Alighiero Noschese Malattia

Spargi l'amore
Alighiero Noschese Malattia
Alighiero Noschese Malattia

Alighiero Noschese Malattia – La puntata di Techetechete di questa sera celebra i migliori e più amati imitatori italiani, e l’uomo dai mille volti, Alighiero Noschese, sarà uno dei protagonisti dello spettacolo. Ci sono alcuni film su Gigi Sabani che devi assolutamente vedere. Alighiero Noschese è stato l’imitatore più popolare d’Italia negli anni ’60 e ’70 grazie al suo talento unico: un volto che poteva imitare con successo le sembianze di Giulio Andreotti, Amintore Fanfani e molti altri personaggi televisivi.

Nel 1974, lui e sua moglie si separarono, e questo segnò l’inizio di una tendenza al ribasso sia nella loro vita professionale che personale. Con il rapimento di Aldo Moro il ritorno in Rai del 1978 viene scartato, perché nessuno ha più voglia di prendere in giro i politici. Tutto ha seriamente influito sul suo equilibrio e sulla sua salute. Il 3 dicembre 1979 Noschese fu ricoverato a Villa Stuart a Roma per un grave esaurimento nervoso e crisi depressive; Anche Giulio Andreotti è stato curato lì per un intervento chirurgico alla cistifellea.

E lo fa proprio lì, nella cappella della clinica, con una pallottola in testa. Ma come ha fatto Noschese a portare un’arma da fuoco all’interno dell’edificio? Era minacciato da qualcuno contro il quale sentiva il bisogno di difendersi? È inspiegabile che nessun personale delle forze dell’ordine all’interno dell’edificio abbia visto l’uomo armato. Nessuna risposta è stata data a nessuna delle domande. L’appartenenza di Alighiero Noschese alla loggia P2 non è stata scoperta fino al 1981, quando è stato rivelato che,

per ingannare gli investigatori che indagavano sui grandi omicidi dell’epoca, aveva impersonato personaggi popolari come il presidente Leone e Giulio Andreotti. L’identità di Noschese è rimasta un mistero. Nasce a Napoli nel 1932 e muore a Roma il 3 dicembre 1979. Un ultimo atto di autodistruzione. Noschese Alighiero è il suo nome. Il maestro imita la cui vita era avvolta nel mistero. Alighiero Noschese si suicidò sparandosi alla testa il 3 dicembre 1979. Era un paziente della clinica d’élite romana Villa Stuart.

Noschese, ormai 47enne, si sparò al tempio la mattina presto del 3 dicembre 1979, nella cappella giardino della clinica romana Villa Stuart. Il suicidio ha sollevato sopracciglia e domande poiché era così fuori dall’ordinario che un paziente depresso in ospedale avrebbe avuto una pistola con sé.

Il famoso attore ha trascorso 22 giorni in clinica prima di suicidarsi mentre faceva una passeggiata nel parco. Ma perché aveva una pistola? Chi gli ha dato l’arma, e perché gliela hanno data? Alla sua morte Alighiero Noschese fu salutato come un “maestro” della Massoneria, ma per cosa è stato ricordato esattamente? Il suo passato è avvolto nel mistero. La sua appartenenza alla Massoneria, con il numero di iscrizione 343, è stata rivelata dopo il suo “strano suicidio”. Ma cosa ha a che fare il suo status di Massoneria con la sua prematura scomparsa?

Ci sono molte domande senza risposta e preoccupanti che circondano il suicidio dell’artista. Dopo aver subito un grave esaurimento nervoso e depressione, l’attore è stato ricoverato in ospedale. Il suo revolver 38 “Smitt and Wesson” era nascosto nella fondina di una giacca, quindi perché è stato lasciato entrare in ospedale con esso? Qualcuno che lavora in campo medico ha detto ai giornalisti che al famoso artista è stato concesso il permesso di portare il fucile in modo che potesse sentirsi al sicuro.

Alighiero Noschese Malattia

La domanda è, di chi esattamente aveva un così sano rispetto: Alighiero Noschese? Perché esattamente. E, cosa ancora più importante, quali preoccupazioni chiave hanno portato il medico di punta della clinica a concordare sul fatto che uno dei suoi pazienti, nonostante la notorietà del paziente, potesse andare all’ospedale armato? Esiste un’altra coincidenza e potrebbe essere l’unica nel suo genere. Quando Alighiero Noschese si sarebbe “suicidato” è stato lo stesso giorno e nella stessa struttura in cui Giulio Andreotti è stato operato alla cistifellea.

È stato un puro caso che i terreni della Clinica siano stati presidiati dai reparti speciali dei carabinieri, che in seguito hanno riferito di non avervi visto né niente né nessuno. Usando una pistola, Alighiero Noschese si è suicidato nella cappella del giardino della clinica dove lavorava. Credi sia plausibile che i carabinieri non siano riusciti a mantenere l’ordine nella chiesetta? È possibile che nessuno abbia captato nulla e che i militari non siano stati informati della presenza dell’arma? Perché nessuno ha allertato i carabinieri a guardia dell’ospedale per proteggere Andreotti?

Ancora più preoccupante è il mistero del motivo per cui il personale medico ha impedito ai visitatori di visitare il corpo dell’artista dopo aver scoperto il corpo deceduto. Sembra che Alighiero Noschese si sia tolto la vita, o si sia fatto “aiutare” da qualcuno? Il che pone le domande, chi se ne frega e perché dà fastidio. Ci sono molte ipotesi, ma nessuna soluzione definitiva. Il diversivo delle stragi nella prima metà degli anni ’70, gli “anni di piombo” e la strategia di tensione che ne seguì, deve essere preso in considerazione.

Un generale ha recentemente informato il giornale L’Espresso che un imitatore di talento, che parlava anche correntemente i dialetti, aveva il compito di fare telefonate nel tentativo di fuorviare le indagini sui massacri. L’artista ha dovuto imitare i toni di numerosi leader di spicco, come l’ex presidente Giovanni Leone e l’attuale presidente del Consiglio Giulio Andreotti. Questi due potenti politici erano Alighiero Nochessono cavalli di battaglia.

Un altro dato preoccupante è che l’attore fosse un massone, anzi un maestro massonico, nella strage del treno Italicus del 1974, che coinvolgerà Lucio Gelli per iscritto come imitatore. Ventidue giorni dopo essere stato ricoverato in ospedale, Alighiero Noschese si è sparato alla tempia, sconvolgendo tutti e creando un fresco “mistero” italiano che non è mai stato risolto. Alighiero Noschese, nato il 25 novembre 1932 a Napoli, è noto soprattutto per aver interpretato il personaggio di un imitatore irriverente di personaggi noti della rete televisiva italiana Rai.

Le parodie di Noschese sono in genere piuttosto sfacciate e prendono in giro politici, artisti e musicisti degli anni ’60 e ’70, in linea con lo spirito del periodo. Invece di perseguire il suo sogno di diventare giornalista, diventa uno dei più grandi imitatori della storia della televisione italiana dopo aver iniziato come imitatore e parodista alla radio. Durante la sua breve ma rigorosa carriera, ha affermato di aver imitato più di mille voci, come ha ricordato in una delle sue ultime interviste poco prima.

Alighiero Noschese Malattia
Alighiero Noschese Malattia

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!