizio nell’Assemblea costituente era come svolgere un apprendistato nel mondo politico. Tuttavia, come membro della seconda generazione del Partito Cattolico, il suo lavoro nelle ACLI vicentine lo spinse inevitabilmente verso la sinistra politica.

Carla Rumor Figlia Di Mariano

Si tenne in contatto con i Dossetti visitando regolarmente la comunità del Porcellino e incontri mondani, senza adottare pienamente la loro visione del mondo. Non si è mai impegnato completamente né con Alcide De Gasperi né con Giuseppe Dossetti, rimanendo invece “nel mezzo”. Nell’agosto del 1948, come relatore della legge recante il piano Fanfani “caso INA”, fu sottoposto alla prima seria prova delle sue capacità parlamentari.

Si diceva che dopo la sua imponente prestazione nella discussione della Commissione, De Gasperi volesse che parlasse ai suoi studenti. Aveva come principale oppositore Giuseppe Di Vittorio, capo della CGIL, e con grande serietà e competenza ha condotto la legge fino al voto. La sua elezione al Consiglio nazionale DC fu suppletiva nel marzo 1949. I

l suo nome comparve nella lista della maggioranza degasperiana e in quella della minoranza Dossetti, succedendo sesto tra gli eletti nel Consiglio nazionale, e fu il più -ricevuto relatore sul tema dei “problemi attuali del lavoro italiano” al congresso di Venezia in giugno. Con questo, la sua carriera politica è decollata. De Gasperi, che sperava di mantenere rapporti cordiali con l’equipaggio di Dossetti, cercò di inserire il nuovo segretario, Paolo Emilio Taviani, e se stesso nella cerchia ristretta di Dossetti come “ponte”.

Poiché gli amici di Dossetti non hanno partecipato alla crisi che ha portato al sesto governo De Gasperi, l’attuazione di questo piano è stata ritardata. La partenza di Taviani e la successiva assunzione della segreteria da parte di Guido Gonella nell’aprile 1951 consentirono un riordino dei ranghi, con Dossetti che assunse il ruolo di vicesegretario e Rumor quello di vicesegretario organizzativo. Si dedicò con tutto il cuore a questa missione e i suoi sforzi portarono a un significativo rinnovamento

Carla Rumor Figlia Di Mariano
Carla Rumor Figlia Di Mariano

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!