Alba Rohrwacher Tumore

Spargi l'amore
Alba Rohrwacher Tumore
Alba Rohrwacher Tumore

Alba Rohrwacher Tumore – Ha frequentato il Liceo Classico di Orvieto e poi il Centro Sperimentale di Cinematografia, dove si è diplomato nel 2003. Da allora ha lavorato a diversi spettacoli teatrali, come l’adattamento di Valerio Binasco di Noccioline – Peanuts di Fausto Paravidino. Nel 2004 esordisce al cinema con L’amore ritrovato, regia di Carlo Mazzacurati. Baciami Lorena, commedia del 2005 de I Licaoni, lo vede protagonista.

Dopo essere apparsa nel 4-4-2 – Il gioco più bello del mondo di Melissa P. e Claudio Cupellini, ruba la scena nel 2007 in The Italian Job. In questo ritrae la sorella di Elio Germano e Riccardo Scamarcio, con i quali ha studiato al Centro Sperimentale; mio fratello è figlio unico. Anche se non l’ho mai incontrata, conosco diversi aspetti di lei: ho avuto modo di visitare la casa dove ha trascorso la sua infanzia e di conoscere sua madre.

La sua carriera decolla sul serio nel 2007, quando appare in due produzioni acclamate dalla critica: Piano, solo di Riccardo Milani e Days and Clouds di Silvio Soldini, per il quale è nominata e alla fine vince il premio come miglior attrice non protagonista nel 2008. Inoltre, nel luglio 2009 le è stato conferito il Premio Schiaretti di Parma, assegnato alle nuove stelle più promettenti del cinema italiano dell’anno e precedentemente vinto da Isabella Ragonese.

Nel 2008, è apparsa in tre film che le sono valsi il plauso della critica: Take Me Back, presentato in anteprima al Sundance Film Festival; aCaos calmo, regia di Antonello Grimaldi; e Il padre di Giovanna, diretto da Pupi Avati, per il quale ha ricevuto il David di Donatello 2009 come migliore attrice e una candidatura ai Nastri d’Argento. Il direttore Saverio Costanzo è suo socio in affari dal 2010.

Ad oggi, Alba Rohrwacher non ha affrontato la questione se sia o meno malata di cancro. Sembra essere troppo preoccupata per le riprese per commentare la speculazione.

Dopo una pausa dal grande schermo, ha realizzato quattro film nel 2009: la sua filmografia include Due giochi di Enzo Monteleone, I am love di Luca Guadagnino, Giorgio L’uomo che verrà di Rights e Il tuo disprezzo di Christian Angeli. Nel 2010 è co-protagonista con Pierfrancesco Favino nel film di Silvio Soldini Quello che desidero di più, per il quale riceve il Ciak d’oro e un’altra nomination ai Nastri d’argento come migliore attrice protagonista.

Ma soprattutto, la sua interpretazione in “La solitudine dei numeri primi”, adattamento cinematografico di un romanzo di Paolo Giordano, le è valsa il Nastro d’argento come migliore attrice l’anno successivo, la medaglia Pasinetti a Venezia e infine il Ciak d’oro . Quando il regista americano Darren Aronofsky ha presieduto la 68a Mostra del cinema di Venezia nel 2011, ha fatto parte della giuria internazionale.

Alba interpreta una signora, madre di quattro ragazze, sposata con un apicoltore tedesco che non vuole che la sua famiglia abbia contatti con lo sviluppo e la televisione nel film di sua sorella Alice Le meraviglie, ispirato all’infanzia delle sorelle Rohrwacher . Il Gran Premio speciale della giuria del Festival di Cannes 2014 è andato a uno dei lungometraggi in competizione.

Alba Rohrwacher Tumore

Successivamente, nel settembre dell’anno successivo, è in concorso alla 71. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con Hungry Hearts, diretto da Saverio Costanzo. Il film, tratto dal romanzo The Indigo Child, è ambientato a New York e racconta la storia di una giovane coppia, Mina e Jude, il cui matrimonio è destinato a fallire a causa di Le ossessioni ossessive di Mina per il suo bambino, che considera eccezionale.

Il 6 settembre 2014, Alba ha vinto la Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, mentre Adam Driver ha vinto come miglior attore, alla Mostra del cinema di Venezia, entrambi per i loro ruoli nel film. La performance di Alba in Vergine giurata, film d’esordio di Laura Bispuri tratto da un romanzo di Elvira Dones, è stato presentato in concorso al Festival di Berlino 2015 a febbraio.

Alba interpreta Hana, una giovane orfana che decide di diventare Mark per poter essere considerata un maschio e godere degli stessi privilegi nella società albanese. Alba parla la maggior parte delle sue battute in albanese per tutto il film. I critici hanno definito la sua interpretazione “meravigliosa” e “intensa”, definendola la “vera pietra angolare” del film. Annalisa ci ha salutato mentre suo padre era via a occuparsi delle api.

Per la sua interpretazione di Angelica, la madre della giovane protagonista de Le meraviglie, è stata nominata per il Ciak d’oro, il massimo riconoscimento italiano per la recitazione, nella primavera del 2015. Ha vinto il Golden Globe per il suo lavoro in Hungry Hearts ed è stata candidata anche al David di Donatello e al Nastro d’Argento per il suo lavoro in Vergine Giurata.

È stato circa un anno fa, dopo che il film Le meraviglie, diretto dalla sorella Alice e interpretato da Alba, ha vinto il Gran Premio Speciale della Giuria al Festival di Cannes. Alba interpreta il ruolo principale di un apicoltore belga che trasferisce la sua famiglia in campagna e li isola dal resto del mondo. Anche se non abbiamo ancora iniziato l’intervista, Alba Rohrwacher è già arrabbiata con me.

Allo stesso modo, le sorelle Rohrwacher sono state allevate dal loro esserepadre di mantenimento, Reinhard, un tedesco di Amburgo. Vent’anni fa, mentre era ancora un musicista, lui e la moglie insegnante Annalisa, fiorentina colta e laureata in Filosofia, si trasferirono nella verdeggiante campagna umbra con le loro due giovani figlie e fondarono una piccola azienda che produce miele biologico.

Ci sono andato senza fissare appuntamento perché temevo di essere respinto a priori perché mi interessava conoscerli e capire quanto del film fosse autobiografico. Era carina e bionda e ci ha dato il miele dell’alveare da usare nel nostro caffè. Non era interessata a conoscere le interviste, ma da donna premurosa e perspicace che è, ha rivelato, attraverso le sue espressioni e poche parole ben scelte, le convinzioni ei valori fondamentali dei Rohrwacher.

Alba Rohrwacher Tumore
Alba Rohrwacher Tumore

Related Posts

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Il contenuto è protetto !!