Spargi l'amore
Arresto Toto Riina
Arresto Toto Riina

Arresto Toto Riina – Come Salvatore “Tot” Quando Riina morì, era uno dei membri più temuti e rispettati di Cosa Nostra siciliana e capo di un clan mafioso chiamato Corleonesi. Per questo motivo fu sospettato di essere “Capo di tutti I capi”. Fu chiamato anche u curtu per via della sua altezza di 1,58 m. Originaria dell’Italia Riina è stata soprannominata la belva dai media per la sua crudeltà e ferocia. In quanto figlio di un contadino corleonese coinvolto in attività illegali, Salvatore Riina è cresciuto fino a diventare lui stesso un criminale. Il bombardamento che uccise il padre di Salvatore, nonché uno dei suoi fratelli e ne danneggiò gravemente un altro, avvenne quando Salvatore aveva appena dodici anni. Luciano Liggio, che si era già affermato come membro della famiglia mafiosa di Corleone, lo arruolò presto. Dopo aver incontrato Liggio in una prigione a metà degli anni Quaranta, Riina salì rapidamente alla posizione di fidato consigliere del gangster.

Quando Riina aveva appena 19 anni nel 1949, commise il suo primo omicidio, che presumibilmente lo rese un membro della mafia siciliana nota come Cosa Nostra. La squadra di Liggio ha avviato una campagna di vandalismo contro uno dei underbosses di Michele Navarra dopo essere entrati in disaccordo con il capo della famiglia. Un gruppo di persone tra cui l’amico di Riina Bernardo Provenzano, i fratelli Bagarella e altri hanno distrutto la sua casa. Navarra ordinò un fallito attentato a Liggio come vendetta.

Per la prima volta in Sicilia, fucili mitragliatori basati sulla mafia italo-americana furono usati per l’uccisione di Navarra, che fu ucciso dall’equipaggio di Liggio il 2 agosto 1958. Scoppiò una brutale lotta di potere tra i lealisti residui di Navarra e la banda di Liggio a Corleone negli anni a seguire. Anche se gli uomini di Liggio ebbero il sopravvento fin dall’inizio, non si accontentarono di una semplice vittoria e massacrarono gli avversari senza pietà. Ci furono 52 omicidi e 22 attentati alla vita di innocenti a Corleone dal 1943 al 1961, oltre a diversi casi di persone scomparse e mai più ritrovate, vittime della cosiddetta Lupara bianca. Mentre combatteva per Corleone, l’assassino più attivo ed efficiente di Liggio era Riina.

Numerosi mafiosi, tra cui Riina, furono imprigionati in seguito allo scoppio della prima guerra di mafia. Fu suo compagno di cella Gaspare Mutolo, meccanico e ladro di veicoli che si unì a Cosa Nostra più tardi nella vita. Mutolo, testimone critico decenni dopo, caratterizzò con dovizia di particolari le caratteristiche di Riina. Ogni volta che Riina si informava sui furti d’auto di Mutolo e voleva sapere se fosse capace di uccidere le persone, lui rispondeva: “Se deve essere” Come poteva Riina capire perché Mutolo trovava più difficile uccidere qualcuno che irrompere in casa di qualcuno?” Sparare a qualcuno prende meno di un secondo. Per questo motivo, avrai bisogno di più tempo per completare la rapina. Per raggiungere il tuo obiettivo, ‘studente’, ha detto Riina, ‘usa tutte le opportunità ed elimina tutti i possibili ostacoli'”.

Dopo aver scalato le fila di Cosa Nostra fino a diventare il secondo membro più alto dell’organizzazione, Riina è stata incaricata dell’assassinio di Michele Cavataio nel 1969, scatenando la prima guerra di mafia. Cavataio ha anche ucciso la guardia del corpo di Liggio Calogero Bagarella nel processo. Per mostrare le sue condoglianze, la cognata di Bagarella, Riina, che era fidanzata con Ninetta e che alla fine ha sposato, ha indossato una cravatta nera per alcuni giorni. Non è stato fino al 1993 che Riina è stata finalmente arrestata dopo essere stata in fuga dall’inizio degli anni ’70. Riina divenne il controllo della famiglia Corleonese dopo la cattura di Liggio a Milano nel 1974 dopo anni di fuga. Quando in passato si riuniva la Commissione mafiosa, Liggio era spesso rappresentato da Riina. Una villa di campagna a Borgo Molara, vicino Altofonte e Monreale, era il luogo in cui Riina si nascose alla fine degli anni ’70.

https://youtu.be/fN1XSfoUTDI
Arresto Toto Riina

In breve tempo iniziò a consolidare la sua posizione di potere all’interno di Cosa Nostra. Durante la raccapricciante seconda guerra di mafia, Corleone e le altre famiglie a loro associate acquisirono il controllo totale di Napoli all’inizio degli anni ’80; più di 1000 persone sono state uccise. Esattamente come Luciano Liggio gli aveva mostrato a Corleone, Riina iniziò una campagna di devastazione, spazzando praticamente via tutti i suoi avversari. La vigilia di Natale del 1982, Riina uccise il capo mafia palermitano Rosario Riccobono e più di 20 dei suoi scagnozzi “Con grande gioia”. La nostra strage di San Valentino, abbiamo persino superato gli americani!

I Corleonesi avviarono una campagna contro lo Stato mentre massacravano i loro oppositori. Per molti anni in questo paese sono stati regolarmente perpetrati omicidi di pubblici ministeri, giudici, legislatori, giornalisti e persino membri del pubblico in generale. Quando Paolo Borsellino e Giovanni Falcone e Salvatore Lima furono assassinati nel 1992, divenne un nome familiare in Italia e nel mondo. Si presume che altri 100 morti siano di sua responsabilità, alcuni dei quali si dice abbia perpetrato lui stesso, incluso l’omicidio di B. Rosario Riccobono. In realtà, Riina era probabilmente in Sicilia ilper tutto il tempo è stato bollato come un “fuggitivo” e ha guadagnato una posizione di potere nella mafia. La famiglia del Noce palermitano si sarebbe preso cura di lui per lungo tempo a Palermo. È comunemente accettato che l’unico motivo per cui ciò fosse possibile fosse perché aveva la protezione del governo siciliano e della Democrazia Cristiana, all’epoca un potente partito politico della regione.

Il 15 gennaio 1993, Riina fu finalmente catturata a Palermo, in Italia, per gli omicidi dei popolari “cacciatori di mafia” Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, che spinsero i politici ad agire finalmente contro la mafia. In questo caso è stato preso in custodia anche Giovanni Brusca, l’uomo di riferimento di Riina per gli incarichi di omicidio. Il giornalista Mauro De Mauroto era stato rapito e ucciso, tra l’altro, nell’ambito di un complotto ordinato da Salvatore Lima e Riina. Brusca ha fornito un secondo resoconto dell’arresto di Riina:

Arresto Toto Riina

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!