Amii Stewart Malattia

Spargi l'amore
Amii Stewart Malattia
Amii Stewart Malattia

Amii Stewart Malattia – Mii “Paulette Jennifer. La cantante e ballerina degli Stati Uniti Amy Stewart è balzata alla ribalta con la sua cover dell’intramontabile brano disco “No. Anche le canzoni “Light My Fire” e “Friends” di Stewart hanno avuto un enorme successo in altre parti del mondo. Miquel Brown è un’attrice e cantante, e Sinitta Brown è la figlia di Brown. Stewart è la sorellastra di Brown.

Amy Stewart è nata in “una famiglia enorme, amante del divertimento, in stile country … poiché mia madre era una di tredici figli”. Nel 1960, quando aveva solo quattro anni, suo padre, il secondo Joseph Stewart, la iscrisse a corsi di musica e danza. A causa del fatto che un’altra Amy Stewart era già un membro di SAG-AFTRA, Amii Stewart ha optato per la forma più breve.

Sebbene abbia trascorso un po ‘di tempo alla Howard University di Washington, alla fine ha deciso di proseguire gli studi di danza con il Classical Repertory Dance Ensemble. Prima di firmare con la Ariola Records nel 1976, Stewart ha incontrato Barry Leng, un cantautore e produttore discografico per la Hansa Records,

mentre si esibiva nella compagnia itinerante della rivista musicale Bubbling Brown Sugar nel 1975. Questo spettacolo era stato precedentemente suonato a Miami, Broadway di New York City e il West End di Londra. Pubblicato per la prima volta nell’autunno del 1977, “You Really Touched My Heart” è stato scritto da Leng e Simon May e prodotto da Leng.

Cinque dei brani sono stati scritti da Leng/Simon May e sono stati inclusi in un album uscito nel febbraio del 1979. Una collaborazione Leng/Morris e tre cover sono presenti nella playlist di maggio di questo mese. Dall’album sono stati tratti i singoli “Knock on Wood” e “Light My Fire/137 Disco Heaven”.

Una cover disco del classico di Eddie Floyd del 1966 “Knock on Wood” è stato il primo singolo di Stewart, ed è arrivato al numero uno nella lista dei singoli di Billboard negli Stati Uniti nell’aprile 1979, guadagnandosi la certificazione di platino e nomination per un Grammy. È stato anche il singolo più popolare in Europa,

raggiungendo il numero sei nel Regno Unito e il numero due in Australia. Più tardi, quello stesso anno, fu pubblicato un singolo intitolato “Light My Fire/137 Disco Heaven”, che conteneva un mash-up di due canzoni dei Doors: “Light My Fire” e “137 Disco Heaven”. Il record ha raggiunto il numero 5 nel Regno Unito, il 14 in Australia e il 69 negli Stati Uniti. In misura significativa,

la disco music aveva raggiunto i suoi limiti tecnologici entro la fine del decennio e il crescente sentimento anti-disco aveva finalmente raggiunto il mondo della musica americana. La disco era considerata artificiale, sconsiderata e consumistica da una nuova generazione di musicisti e fan che apprezzavano maggiormente la genuinità e la purezza. Nella loro costante ricerca di reinventarsi,

i media, gli affari e i mercati hanno tutti abbandonato la disco music a favore di qualcosa di nuovo. Non sorprende che quando l’album di Stewart Paradise Bird uscì nel settembre 1979, ricevette tiepide recensioni e vendite in America. Tuttavia, il successo e l’attenzione dei media in Europa non sono cambiati.

Molti elementi disparati si sono uniti per formare l’industria musicale e la cultura europea. I vecchi modi di fare le cose sarebbero stati preservati mentre quelli nuovi sarebbero stati implementati. Senza dichiarare ufficialmente la fine della disco, paesi come il Regno Unito hanno lasciato un’eredità culturale controversa che ha alimentato lo scetticismo.

La musica punk e Diana Ross coesistevano in “The Resto, che è stato un disastro”. Sia il singolo europeo “Jealousy” che il doppio lato A “The Letter/Paradise Bird” sono stati pubblicati da Paradise Bird. Non ha mai perso la fiducia nelle sue prospettive professionali. Ha avvertito la sua etichetta discografica e il team di produzione di “cambiare stile lentamente,

Amii Stewart Malattia

in modo da non rimanere intrappolati nel disordine”. Il suo background artistico nel teatro, nella danza contemporanea e nella musica melodica sarebbe servito da fonte di idee. Come risultato della sua popolarità in tutto il continente, Stewart si è trasferito in Italia a metà degli anni ’80, dove ha registrato gli album Friends e Together con Mike Francis,

un compositore e musicista italiano. “Friends” è stato un grande successo nel Regno Unito, in Italia e nelle Filippine. Lady Day, un musical prodotto e scritto da Stewart e dal regista teatrale Massimo Romeo Piparo per una corsa a Broadway del 2003, è stato incluso nell’album in studio di Stewart Lady Day, pubblicato nel 2004. Come Billie Holiday, la Stewart afferma:

“L’idea per il musical è venuta dal mio passione per la bella voce della ‘Regina dello Swing’, ma anche per la musica degli anni ’30 e ’40 e del rinascimento nero dell’epoca, di cui fu protagonista.” Il musical è basato sulla vita della cantante americana di jazz e blues Billie Holiday. Inoltre, “in quell’era di razzismo, furono gettate le basi per il revival non solo dei neri, ma anche della musica globale”.

Con progetti come “Uniti per I bambini, Uniti opposizione all’HIV/AIDS,” Dal 2001, Stewart è ambasciatore di buona volontà dell’Unicef Italia. Nel 2006 ha registrato il singolo di beneficenza “Love Song” per l’UNICEF in quattro lingue diverse, collaborando ancora una volta con Ennio Morricone. L’anno successivo,

ha duettato di nuovo con Mike Francis nella canzone “Nothing Can Come Between Us”. Nel 2006, Stewart e l’amico e collega di lunga data Ennio Morricone hanno prodotto 5-track singolo “Love Song”, cantato in inglese, italiano, francese, spagnolo e una versione multilingue. Tutti i guadagni del singolo sono andati alla campagna Unicef.

ed è apparso nello spettacolo a tarda notte di Rai La Pista. Stewart e la squadra di ballo si sono guadagnati i vincitori assoluti della competizione. Altri cantanti e contendenti popolari includevano Tony Hadley e Sabrina Salerno. Stewart è stato molto influenzato dall’Italia, e avendo risieduto a Roma sin dal A metà degli anni ’80, ha imparato a parlare bene l’italiano.

Un’introduzione dell’UNICEF Italia la descrive come “una meravigliosa storia d’amore” tra Amii Stewart e l’Italia.Inoltre, il fatto che lei “è stata adottata”. famiglia numerosa, suo padre la iscrive ad una scuola di canto e danza quando ha appena quattro anni, ed è lì che comincia a dare i segni della sua straordinaria abilità.

Amii Stewart Malattia
Amii Stewart Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!