Antonella Ruggiero Malattia Oggi

Spargi l'amore
Antonella Ruggiero Malattia Oggi
Antonella Ruggiero Malattia Oggi

Antonella Ruggiero Malattia Oggi – L’iconica cantante dell’ensemble genovese Matia Bazar, Antonella Ruggiero, è stata responsabile del successo di molte altre canzoni e dell’iconica melodia Vacanze romane. Indaghiamo cosa è successo con gli altri elementi.

Antonella Ruggiero, voce iconica e riconoscibile di Matia Bazar, è stata uno dei membri originari della band nel 1975. Si è sempre distinta per la sua ampia estensione vocale, che le ha permesso di passare dal registro pop al soprano leggero e di la prima donna del gruppo. Insieme agli altri membri della band, ha aiutato Solo tu, Stasera che sera e Vacanze romane a diventare canzoni di successo.

Per dedicarsi alla sua vita personale e familiare, ha lasciato il complesso nel 1989, ponendo fine alla collaborazione artistica con gli altri residenti. In realtà, l’interesse amoroso del produttore di Roberto Colombo, Antonella, aveva dato alla luce Gabriele nel 1990. È tornata sulla scena musicale nel 1996, aprendo le tappe italiane del tour di Sting, dopo sette anni di assenza. Poi, come solista, si è dedicata a progetti personali.

I membri originari e fondatori dell’ensemble musicale Matia Bazar, nati tutti a Genova nel 1975, erano il tastierista Pierangelo Cassano, il chitarrista Carlo Marrale, il bassista Aldo Stellita, il batterista Giancarlo Golzi e la cantante Antonella Ruggiero. Con questa formazione iniziale la band vinse il Festival di Sanremo nel 1978 con il brano E dirsi ciao, facendosi conoscere sia in patria che all’estero.

La composizione del complesso è cambiata frequentemente nel corso degli anni. Piero Cassano ha lasciato nel 1981 e Antonella Ruggiero ha detto addio a Matia Bazar nel 1989. Piero Cassano è poi tornato nel 1999 e ha detto addio ancora una volta nel 2017. Negli anni ’90, Stellita e Marrale si sono salutati definitivamente. Golzi, morto prematuramente nel 2015, è stato il membro della band che ha vissuto più a lungo. I membri della band si sono impegnati in sforzi personali dopo aver lasciato il gruppo.

Aldo Stellita, uno dei membri fondatori di Matia Bazar, è scomparso il 9 luglio 1998, a causa di un terribile tumore che gli ha tolto la vita nel giro di un anno. Aveva solo 51 anni ed era nato il 2 agosto 1947 a Campobello di Mazara, in Sicilia. Oltre a suonare il basso e cantare, ha anche rivisto i testi della mitica band italiana. Ha fatto la sua ultima apparizione pubblica con il gruppo nel dicembre 1997 alla cerimonia del Premio Rino Gaetano.

La solida donna Antonella Ruggiero dà risposte oneste. Potrebbe sembrare tosta, ma non lo è. Lei capisce. Lei è poliedrica. Per quanto riguarda il suo essere un’artista e il significato del suo sviluppo sia per la sua arte che per l’umanità. Lo ha fatto mettendo il suo successo musicale nel passato per perseguire una ricerca senza fine tra musica popolare e sacra. Le grandi piattaforme digitali ora offrono l’intera produzione discografica. Parliamo di 372 canzoni in 27 album.

tra performance dal vivo e classici come And Will You Love Me, composto e orchestrato da Ennio Morricone. La cantautrice ha pubblicato un altro album, Come l’aria che si rinnova, in cui rielabora e riarrangia 18 brani composti per lei tra il 1996 e il 2018. È qui che inizia la nostra conversazione.Perché ce ne sono così tanti, è stato difficile. Sono legati ai due anni precedenti così come a questo periodo estremamente cupo legato alla guerra.

Potrebbero avere dei pensieri deprimenti o addirittura sinistri in loro. Senza questi sentimenti, non esiste una volontà specifica.Sono frammenti tratti da diversi lavori realizzati tra il 1996 e il 2018. Ho vissuto cose davvero intriganti in ogni decennio, passando dal pop alla musica popolare, sacra, moderna di Adriano Guarnieri. Ho passato molto tempo a muovermi all’interno della musica. Anche se può sembrare che siano molto distanti, secondo la mia esperienza, questo non è il caso quando li scegli e li senti pienamente.

All’età di 8 anni mi sono interessato per la prima volta alla musica sacra ascoltando l’organo liturgico nella storica chiesa di Santa Maria di Castello a Genova. Mio nonno ed io eravamo insieme quando l’impatto sonoro mi ha sopraffatto. Una cosa che mi è rimasta impressa sin da quando ho iniziato a indagare sui canti di musica sacra nella loro interezza, con concerti in luoghi specifici, nel 2001.

Antonella Ruggiero Malattia Oggi

Nella notte di cristallo, nella solitaria sinagoga ancora in piedi a Berlino. O a un festival musicale come questo a Fez, in Marocco. Ho esaminato la religione indù in India. Tutti hanno accesso alla musica oggi, ma la musica storica contiene ancora manufatti sorprendenti. Stupirmi emotivamente è per me la pietra angolare di tutto.

Uno degli eventi conclusivi è stato un concerto che si è svolto nella Basilica di Sant’Antonio a Padova pochi giorni prima del lockdown, nell’anno legato alla pace. Era gremito di volontari, persone straordinarie che avevano solo pochi giorni per prepararsi all’epidemia. L’empatia è stata creata dalla registrazione dal vivo di quella performance, che comprendeva artisti di diversi generi musicali. Le mie cose preferite si mescolano insieme: elettronica vintage, mstrumenti usati da molto tempo fa, e classici che hanno guadagnato valore.

Come definiamo la fede? Ogni religione ha i suoi percorsi. Questo genere di cose non ha presa su di me. Il mio rapitore è la natura. Anche la verdura più piccola, apparentemente senza importanza, contiene una geometria notevole. Tutto ciò che accade naturalmente, compresi gli animali e la vegetazione, mi affascina. Se ho fede, è nelle cose belle che cancelliamo che vedo.

Non ne sa molto. All’inizio, sembra che l’uno che aiuta l’altro lo stia facendo mentre prova un estremo timore o preoccupazione. Poi sono emerse le parti oscure ripugnanti, spiacevoli e pericolose degli umani. Dopo questo racconto, è scoppiata la guerra e chissà quali sfide sociali potremmo ancora affrontare. Lo stato del globo non è migliorato secondo me.

Antonella Ruggiero Malattia Oggi
Antonella Ruggiero Malattia Oggi

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!