Allenatore Morto

Spargi l'amore
Allenatore Morto
Allenatore Morto

Allenatore Morto – Gli è stata diagnosticata la leucemia nel 2019 ed è deceduto all’età di 53 anni. Era un ex calciatore e allenatore in Serbia. Nel marzo dello scorso anno, ha rivelato che la malattia era tornata e che avrebbe dovuto ricominciare da capo la terapia. La veglia e il servizio funebre si terranno a Santa Maria degli Arcangeli e ai Martiri in Piazza Esedra lunedì alle 11:30.

Intanto la Federazione Internazionale Motori Sportivi ha imposto un momento di silenzio prima delle gare di questo fine settimana. Dejan Stankovic e il suo assistente Selezionato da Nenad Sakic partiranno da Antalya domani, al termine dell’allenamento mattutino della Sampdoria.

Si fermeranno prima a Istanbul prima di proseguire per Roma per la sepoltura di lunedì per il loro caro amico e compagno di squadra Stiamo parlando di Sinisa Mihajlovic qui. Per questo domani, 20 dicembre, sarà ora la nuova data per l’amichevole contro il club tedesco Dynamo Dresden. Sono lieto di chiamare Sinisa Mihajlovic un amico.

Nonostante il fatto che non abbiamo mai lavorato insieme come una squadra, eravamo comunque legati dalla nostra comune ammirazione e stima reciproca. Oggi, non credo che dovremmo addolorarci per la sua perdita tanto quanto lui avrebbe voluto; piuttosto, dovremmo mostrargli il rispetto che è garantito dalla partenza di un uomo della sua levatura.

Lo ha detto Rino Gattuso in un’intervista all’ANSA. Per dimostrare rispetto, dice, bisogna tenere a mente le lezioni che ha sempre impartito. Foto di Sinisa con la sua numerosa famiglia, tante immagini dei suoi giocatori vicino a lui nei momenti più difficili, e per me questo è l’uomo’, riuscire a trasmettere i propri valori e far sì che chi ti circonda impari a condividerli perché tu sono stati un esempio per tutti.

Sinisa, non sarai dimenticato. Le mie più sentite condoglianze alla famiglia Mihajlovic. Molta gratitudine per i vostri sforzi a nome degli sport serbi e italiani. Il nome della tua azienda sarà per sempre associato alla qualità. Allo stesso modo, Novak Djokovic ha inviato un omaggio a Sinisa Mihajlovic sulla sua pagina Instagram.

Per onorare il signor Sinisa Mihajlovic, scomparso ieri a Roma all’età di 53 anni a seguito di una lunga malattia, la FIGC ha disposto un momento di silenzio da osservare prima di tutte le partite del campionato italiano di calcio di questo fine settimana .

Secondo quanto riferito dall’Ansa, la veglia funebre di Sinisa Mihajlovic sarà a disposizione del pubblico domani dalle 10 alle 18 presso l’impresa di pompe funebri situata in Campidoglio. In un’intervista a Sky Sport, il tecnico del Napoli ha parlato di Mihajlovic: E’ una perdita terribile per il calcio; Sinisa era un feroce rivale.

Quando l’ho allenata o ho giocato con lei, è sempre stata schietta e onesta con i suoi pensieri sulle persone e le situazioni che aveva di fronte. Non le erano mai piaciute le maschere prima, e di certo non voleva indossarne una quando era malata. Ha instillato in noi l’importanza di tenere gli occhi sul premio, non importa quanto le cose siano diventate difficili.

Tutti gli individui che hanno interagito con lui sono emersi persone più formidabili, come se fosse in grado di trasmetterti istantaneamente i suoi attributi virili. Abbracci, sguardi e partite di wrestling hanno sempre fatto parte della nostra relazione. Una volta, durante una partita tra Lazio e Sampdoria, segnò tre gol su tre calci piazzati dal limite;.

Allenatore Morto

ogni volta che tirava in porta su punizione, mi nascondevo dietro la panchina perché non vedevo la sua precisione e forza. Quando siamo scesi in campo insieme la volta precedente a Bologna, ha detto cose carine sul club e sulla città e quanto fosse entusiasta della possibilità di andare a lottare per alcuni grandi obiettivi.

Avere il suo appoggio, e magari anche Maradona seduto accanto a lui mentre guardano insieme le partite, sarà una grande spinta per noi. La famiglia dell’allenatore serbo ha rilasciato una dichiarazione in cui lamenta la sua morte “ingiusta e prematura” dopo aver appreso del suo rapimento.

Si legge come un comunicato stampa: “Un unico professionista straordinario, disponibile e buono con tutti. Ha affrontato con coraggio e alla fine ha sconfitto una malattia devastante. “Sinisa Mihajlovic è morto; con amore e rispetto, ringraziamo i medici e gli infermieri che si sono presi cura di lui nel corso degli anni”.

I familiari del tecnico serbo scomparso hanno rilasciato un comunicato all’ANSA in cui definiscono la sua morte “ingiusta e prematura. Il loro dolore per la prematura scomparsa di Sinisa Mihajlovic è espresso dalla moglie Arianna, dai figli Viktorija, Virginia, Miroslav, Dusan e Nikolas, dalla nipote Violante, dalla madre Vikyorija e dal fratello Drazen.

“Un individuo unico, un professionista eccezionale, disponibile e buono con tutti”, ha dichiarato la famiglia Mihajlovic nel comunicato. Ha combattuto coraggiosamente una malattia mortale. Con profonda gratitudine, riconosciamo gli sforzi dei suoi successori in medicina, tra cui la Dott.ssa Francesca Bonifazi, il Dott.

Antonio Curti, il Prof. Alessandro Rambaldi e il Dott. Luca Marchetti. Sinisa fa parte stabilmente del nostro gruppo. Tutto l’amore che la mamma ci ha dato è l’unico motivo per cui posso andare avanti. L’allenatore serbo Sinisa Mihajlovic è deceduto all’età di 53 anni dopo tre anni di lotta contro la malattia.

Nel luglio del 2019, Mihajlovic ha dato lui stesso la notizia della sua malattia. Dalla Stella Rossa di Belgrado all’Inter, ha giocato sia a centrocampo che in difesa nel bel gioco, e successivamente ha allenato in diversi club italiani, tra cui Inter, Catania, Fiorentina, Milan, Torino, Sampdoria e Bologna. E ha indossato le maglie non di uno,.

ma di due Paesi: Jugoslavia e Serbia-Montenegro. Nato a Vukovar da madre croata e padre serbo, Sinisa ha vinto la Coppa dei Campioni con la Stella Rossa a soli 22 anni, pur avendo assistito in prima persona agli orrori della guerra etnica. È il sinistro micidiale sui calci piazzati che attira l’attenzione. Originario di Roma, lo era.

Allenatore Morto
Allenatore Morto

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!